martedì, giugno 05, 2007

VVP e le nanotecnologie

[Contesto: alcuni deputati dello schieramento Russia Unita hanno presentato ieri alla Duma un progetto di legge che prevede la creazione della "Corporazione Russa per le Nanotecnologie". Si tratterà della più grande corporazione non commerciale russa, sarà subordinata al governo e ha già un nome ufficiale, "Rosnanotech". A marzo, durante il suo discorso all'Assemblea Federale, Putin aveva parlato della necessità di creare un istituto statale per lo sviluppo delle nanotecnologie. In aprile il primo vice-premier Ivanov aveva dichiarato: "È difficile capire cosa sono le nanotecnologie. Perfino gli scienziati non comprendono appieno tutti gli effetti dello sviluppo delle nanotecnologie. È come quando abbiamo creato la bomba atomica: non sapevamo che avrebbe portato al rapido sviluppo dell'energia nucleare". Doh].

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino e passava da un canale all'altro del suo televisore presidenziale. Non c'era niente di interessante. I membri dell'amministrazione comunale erano seduti nei loro uffici ad ascoltare la radio in attesa dell'annuncio della candidatura di Jurij Michajlovič Lužkov a sindaco della città. Nella stazione di polizia sedeva la fredda e severa aiutante del gran maestro Garri Kimovič Kasparov, Marina Alekseevna Litvinovič. Da un'altra parte il vice-capo dell'Amministrazione Vladislav Jur'evič Surkov saldava qualcosa dentro la testa del presidente dell'Associazione Nazionale per la Sicurezza Genetica, l'androide Aleksandr Sergeevič Baranov. Lì invece l'oligarca Boris Abramovič Berezovskij saldava qualcosa dentro la testa di una giornalista appena acquistata, l'androide Elena Viktorovna Tregubova.
A un tratto Vladimir Vladimirovič™ scattò in avanti. Sullo schermo era apparsa all'improvviso la figlia di Vladimir Vladimirovič™, Katja, in compagnia di un giovane che Vladimir Vladimirovič™ non conosceva.
Stavano ballando.
- E lei dove lavora? - domandò Katerina.
- Nelle nanotecnologie.
- Sarà di sicuro interessante da morire?
- Effettivamente molto interessante, sì, - disse sinceramente il giovane, - Le nanotecnologie oggi hanno delle potenzialità inesauribili. Sa, è sempre molto importante orientarsi correttamente. Per esempio, agli inizi dell'aviazione, bisognava appunto entrare per tempo in aviazione. All'epoca gli aviatori erano eroi. Oppure i computer. Quelli che sono entrati per tempo nel campo dei computer oggi hanno in mano tutto. Quelli che hanno cominciato a lavorare nell'amministrazione comunale di Piter quindici anni fa non li conosceva nessuno, e invece oggi li conosce tutto il mondo. Stessa cosa per il nanotecnologo: il futuro gli appartiene.
- Che scuole ha fatto? - domandò Katerina.
- Non c'è ancora una scuola, - spiegò il giovane. - Non c'è ancora nessuno che possa preparare questi specialisti. Ma con il tempo avremo tutto. E soprattutto le nanotecnologie cambieranno la vita delle persone. Non ci saranno più giornali, né libri...
- E cosa ci sarà?
- Le nanotecnologie. Continuamente e solo nanotecnologie. A proposito, è stata alla "Nanotech"?
- Ovviamente no.
- Venga domani stesso.
- E come?
- Le scrivo io l'autorizzazione.
Vladimir Vladimirovič™ fissava lo schermo con i presidenziali occhi spalancati.
I due giovani continuavano a ballare.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: