sabato, marzo 24, 2007

Parrucche, occhiali, barbe finte e agenti della CIA

"Don't point that beard to me, it might go off".
Groucho Marx
La CIA vuole che un suo agente si presenti a testimoniare sotto false spoglie e con un finto nome per proteggerne l'identità e le future missioni all'estero. Il travestimento non comprometterebbe la credibilità dell'agente durante il processo, e consisterebbe in una parrucca ("wig"), occhiali ("eyeglasses") o "minor facial hair". Fingiamo di non aver letto "parrucca" e soffermiamoci un momento su questo "minor facial hair": saranno baffini, baffi alla Dalì, imperiali, ungheresi, stile libero? Si tratterà di pizzetti o favoriti? Le barbe piene o da cappuccino, con tanto di baffi acconciati, sembrerebbero escluse. (L'inglese ha una gamma interessante di termini per barbe, baffi, basette e favoriti: dai vintage ed eccentrici Hollywoodian, Mutton Chops, A la Souvarov, French Fork, Van Dyke, Hulihee, Napoleon III Imperial ai più moderni Jawline Beard, Five O'Clock Shadow e Zappa. Ma quale di questi potrà dirsi "minor"?).

Il processo è quello di Jose Padilla, accusato di appartenere a una cellula nordamericana di Al Qaeda. L'agente camuffato dovrebbe testimoniare sulle modalità di reclutamento di un campo d'addestramento: pare che Al Qaeda chiedesse di firmare un modulo di ammissione. Su uno di questi moduli, trovati dentro un raccoglitore in Afghanistan poco dopo l'invasione del 2001, ci sarebbero le impronte digitali di Padilla.
Padilla, ricorderete, era quello che voleva separare il plutonio centrifugando a mano.

Link
(via Wonkette)

Se li amo, i post in cui non devo inventarmi nulla.


Nessun commento: