venerdì, maggio 26, 2006

Il numero 41 non è roba nostra

Il braccio destro numero 41 qualche giorno fa è apparso alla tv giordana per fare le sue belle confessioni. Ha dichiarato di aver ucciso un camionista giordano e di aver collaborato al sequestro di due funzionari d'ambasciata marocchini e di due curdi. Ha detto anche che dopo aver ucciso il camionista aveva risposto al cellulare del morto identificandosi come "al Qaeda e membro del gruppo di Abu Musab al-Zarqawi" ("pronto, so' alcaida, chipparla?"). Infine ha spiegato: "I capi di al Qaeda mi hanno detto di colpire qualsiasi giordano perché i giordani fanno affari con gli americani e portano loro le merci (in Iraq)", scoprendo con grande fair play la sua carta degli obiettivi.

In seguito, al Qaeda Iraq diffonde attraverso un sito islamico un comunicato: "Noi di al Qaeda in Iraq vogliamo dire che non conosciamo la persona mostrata alla tv giordana".

Vendesi braccio destro in buone condizioni, poco usato, recante il tatuaggio con la scritta "Numero Cuarantuno" e l'etichetta "made in China". Non imitazione ma vera chicca per intenditori. Fa anche la sua porca figura. Astenersi perditempo.

--------------

Il visagismo del venerdì:
Fondotinta Adaptive spf 10, maxi-fard effetto seta Rosa del Deserto, Mascara Respectissime, Ridiculous Eyeliner, Pure Pops Lip Gloss, abbondare con Allover Body Glitter. E quando dico abbondare, intendo dire che devo potervi vedere da qui.

Nessun commento: