giovedì, luglio 31, 2008

Zjuzin metallurgico ferito nell'onore

Il fatto: il gruppo metallurgico russo Mečel avrebbe evaso le tasse esportando materie prime attraverso compagnie offshore.

Nell'incontro del 24 luglio a Nižnij Novgorod Putin esprime in questo modo il suo estremo scontento:

"Abbiamo un problema. C'è questa compagnia, la Mečel. A proposito, abbiamo invitato qui l'amministratore delegato, Igor' Zjuzin, che però si è improvvisamente ammalato. Tra l'altro, è noto che nel primo timestre di quest'anno la compagnia ha esportato materie prime applicando prezzi dimezzati rispetto a quelli praticati sul mercato interno, e cioè mondiali.
E il margine dov'è, per le tasse da versare allo stato?
Certo, la malattia è malattia. Ma sarà meglio che Igor' Vladimirovič si rimetta presto, o bisognerà mandargli un dottore per spazzare via tutti questi problemi. Chiedo poi che il Servizio Federale Anti-Monopoli si occupi di questo caso. Forse dovrebbe essere anche istituita una commissione di inchiesta. Bisogna fare chiarezza su quello che sta accadendo".

Effetto:
Quotazioni della Mečel giù del 26% circa.

Teorie (del complotto e non): guerre di clan! Siloviki! FSB! Il malvagio Sečin! La lobby metallurgica!

Ci limitiamo qui a osservare i due Grandi Momenti di Gelo e Paura: quando Putin dice "a marža gde?" ("e il margine dov'è?", già un tormentone), e il gesto risolutivo della mano con cui accompagna le parole "začistit' vse eti problemy" (spazzare via tutti questi problemi). E un Grande Momento di Curiosità: le facce dei presenti, soprattutto di quelli che fingono di scrivere.
Not good to be Zjuzin.

Enjoy:




Filed in:

mercoledì, luglio 30, 2008

Androidi

D. Zelenin: Ancora un'ultima cosa. Tornando all'argomento scolastico vorrei raccontare di un istituto, o meglio di un campo estivo, unico nel suo genere. È il "Komp'juterija" ("Informatica"), che è stato fondato nel distretto di Tver' cinque anni fa. Da un lato è un normale campo estivo dove i ragazzi trascorrono le vacanze scolastiche, dall'altro è un luogo di formazione serissimo, dove per 30 giorni il ragazzino si immerge completamente nell'ambiente informatico e poi ne esce che è perfettamente addentro alla grafica computerizzata, al design, alla tecnologia dell'informazione.

D. Medvedev: L'importante è che dopo questa immersione riemerga.

D. Zelenin: Dopo 30 giorni i genitori lo vanno a riprendere. Ma vorrei dire che molti dirigenti e membri del Governo della Federazione Russa ci hanno mandato i loro ragazzi.

D. Medvedev: Non sarebbe male immergerci i dirigenti, per poi riportarli sul posto di lavoro già perfettamente reinstallati.

Fonte: Cremlino, trascrizione di un incontro sulla tecnologia dell'informazione svoltosi in Karelia.

[Mr. Parker rulìt]

Filed in:

Sorelle Forbice R Us



Scissor Sisters, risposta eurasiatica?
Il raduno degli amanti della ruche?
I croupier del Perla di Nova Gorica?
Rappresentanti della sezione giovanile di Russia Unita?
Assistenti di volo Aeroflot?
Coppie di scambisti con un debole per i peluche?

Divise ufficiali della squadra olimpica russa e pupazzetto Čeburaška in versione Shining.

Filed in:

martedì, luglio 29, 2008

Se il Bajkal fosse tocio (e l'Altai de polenta)

gidrokosmonavt

toni_i: Ora so dov'è il Subcomandante: "Un gruppo di esploratori russi ha raggiunto, a bordo del sottomarino Mir-2, il fondo del lago più profondo del mondo, a 1680 metri. È il Bajkal, in Siberia. L'impresa è riuscita oggi, martedì 29 luglio. La missione è guidata da Arthur Čilingarov, scienziato e uomo politico russo".
Fjodor: scusa, compagno T, ma hanno fatto ritorno? che dal comunicato non si evince...
toni_i: ... dettagli borghesi...

Sub Miru da profondità lacustri a rapporto.
Qua sul fondo si sta bene, la compagnia è selezionata, il cibo buono benché un po' monotono. Certo, se il Bajkal fosse tocio (larì-larà) sarebbe forse più interessante ma porrebbe qualche ostacolo alla missione.
Ho letto (sul Moskovskij Komsomolec, vabbe') un termine bellissimo per gli esploratori della Mir-2: cosmonauti acquatici, gidrokosmonavty. Con la g di ghiro, perché qua con l'acca ci si arrangia come si può.

Priorità, quando riemergo:
- fotografare via Generale Chinotto.
- appendere (pensavo nella vicina via Generale Papa, per pigrizia) striscione con scritta "Tony Leung ripensaci".
- diffondere voci incontrollabili: mio cugino mi ha detto che Ratko Mladić ha aperto un frizerski salon a Capodistria con il falso nome di Suzana. Tipo.
- leggere la posta, tipo.

Il sondaggio resta aperto (ormai vive di vita propria come i miei fuseaux in fuga per la libertà), dunque potete cancellare i cookies e dare il via a un'ondata di ripensamenti.

Filed in:

domenica, luglio 20, 2008

La Miru che Vorrei: Il Grande Poll-Party Estivo!

Mie vaghe stelle dell'URSS, mi smaterializzo a scopo di vacanza per una settimana: dunque direi che non è ancora il momento di fondare il Comitato di Sostegno Vittime della Miru & Altre Calamità Naturali.

Di lasciare il solito post con spazio per i commenti "ti amo poi ti odio poi ti amo poi ti odio e poi ti apprezzo" non mi va, dunque mi porto gli haloniomi di servizio in ferie e vi propongo una fìcier nuovissima e gratuita: il sondaggio fantasioso.

Con questo sondaggio praticamente potete scegliere la Miru dei vostri sogni.




Naturalmente la particolarità di questo sondaggio è che essendo una fìcier di haloscan - o meglio un uìgget - probabilmente sonderà a modo suo, si rifiuterà di funzionare, vi installerà un dialer in grado di comporre a ore dispari il mio numero di cellulare a vostre spese (ve ne accorgerete quando vi arriverà una bolletta in kune). Eccetera. Lo sapremo solo votando.
I brogli (cioè votare più volte, votare dal computer del collega ignaro, cancellare i cookies e poi rivotare) sono incoraggiati.

Fate i bravi, se possibile non lavorate tanto e soprattutto - con i tempi che corrono - non mettete le mani in tasca.

Pakà,
Miru

[Comunicazione interna: manca all'appello un paio di fuseaux neri lunghi fino al ginocchio con discreta raggiera di perline rosso rubino sul lato esterno della gamba destra (per voi che state lurkando: roba discreta ed elegante, benché di un'eleganza un po' flamenca che ha i suoi estimatori, vieppiù iberici). Io lo so che ci siete e vi state nascondendo come i vostri gemelli scomparsi un mese fa. Ma cos'avete, voi fuseaux neri? Il complesso dei calzini spaiati in lavatrice? La fuga non paga: uscite subito con l'etichetta ben visibile, lentamente, senza fare scherzi. D'accordo, trattiamo: lascio a casa il top modello "Myspace".

Aggiornamento: allarme rientrato, recuperati anche i gemelli senza il sacrificio di una sola perlina rosso rubino. Avevano tentato la via della clandestinità fingendosi calze microfibra 50 den: i fuseaux sono gente semplice].

sabato, luglio 19, 2008

L'epopea delle badanti

Il romanzo di Gabriel García Márquez è Cent'anni di solitudine, non Cent'anni di sollecitudine come abbiamo scritto (Actor plans to film long-lost García Márquez screenplay, page 20, July 15).

The Guardian, corrections, 16 luglio 2008.

Filed in:

giovedì, luglio 17, 2008

Casa e Chiesa

Qualche giorno fa a Monfalcone assisto a una conversazione con Giulietto Chiesa su media e informazione. Si parla del prezzo del petrolio e delle guerre degli Stati Uniti, del surriscaldamento globale, del fatto che i telegiornali e la stampa a grande diffusione non ne parlano, che l'industria automobilistica continua a produrre auto che tra cinque-sei anni saremo costretti a lasciare in garage. Di quanti kilowatt consumiamo girando la chiavetta dell'accensione e facendo questo e quello.
Manca l'informazione.
E d'accordo, con qualche piccola riserva firmo pure io - come la maggioranza dei presenti, quel genere di pubblico accorto e preoccupato che fa domande intelligenti - per il progetto di Pandora.tv. Intanto penso distrattamente ai miei che in quel momento si stanno guardando qualche soap bavarese e combattono il surriscaldamento globale con il climatizzatore che ronza in modalità "I feel good".

Il giorno dopo.
Origlio familiare, al largo di Duino.
- Lina, godiamoci tutto questo.
- Domani piove?
- No, tra cinque anni non ci potremo permettere neanche il carburante per il motore della barca.
- Perché saremo poveri?
- Perché il prezzo del petrolio sale, mica scende più.
- Sale, sale.
- Poi questi attaccano l'Iran. Israele, Stati Uniti. Comunque attaccano.
- Ma Ahmadinejad ha già detto che in caso di attacco lui affonda tutte le petroliere nello Stretto di Hormuz.
- E fa bene, fa.
- ...
- ...
- Scusate, ma queste cose dove le avete sentite?
- Come. Telegiornali, giornali.
- Mica ce le leggiamo su internèt, noi.

Note a me stessa:
1. rivedere il concetto di informazione dal basso;
2. prepararsi ad attacco contro Iran;
3. più soap bavaresi nella mia vita.

Filed in:

mercoledì, luglio 16, 2008

How much is abbastanza?

- Basta, a questo punto c'è abbastanza confidenza.
- Mh.
- Dunque non voglio più sentire "ti disturbo?" "puoi?" "possiamo?".
- E come devo dire?
- Devi dire "Senti, stronzo, vediamoci".
- Ma.
- Niente ma.
- Va bene.
- Oh.
- Scolta.
- Cosa.
- Stronzo, mettiti il parigamba che passo a prenderti e andiamo a farci due tuffi a Duino.
- No, non abbiamo abbastanza confidenza.
- Ma.
- Zero.

Filed in:

lunedì, luglio 14, 2008

Un tranquillo weekend de paura

Dal 1° luglio è entrato in vigore l'obbligo del bollino (vinjeta) per circolare su autostrade e raccordi autostradali della Slovenia. 35 euro, validità sei mesi.
Naturalmente per l'abitante della città di G. è una specie di catastrofe, come tutti i cambiamenti.
Subito si diffondono voci incontrollabili: le multe saranno salatissime, i controlli non li farà solo la stradale ma anche personale non meglio identificato, probabilmente in borghese, probabilmente travestito da tavolo da picnic nelle aree di sosta, e se entri dal valico di Sant'Andrea senza vinjeta praticamente sei già un fuorilegge.
Nella mia famiglia, inoltre, circolano tare, vezzi e idiosincrasie di genere automobilistico: mio nonno tendeva a entrare nelle vetrine dei negozi e delle concessionarie e a trascinarsi via le sagome di cartone in forma di cuoco fuori dei ristoranti, mia madre non resiste mai alla tentazione di tamponare i camion romeni fermi nei parcheggi. Io modestamente imbocco tratti di autostrada per errore. Ma anche per andare a comprare il latte al Mercator più vicino: son lì che percorro una rotatoria familiare fatta mille volte e all'improvviso eccomi sul raccordo già con lo sguardo da lemming.
Allora, visto che viene a trovarmi Andrea e sicuramente gireremo la Slovenia, io decido di procurarmi il bollino.

- Buondì.
- 'giorno.
- Vorrei un bollino da sei mesi per la Slovenia.
- Una vinjeta.
- Una vinjeta.
- 35 euro.
- Ecco qua.
- Me racomando. Se la taca sul parabris e la fa qualche piegheta, no stacarla per nisun motivo.
- Va bene.
- Perché vien via a tochi. I gà fato aposta. [altra voce incontrollabile che terrorizza l'abitante della città di G., N.d.C.]
- Va bene, liscio le pieghe.
- E poi la tien il tajando, me racomando.
- Va ben, grazie.
- Se se shpaca il parabrìs, la tien tajando la gà vinjeta.
- Va ben, grazie.
- Se fa incidente e se shpaca machina, la tien tajando la gà vinjeta.
- Si be', però.

Esco con la certezza che, se dovesse cadere un meteorite e la vita ripartire faticosamente da capo, la vinjeta da 35 euro sarebbe lì, attaccata a quello che resta del parabrezza.

Questa mattina, bracciodestro e io siamo rimasti intrappolati in macchina sotto una grandinata che domani farà i titoli dei giornali locali:
- Sai quanto vendono domani con il titolone "Maltempo assassino, goriziani assediati"?
- Eh? Non ci sento, parla più forte.
- Titoloni maltempo.
- Eh.
- Domani storica riunificazione delle due Coree? No, "Maltempo divide nuovamente le due Gorizie".
- Guerra alla Cina? No, "Interruzione della corrente nel rione di Straccis".
- Scoperto il vaccino contro l'AIDS? No, "Chicchi di grandine funestano il raccolto isontino".
- Raggiunto accordo di pace universale? No, "Anziano disperso mentre percorre controcorrente via Generale Chinotto".
- ...
- ...
- Sembra anche a te che la macchina a ogni colpo di grandine si sposti?
- È una Fiat.
- Mi sembra di vedere una piccola incrinatura sul parabrezza.

Ma mi gò tajando. Gò anca vinjeta.

p.s. nessun toponimo è stato inventato nella stesura di questo post.

Comunicazione di servizio: no funzia comenti. Ma voi gà linkino, voi gà blog.
Torno subito.

Filed in:

venerdì, luglio 11, 2008

VVP, Surkov e l'acceleratore di androidi

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin entrò nel laboratorio del vice-capo dell'Amministrazione presidenziale Vladislav Jur'evič Surkov.
Vladislav Jur'evič sedeva davanti a un enorme televisore e stava ruotando alcune manopole. Sullo schermo si vedeva un gigantesco tubo, all'interno del quale si trovavano il Presidente della Duma, l'androide Boris Gryzlov, e il Presidente del Consiglio della Federazione, l'androide Sergej Michajlovič Mironov.
- Ascolta, bratello, - domandò sommessamente Vladimir Vladimirovič™, - Cos'è questa roba?
- L'ultima trovata scientifica, - rispose Vladislav Jur'evič, - Il grande acceleratore di androidi.
- Lo vedo da me, che è grande, - disse Vladimir Vladimirovič™, osservando con interesse il congegno, - Ma a cosa serve?
- A far scontrare gli androidi, - spiegò Vladislav Jur'evič, - Ecco, vedi, adesso schiaccio questo pulsante rosso e loro cominciano a girare in cerchio e ad avvicinarsi l'uno all'altro. Poi si scontrano con enorme energia...
- Ma perché?! - si stupì Vladimir Vladimirovič™.
- Pensavo, no. Magari riusciremo finalmente a generare una vita politica? - disse pensosamente Vladislav Jur'evič, - Sì, certo, è possibile che si verifichino effetti secondari…
- Tipo? - domandò inquieto Vladimir Vladimirovič™.
- Non lo so, - ammise sinceramente Vladislav Jur'evič, - Per esempio gli androidi possono cominciare a dividersi in modo incontrollabile. Tipo reazione a catena. Oppure, diciamo, possono formarsi i cosiddetti androidi strani... Dio non voglia.
- Ma allora meglio non provare, no? - domandò Vladimir Vladimirovič™, - Forse non bisogna farli scontrare? Restiamo così, senza vita politica, come eravamo abituati…
- Ma è noioso, così, - sospirò Vladislav Jur'evič, allungando la mano verso il grande pulsante rosso.
Vladimir Vladimirovič™ strizzò gli occhi.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

giovedì, luglio 10, 2008

Vai ad Amsterdam, vedi donne, fai sculture

La nostra nuova sezione dedicata ai monumenti russi si arricchisce dell'opera di uno scultore che, ispirato da una visita al quartiere a luci rosse di Amsterdam, al suo ritorno ha creato un bassorilievo raffigurante dei seni femminili accarezzati da una mano maschile, il tutto collocato su un piedistallo alto un metro nel parco della città di Batajsk, nei pressi di Rostov sul Don.

L'autore, Anatolij Sknarin, ad Amsterdam è stato colpito da una composizione simile e ha così deciso di emularla. Prossimamente sulla base del monumento verranno incisi alcuni versi che incoraggeranno gli uomini a toccare l'opera per "migliorare la propria forza virile" e "restare giovani per sempre".
[Aggiungeteci "we do not require prescriptions" e "WORKS FAST!" ed è spam poetry]

Link con foto

Filed in:

mercoledì, luglio 09, 2008

Puranche

"Non essere modesta e riservata, un segnalino che Do you remember the Yellow Path (insomma, la Cosa, quella là) è su Nazione Indiana, forse potresti puranche metterlo".
Agente Smile&Wave

Il mio Agente nonché Nuovo Amico Immaginario (lo chiameremo Smile&Wave) dice che sono troppo modesta e riservata, e che mica può fare tutto lui: già fa cose che un Agente normalmente non fa, tipo preoccuparsi che tra una mail e l'altra non sia scivolata nella doccia o non mi sia incastrata un cucchiaino tra gli incisivi superiori. E che insomma, comincia quasi a capire perché la mia commercialista sia scappata lasciando solo un post-it con su scritto "il dadaismo fiscale è la risposta".

Dunque a quanto pare ho i miei piccoli segreti.
La notizia numero uno è che ho per l'appunto un Agente. Non so cosa ci proponiamo, perché per non agitarmi non mi dice tutto, oppure mi dice le cose un po' alla volta, con gradualità e soprattutto invertendo gli elementi della frase e buttando dentro qualche refuso. Lui pretende solo che firmi con il nome che ha scelto la mia mamma e il cognome che mi ha passato il mio papà (la stessa cosa che mi diceva la commercialista dadaista) e non travestita da brand postsovietico.
La seconda è che in effetti La Pista Gialla è su Nazione Indiana, prima parte e seconda parte.
La terza è che dopo cinque anni e mezzo di blog non so ancora fare il trackback.

Ma secondo voi.
Sarà un'estate lunga e calda?

Filed in:

martedì, luglio 08, 2008

Pugno e Arrocco

Ho appena scoperto con colpevole ritardo che esiste una disciplina sportiva chiamata chess-boxing. È quello che sembra, cioè si gioca a scacchi e si tira di boxe. Non contemporaneamente (come speravo io, con tanto di colpi bassi e di sortite illecite alla Wiley Coyote che si concludono con te che metti una carica di esplosivo ditta ACME sotto la sedia dell'avversario per il gran finale) ma a round alterni. Cioè, ti metti seduto a petto nudo (perché sei un pugile) davanti a una scacchiera indossando le cuffie (perché sei anche uno scacchista e non devi deconcentrarti) e con un asciugamano sulle spalle (perché comunque sei un pugile). Giochi quattro minuti.
Poi sbling, su i guantoni, su il paradenti, e fai a pugni per tre minuti. Poi sbling e ti risiedi (è fondamentale che ti levi i guantoni). Avanti così per sei round di scacchi e cinque di boxe, il genere di attività che la mia amica D. classificherebbe come "un po' stanchevole". A decidere l'incontro, o il ko o lo scacco matto: comunque una strage di cellule celebrali che tra qualche anno ti renderà complicato risolvere uno schema di parole crociate facilitate.
Ah, e poi naturalmente i giocatori hanno soprannomi godibili ("Il prete", "Il joker", "Anti terror").
La disciplina in origine avrebbe tratto ispirazione da una striscia del 1992 del disegnatore Enki Bilal. Poi un artista olandese, Iepe Rubingh, ha deciso di metterla in pratica nella vita reale (prendi la fantasia di un fumettista visionario e make it real: sensatissimo, non fa un plissé). Motto della Federazione Mondiale: "Si combatte sul ring e ci si fa la guerra sulla scacchiera".
Aggiungerci anche una cantatina sotto la doccia non renderebbe il tutto più completo ed emozionante?
Ve lo racconto perché il campione mondiale di pugno e arrocco è un giovinotto russo di Krasnojarsk, Nikolaj Sažin detto "Il presidente", che ha sconfitto in finale un poliziotto tedesco ex-peacekeeper in Kosovo (tanto per star tranquilli sulle forze di peacekeeping in Kosovo).

Sapete i nuovi orizzonti che mi ha aperto il chess-boxing?
Oggi ho già inventato quattro sport.
Per esempio, il makeup-swimming: si alternano complesse sessioni di trucco a vasche a stile libero. Si vince per miglior tempo complessivo o per sbavatura del trucco dell'avversario.
Oppure il poetry-cycling: tappe in bicicletta inframmezzate da estenuanti reading poetici con voce impostata.
Il graffiti-climbing consiste invece nello scalare una parete decorandola a imperitura memoria. Vince chi fa prima, è prevista la squalifica per chi scrive "tuo per sempre Bagigio" e "I love you by Pingu" e per gli ultimi e ormai anziani irriducibili di "3msc" (che io credevo la pubblicità di un gestore telefonico di ultima generazione o di una nuova rotta di crociere).
Infine, il Mar Rosso-Risiko: si alternano i lanci di dadi alla visione dei filmini delle vacanze, per demoralizzare gli avversari e spiargli la carta degli obiettivi.
Ho già in mente il motto della Federazione Mondiale Mar Rosso-Risiko: "Combattere a Sharm per vincere in Kamchatka".
Adesso mi informo se già esiste.

Filed in:

Operazione Magistral'



"I lavori di ristrutturazione di questa via sono condotti dalla
società 'Reduci dalla guerra in Afghanistan'.
Ci scusiamo per i temporanei disagi".

via nishak.moroto.com

[Magistral' significa via di comunicazione ma anche arteria principale di una città. No che poi pensate che faccio i giuochi di parole criptici o mi sono fumata anche i lama e i maialini vietnamiti, toh :-)]

Filed in:

lunedì, luglio 07, 2008

Quantificare i lama

Notizia Associated Press:

"Giraffa aiuta cammelli e zebre a scappare da un circo".

"Secondo la polizia di Amsterdam 15 cammelli, due zebre e un numero indeterminato di lama e maialini vietnamiti sono scappati da un circo olandese dopo che una giraffa ha aperto con un calcio un buco nella loro gabbia".

Via Schneier, che commenta: ma i lama sono tanto difficili da contare?

["Just smile and wave boys, just smile and wave!"]

Filed in:

Uniti da un bulldozer



"Eh sì, è un'amara scoperta per gli israeliani. Quel muro di cemento da megalomani, alto 12 metri, che per qualche motivo loro chiamano 'recinzione', non li ha salvati. Non ha dato loro la sicurezza. Trasformare Gaza in un campo di concentramento non ha neanche salvato Sderot e Ashkelon dai razzi Qassam. Non ci vuole un genio per intuire che quando la 'recinzione' sarà completata Herzeliya, Ramat Asharon e Tel Aviv subiranno lo stesso destino. Israele farebbe meglio a prepararsi a costruire un bel tetto di cemento sulle sue aree abitate. Essendo sensibile al poetico uso delle parole degli israeliani, immagino già che il nome di quel muro sarà tipo 'nuvola di difesa', 'soffitto di sicurezza' o addirittura 'arcobaleno di cemento'".

Gilad Atzmon, "Uniti da un bulldozer... e io penso tra me e me".

Filed in:

venerdì, luglio 04, 2008

Ink different

- Pensavo di farmi un tatuaggio.
- Anch'io.
- Allora io accompagno te, magari ti tengo la manina e intanto vedo. Colorato?
- Mh, no.
- Io più di te, dunque colorato.
- Sè.
- Non so ancora cosa. Forse мир. Forse una stellina rossa. Forse qualcosa di così leggiadro da non potermene mai stufare. Un particolare della Battaglia di San Romano. O magari un codice a barre, o l'isbn a 13 cifre del mio libro preferito.
- Perché non la tua data di scadenza?
- Strnz.

Filed in:

giovedì, luglio 03, 2008

The Zeta Sessions

Allora.
Io le medie le feci alla Virgilio, che stava a pochi metri da casa mia ed era considerata scuola di buon livello. Chiamerò Zeta il suo preside di allora.
Zeta era siciliano, attempato, tarchiato, spesso sudato e parlava a voce troppo alta.
Amava comunicare attraverso altoparlanti installati in tutte le aule. I suoi scricchiolanti proclami cominciavano sempre con "attenziòne a tutte le classi, attenziòne a tutte le classi" e proseguivano con istruzioni, comandamenti, precetti e severi moniti espressi con piglio ducesco.
Al piano di sotto c'era la sede di un istituto professionale: questo per Zeta voleva dire ragazzi, cioè maschi, cioè un'insidiosa concentrazione di testosterone, cioè quel genere di invito al peccato che rende la donna, nella visione esistenziale di tutti i Zeta di questo mondo, bottàna. Dunque si assicurava che le alunne salissero le scale in assetto antisesso: occhi bassi, nessuna lusinga cosmetica visibile, grembiule nero lungo fino a metà polpaccio completamente abbottonato. Zeta ci controllava dall'altro, sporgendosi dalla balaustra e sudando per le zaffate di sudore, feromoni e profumo Charlie che gli salivano alle narici.
Era la fine degli anni Settanta, nelle case emancipate circolava Duepiù, alla tv si assisteva ai primi legnosi tentativi di educazione sessuale.
Io mi trovavo in piena fase crisalide a lenta trasformazione. Alla tizia di Lettere, la Livari, una brava persona con metodi educativi da kapò che le impedivano di accettare la timida presenza di un gomito sul banco, per qualche motivo piacevo. Guardava quella mia faccia che spuntava dal fagotto nero, gli occhi sgranati tra i ciuffi di capelli castani, ed evocava il sorriso di Madame Henriot.
Poi a casa nel libro di storia dell'arte dei Fratelli Fabbri cercavo Renoir, e covavo paziente furore.
Odiavo Zeta, la Livari, le balillesche lezioni di educazione fisica, l'altoparlante.
Odiavo Radio Gamma Zero.
Era l'epoca d'oro delle radio private: grazie a Giuliano su Radio Popolare ascoltavo cantautori e rock a pomeriggi alterni, costruendomi mappe musicali con nomi provvisoriamente storpiati.
Radio Gamma Zero invece era perentoriamente, espressamente fascista.
Zeta usava Radio Gamma Zero per le segnalazioni dell'ultimo minuto, come gli orari dei pullman della gita o della settimana bianca, la comunicazione di uno sciopero, la pensata dei soliti bolscevichi sindacalizzati, gli incontri con i genitori.
Ci sarebbe da interrogarsi a lungo sulla fascinazione di Zeta per le comunicazioni filtrate da qualche genere di altoparlante o amplificatore, per quel suo modo spavaldo di cavalcare le onde sonore.
Fatto sta che a un certo punto i virgiliani si misero tutti ad ascoltare quelle frequenze, usandole perfino per dediche e richieste musicali. Mettiamo che un tizio della scuola avesse deciso di scommettere sui pezzi di corpo che stavano nascosti sotto il tuo grembiule nero e intendesse fartelo sapere: ecco che ti arrivava un Heart of Glass via Gamma Zero, con dedica sibillina.
Detestavo tutto questo.
L'apoteosi arrivò verso la fine, quando già dalle finestre aperte entrava il profumo dei tigli in fiore. Un "attenziòne a tutte le classi" sfumò nel testamento storico-politico di Zeta. Aveva appena comunicato la quota d'iscrizione della gita a Miramar. Poi ci fu una pausa, animata da un ansimare soffice.
"Ricordatevi, ricordatevi tutti", riprese con voce spezzata dalla commozione o dal caldo, "Che quando una certa persona fu appesa a testa in giù nel piazzale, soldi non caddero da quelle sue tasche".
Fissai, come tutti, l'altoparlante. Poi spostai lo sguardo sulla Livari, che annuiva solennemente a occhi chiusi. Infine contemplai i polsini sporchi di gesso del mio grembiule e sospirando appoggiai un gomito sul banco, il palmo della mano ad accogliere mento e guancia.

Sorrideva, Madame Henriot.
Aveva appena scoperto i Joy Division.



Filed in:

martedì, luglio 01, 2008

Anche gli agenti del KGB piangono

Oh, raffica improvvisa di tristezza e nostalgia.

A Mosca ha chiuso il Detskij Mir (Mondo del Bambino), l'univermag che ha rifornito di vestiti, giocattoli, libri eccetera i bambini sovietici e poi russi per tanti anni (50, ché aprì quasi in contemporanea con il lancio dello Sputnik): sarà sottoposto a un prolungato lavoro di ristrutturazione che lo trasformerà completamente per far posto a multisala, ristoranti, negozi, parcheggio sotterraneo e cupola di vetro.

Ecco com'era, in questa bellissima galleria fotografica. Ciao hall, ciao scale, ciao ascensori, ciao ornamenti decorazioni e fregi, ciao archi colonne di marmo consunte piastrelle, ciao giostra a due piani, ciao ingressi dalla metro. Mi sa che non ci vediamo più.
D'accordo, su un ascensore una targhetta indica "prossimo collaudo 12.1988", dunque un'aggiustatina forse ci voleva.
Ma insomma.

Non tutti sanno che: in epoca sovietica "l'hanno portato/a al Detskij Mir" poteva non alludere a un'esperienza ludica. Vista la prossimità dei due edifici (che danno sulla stessa piazza) così veniva infatti soprannominata la - ehr - Lubjanka.
Che vista, da lì.

(Guardate che anche gli agenti del KGB piangono).

Filed in:

Bloody Friday

- L'altra sera poi ti chiamavo, ma avevi il telefono spento.
- Perché siamo andati a una messa di commemorazione!
- Ah. Evento sociale.
- C'era anche quella tua compagna di classe, la Miriani. Com'è che faceva di nome, già?
- Chi se lo ricorda.
- Forse Elisabetta? No. Comunque deve avere una qualche nevrosi. Sempre a sistemarsi la cintura, la maglietta, a scoprirsi la schiena.
- Co-prirsi?
- Sco-prirsi! Un tormento. È che mi stava seduta proprio davanti, dunque ero per così dire costretta a guardarla.
- Eh.
- E il prete. Ha fatto un discorso strano sulla defunta. Non so come dirti: strano. Poi, niente, aveva una benda sull'occhio sinistro.
- Mamma.
- No, aspetta. Io ho pensato a un'operazione, no? Tipo cataratta. Anche se adesso non ti mettono neanche la benda. Tuo padre l'aveva, la benda? No. La nonna? Sì.
- Mamma, alla nonna se è per questo avevano fatto anche l'anestesia generale. Era circa l'Ottocento.
- Comunque. A un certo punto se ne sta lì a fare quello che deve fare e dice: "Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati dal mondo. Non preoccupatevi per me, ho soltanto un'emorragia in corso". Così, tutto d'un fiato, che io ho pensato ma allora sta' a vedere che adesso c'è una pozza di sangue sull'altare. O sulle ostie, e tocca rifar tutto.
- Mamma.
- Be', capita, eh. Poi ho guardato tutti gli altri, ma nessuno ha fatto una piega. Cioè, non erano neanche preoccupati, e non è che fino a quel momento ci fosse un brusio tipo "Cos'ha Padre Monocolo? Cos'ha? Sta male? Sta male? Sviene? Sviene?".
- Con l'eco.
- Ma sì. Niente brusio. Poi è andato avanti tranquillo. Senza neanche assentarsi, così, con l'emorragia in corso.
- Niente sangue visibile?
- Solo quello di Cristo. Che comunque se l'è bevuto lui.
- Fine.
- Fine. E niente questua, per una volta che avevo gli spicci pronti.
- Mamma, non sei portata.
- Però va a finire sul blog, questa qui.

Filed in: