martedì, marzo 13, 2007

Will the real Marija please stand up?

Nel finesettimana il britannico Sunday Times è uscito con un pezzo in cui si affermava che la giornalista russa "Marija Ivanovna" nei prossimi giorni fuggirà negli Stati Uniti, dove le è stato garantito asilo politico.
Di Marija Ivanovna si dice che è una giornalista pluripremiata, che è un'esperta di Caucaso e che è abituata a essere perseguitata, tormentata, perfino picchiata. Ma gli eventi presero una piega davvero sinistra lo scorso ottobre, scrive il Times, quando degli estranei le entrarono in casa mentre era via. Lei fece cambiare le serrature, si bevve un caffè e andò a dormire. La mattina dopo si svegliò in preda a dolori atroci, gonfiori, bocca escoriata, pelle che le si staccava di dosso. Finì in terapia intensiva. Per tornarci un mese dopo, sempre secondo il Times, quando si sentì nuovamente male dopo aver bevuto una tazza di tè.

L'articolo prosegue con un classico doppio carpiato con avvitamento e ciao con la manina del Times, e cioè:

"La lunga mano dei Servizi di Sicurezza Federali russi (FSB), da quando il Parlamento ha dato loro licenza di uccidere all'estero, si estende ormai oltre i confini della Russia.
Difficile dire quale paese sia sicuro dopo la morte a Londra per avvelenamento da Polonio 210 dell'ex agente del KGB Aleksandr Litvinenko. In America Paul Joyal, esperto di spionaggio russo e critico del presidente Vladimir Putin, è in gravi condizioni dopo essere stato vittima di una sparatoria vicino a casa sua a Washington. Potrebbe anche essersi trattato di una rapina, ma nessuno lo sa con certezza".

(Ritorneremo sul caso Joyal, per il momento volevo segnalarvi questo grande momento di giornalismo)

E poi via mettendo insieme Politkovskaja, Litvinenko, il giornalista del Kommersant Safronov: Putin ammazza la gente, sapevatelo? E se non sta attento, dice il Times, corre il rischio di essere arrestato quando si trova all'estero.

Ma torniamo alla misteriosa Marija Ivanovna, chiaramente un nome finto. Domenica la notizia si è diffusa in Russia, soprattutto in rete, dando origine a una serie di ipotesi (a proposito, c'è un'interessante e utilissima comunità di livejournal chiamata "paparazzi", luogo di discussione e di scambio di informazioni tra giornalisti): secondo alcuni l'Ivanovna sarebbe la Julia Latinina di Echo Moskvy e Novaja Gazeta, secondo altri Marina Litvinovič, corrispondente del giornale Čečenskoe Obščestvo, per altri ancora potrebbe trattarsi della vedova di Basaev, Elina Ersenoeva.

La versione più accreditata era che dietro lo pseudonimo si celasse Fatima Tlisova, corrispondente dell'Associated Press e redattore capo dell'agenzia di informazione Regnum. Commentando l'articolo del Sunday Times su un blog, Marina Litvinovič ha ricordato che lo scorso anno Fatima Tlisova fu avvelenata, e la notizia fu commentata dalla stampa internazionale (in particolare, ne scrisse lo spagnolo La Vanguardia) ma sfuggì all'attenzione di quella russa. Dell'avvelenamento della Tlisova parlava anche il Kommersant di lunedì. Il sito internet Stringer è andato oltre, scrivendo che "la giornalista Fatima Tlisova ha chiesto asilo politico in occidente, perché stufa delle minacce e preoccupata per la propria vita". Niente fonte, però.

Che dice la Tlisova? Nega: "Non ho parlato con i giornalisti del Sunday Times. Certo, intendo recarmi prossimamente in un'università americana con un permesso di studio concessomi dall'agenzia Regnum. Però ho intenzione di continuare a lavorare sul Caucaso. Non so cosa né chi stia dietro l'articolo del Sunday Times né dietro questa insistenza sul mio nome". Anche il suo direttore responsabile, Konstantin Kazenin, ritiene che non si tratti di lei.

Un bel round-up di notizie, qui (in russo). Qui l'articolo del Sunday Times.

Oggi il Marijometro, soprattutto per un articolo di Izvestija, è fermo su Elina Ersenoeva, la vedova di Basaev.

[Tanto per chiarire le cose. Attenzione a questi nomi:

Artëm Borovik, Igor Domnikov, Sergej Novikov, Iskandar Chatloni, Sergej Ivanov, Adam Tepsurgajev, Eduard Markevič, Natalja Skryl, Valeryj Ivanov, Dmitrij Švets, Jurij Šcekočichin, Aleksej Sidorov, Paul Klebnikov, Pavel Makeev, Magomedzagid Varisov, Aleksandr Piterskij, Evgenij Gerasimenko, Vjačeslav Plotnikov, Anna Politkovskaja, Ivan Safronov.

Sono i venti giornalisti uccisi o morti in circostanze poco chiare da quando Putin è presidente, e ci aggiungo anche Antonio Russo.
Non sottolineerò che è altamente improbabile che Putin ne abbia commissionato l'uccisione o abbia qualcosa a che fare con la loro morte; la sua già grave responsabilità consiste nel governare un paese in cui questi omicidi sembrano restare impuniti. Detto questo, credo che la stampa britannica degli ultimi mesi - con articoli come quello che ho citato, che nel caso migliore sono sciatta propaganda antirussa e nel peggiore mettono in pericolo una persona rendendola riconoscibile ed esponendola - stia dando il peggio di sé sull'argomento: lunga mano dell'FSB, caccia a Putin, licenza d'uccidere ovunque, nomi messi insieme a caso e le solite tazze di tè assassine].

Nessun commento: