martedì, marzo 20, 2007

Grandi Passi per l'Umanità: gli stivaletti a razzo

Secondo il New York Times gli scienziati russi, e prima di loro quelli sovietici, hanno spesso avuto problemi a far decollare le loro invenzioni nel mondo capitalistico: una compagnia di Saratov aveva progettato un aereo da trasporto senza coda chiamato "disco volante", che non si è mai alzato in volo; l'inventore del Tetris non poté brevettare la sua invenzione, perdendo così grandi somme di denaro; gli ingegneri russi crearono delle pompe sommergibili per pozzi petroliferi, ma poi non furono in grado di svilupparle per mancanza di investimenti e ora le compagnie russe sono costrette a comprare dall'Halliburton.
Ne parla questo articolo, segnalato da Sean's Russian Blog.

Ma l'ho presa larga, perché in realtà voglio raccontarvi degli stivaletti a benzina di Viktor Gordeev. Nei primi anni Settanta il loro inventore pensava che un bel giorno sarebbero diventati il sistema che avrebbe fatto muovere l'umanità. Non fu così. Gordeev e i suoi colleghi dell'Università di Ufa proposero gli stivali all'esercito sovietico, ma ottennero solo di farli classificare come segreto militare fino al 1994. E poi fu troppo tardi: scoprirono infatti che nel mercato capitalistico non c'era più spazio per gli stivaletti a benzina. Secondo il New York Times si tratterebbe appunto di un esempio lampante di incapacità di convertire il talento in prodotti utili e commerciali, invece di convogliarlo nel settore militare.
Va bene, sarà come dicono loro: però, intanto, contempliamo questa sgangherata, bizzarra e inutile meraviglia. Gli stivaletti (anche detti "stivali delle sette leghe" e "stivaletti a razzo russi") hanno il loro piccolo carburatore, un sistema d'accensione e dei serbatoi in grado di contenere una quantità di benzina tale da garantire un'autonomia di tre miglia.
Naturalmente sono pericolosissimi, più un sistema per uccidere l'umanità (o spezzarle le gambe) che per farla muovere. E pesano così tanto da rendere più stancante calzarli che coprire la stessa distanza correndo.
Come ha dichiarato al New York Times un ex studente che fece una dimostrazione degli stivaletti a Disney World nel 1998, "Dovrebbero essere in grado di funzionare come un Kalašnikov. Cioè risultare affidabili nelle mani di chiunque".
Ho guardato questo video su YouTube con tenerezza e apprensione per il paperinik ansimante e traballante de noantri: certo, esempio di cattiva gestione russa del talento, meno affidabili di un Kalašnikov, un grande passo dell'umanità dentro un vicolo cieco o in un fosso.
Ma che passo, che passo.

Nessun commento: