mercoledì, maggio 18, 2005

Il signor Galloway è andato a Washington

Non se ne è parlato moltissimo, da noi, quindi riassumerò l'antefatto: una commissione del Senato americano presieduta dal senatore Norm Coleman ha accusato il parlamentare britannico George Galloway e l’ex ministro dell’Interno francese, Charles Pasqua, di aver tratto profitto dal programma Oil For Food, che tra il 1996 e il 2003 consentì al regime di Saddam, sottoposto a sanzioni internazionali, di vendere limitate quantità di petrolio per acquistare beni di prima necessità.
Galloway, che Tony Blair ha cacciato dal partito a causa della sua dura opposizione alla guerra in Iraq e che è stato appena rieletto, è stato accusato di aver ricevuto allocazioni per 20 milioni di barili di petrolio da Saddam Hussein e di aver a sua volta compensato il rais con 300.000 milioni di dollari. Galloway ha ripetutamente negato.
Ora, sembra che i documenti usati per provare la colpevolezza di Galloway siano stati falsificati, e che qualcun altro (più famoso, ecco, ci siete arrivati) sia colpevole di accordi sottobanco con il vecchio regime iracheno.
Lo ammetto senza problemi: provo una forte simpatia per questo parlamentare scozzese di estrema sinistra, ex laburista defenestrato da Blair e ora vincitore con la coalizione "Respect". Ma anche se non fosse stato così, il suo discorso (sarebbe più appropriato parlare di show) davanti alla commissione del Senato americano mi avrebbe strappato un applauso convinto, oggi.
Galloway aveva anticipato il proprio intervento dicendo: “Accolgo con piacere l'occasione di difendere il mio nome. Le mie prime parole saranno: 'Senatore, è peccato che questo colloquio avvenga dopo che mi avete dichiarato colpevole. Perfino l'opera di Kafka conteneva la parvenza di un processo'". È poi andata così (mi scuso come sempre per la traduzione frettolosa):

"Senatore, non sono e non sono mai stato un petroliere, e nessuno lo è stato per conto mio. Non ho mai visto, posseduto, comprato o venduto un barile di petrolio - e nessuno l'ha fatto per conto mio.
So che i principi sono caduti in basso negli ultimi anni a Washington, ma per essere un avvocato lei è notevolmente irrispettoso di una qualsiasi idea di giustizia. Sono qui, oggi, ma mi avete dichiarato colpevole una settimana fa. Avete infangato il mio nome davanti a tutto il mondo senza mai avermi posto una sola domanda, senza avermi mai scritto né telefonato, senza aver mai tentato di contattarmi in alcun modo. E voi questa la chiamate giustizia.
Ho detto al mondo che l'Iraq, contrariamente alle vostre affermazioni, non aveva armi di distruzioni di massa.
Ho detto al mondo che, contrariamente alle vostre affermazioni, l'Iraq non aveva nessun legame con al-Quaeda.
Ho detto al mondo che, contrariamente alle vostre affermazioni, l'Iraq non aveva nessun legame con la tragedia dell'11 settembre.
Ho detto al mondo che, contrariamente alle vostre affermazioni, il popolo iracheno avrebbe resistito a un'invasione britannica e statunitense del proprio paese, e che la caduta di Baghdad non sarebbe stata l'inizio della fine, ma solo la fine dell'inizio.
Senatore, in tutto quello che ho detto dell'Iraq ho dimostrato di aver ragione, mentre voi avete dimostrato di aver torto, e 100.000 persone ci hanno rimesso la vita, compresi 1600 soldati americani mandati a morire per un sacco di bugie; e 15.000 di loro sono rimasti feriti, alcuni resi invalidi per sempre, per un sacco di bugie.
Ora voglio parlare delle pagine che mi riguardano e voglio sottolineare i punti in cui ci sono... cerchiamo di essere caritatevoli, e chiamiamoli errori. Poi voglio metter tutto questo nel contesto in cui secondo me dovrebbe stare. Nella prima pagina del vostro documento su di me dite che ho avuto "molti incontri" con Saddam Hussein. Ciò è falso. Ho avuto due incontri con Saddam Hussein, uno nel 1994 e uno nell'agosto del 2002. Non è possibile forzare la lingua inglese al punto da trasformare due incontri in "molti incontri" con Saddam Hussein.
Di fatto, ho incontrato Saddam Hussein esattamente quanto lo ha incontrato Donald Rumsfeld. La differenza è che Donald Rumsfeld lo ha incontrato per vendergli armi e per dargli le mappe che servivano a puntar meglio quelle armi.
L'ho incontrato per cercare di metter fine alle sanzioni, alla sofferenza e alla guerra, e, nella seconda delle due occasioni, per convincerlo a lasciar entrare nel paese Hans Blix e gli ispettori delle Nazioni Unite - facendo di quei due incontri con Saddam Hussein un uso di gran lunga migliore di quello che ne ha fatto il vostro Segretario di Stato.
Sono stato un oppositore di Saddam Hussein quando i governi e le compagnie americane e britanniche gli vendevano armi e gas. Ho protestato davanti all'ambasciata dell'Iraq quando i funzionari britannici e americani ci entravano per farvi affari.
[...]
Senatore, io non possiedo compagnie, eccetto una piccola ditta il cui solo e unico scopo è quello di ricevere i compensi che mi provengono dal mio lavoro di giornalista per la Associated Newspapers di Londra. Non possiedo una compagnia che abbia commerciato petrolio iracheno. E voi non avete il diritto di fare un'affermazione, del tutto falsa e infondata, che implichi il contrario.
Voi non avete niente contro di me, Senatore, tranne il mio nome su alcune liste, molte delle quali sono state stilate dopo l'instaurazione del vostro governo fantoccio a Baghdad. Se aveste qualche lettera contro di me del genere di quelle che avete contro Zhirinovsky e Pasqua, le avreste presentate oggi ai membri della commissione.
Avete il mio nome sulle liste che vi ha fornito l'inchiesta di Duelfer, il quale le aveva ricevute dal truffatore Ahmed Chalabi, che, come molti dei vostri connazionali ormai sanno, ha avuto un ruolo decisivo nel condurre il vostro paese al disastro in Iraq.
[...]
Guardate il vero scaldalo di Oil For Food. Guardate i 14 mesi in cui avete comandato a Baghdad, i primi 14 mesi in cui sono andati persi 8,8 miliardi di dollari dell'Iraq. Guardate la Halliburton e altre corporazioni americane, che hanno rubato non solo il denaro dell'Iraq, ma anche quello dei contribuenti americani.
Guardate il petrolio che non avete nemmeno misurato, che avete esportato dal paese e venduto, e i cui proventi sono finiti chissà dove. Guardate gli 800 milioni di dollari che avete dato ai vostri capi militari perché a loro volta li distribuissero nel paese senza neanche contarli.
Guardate il vero scandalo che emerge sui quotidiani di oggi, per cui quelli che hanno fatto i furbi con le sanzioni non sono stati i politici russi, o francesi, o io stesso, ma le vostre compagnie, con la connivenza del vostro governo".

Tra i tanti commenti, mi è piaciuto molto quello di Body and Soul, che parla dello shock provato nel sentir dire da un politico una verità dopo l'altra. "Non una verità sepolta sotto una tonnellata di bugie. Ma una verità dopo l'altra".
Da noi invece non se ne è parlato tantissimo.
Sarà anche che non siamo abituati.

Update: il discorso integrale, con trascrizione del testo, almeno per oggi è qui.

Nessun commento: