venerdì, giugno 29, 2007

VVP e l'Unione Sovietica

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin passeggiava per i corridoi del Cremlino moscovita in compagnia del presidente dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche Michail Sergeevič Gorbačëv.
- Io proprio non ti capisco, bratello - disse Michail Sergeevič, - Queste nanotecnologie... Non sono cosa. Fanno un po' miseria.
- E tu allora? - Vladimir Vladimirovič™ dissentì, - Gigantismo totale. La centrale idroelettrica sul Dnepr, gli elicotteri più grandi del mondo. E dov'è tutto questo? Dov'è la tua Unione Sovietica? Niente. Ne è derivata solo una grande catastrofe geopolitica.
- Ma l'Unione Sovietica non è morta per quello, - Michail Sergeevič si strinse nelle spalle, - L'ha ammazzata El'cin.
- Non toccarmi El'cin! - disse severamente Vladimir Vladimirovič™, - Mi ha fatto presidente! Gli sono grato. E con le nanotecnologie risolveremo tutto, vedrai. I comunisti facevano tutto grande e non hanno ottenuto nulla. Vuol dire che questa volta bisognerà fare tutto piccolo.
- E se non si ottiene nulla neanche questa volta? - domandò Michail Sergeevič.
- Non può essere, - affermò con sicurezza Vladimir Vladimirovič™, - Se non ha funzionato con il grande, dovrà per forza funzionare con il piccolo.
- Beh, e se non funziona lo stesso? - Michail Sergeevič insisteva.
- E se non funziona, - rispose Vladimir Vladimirovič™, - Faremo tutto trasparente. O verde.
Michail Sergeevič annuì con comprensione.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: