mercoledì, maggio 11, 2005

Back to Berlusconi mode



L'erede
Tocca anche vergognarsi un po', quando si va all'estero. Soprattutto con gli spagnoli. Ecco, credo che adesso riuscirei a guardare in faccia un inglese, e a dargli un pacca sulla spalla. Ma gli spagnoli.
Meno male che a Madrid siamo arrivati giusto in tempo per essere informati dell'embarazo real: erede in arrivo, sarà maschio o femmina, contenti i nonni, bisognerà rivedere la costituzione, sarà poi veramente simpatica questa Letizia? Tutti argomenti dibattuti a lungo, con un misto di pedanteria, gossip depurato e discorsi da anziane zie nubili (molto immacolata concezione, per capirci). Veniva da prestargli un Bruno Vespa. Insomma, non è stato poi neanche possibile vergognarsi tanto. E dire che Berlusconi ce l'ha messa tutta, in questi giorni.

La Playstation
Per un momento a vederlo lì con il microfono ho temuto che volesse venderci una batteria di pentole o un set di coltelli di Toledo.
Ma no. Il comandante Roberto B. era uscito in cabina passeggeri per confidarci un problema di handling a Barcellona, rassicurarci sulla temperatura esterna (i soliti -50°) e informarci che saremmo arrivati in un'ora e quaranta, "Se la Playstation non ci tradisce". Non son cose da dire, e comunque la Playstation ci ha messo due ore e dieci.

Crash
Prendo spesso l'aereo. Però, ultimamente, sono cambiate alcune cose.
Primo. Ho scoperto l'esistenza del fattore Epaminonda.
Secondo. Ho saputo che gli esperti di sicurezza del volo usano l'espressione "+ 3 -5".
Terzo. Un conoscente, ex-pilota di linea, per giustificare la precisione maniacale con cui esegue i backup del suo hard disk, si è lasciato sfuggire la frase: "a volte con i computer succedono le cose meno probabili. Come sugli aerei, mi creda".
Perdita dell'innocenza, si chiama.
Quarto. Come mi è venuto in mente di guardarmi tutte quelle puntate di Lost?

Al ritorno
All'uscita dell'aeroporto di Venezia, poco prima della tangenziale, un display annuncia che mancano 1088 giorni al passante di Mestre. Ah, ecco, siamo tornati nel Berlusconi mode.

Intanto
Sfogliando il giornale di ieri, leggo che "Gorizia è una città a misura di chitarristi". Sarebbe a dire?
Una pagina più in là, un articolo mi informa che da noi si comincia a bere a 16 anni, preferibilmente vino rosso.
Forse sto cominciando a capire.

Tito
La sera del 9 maggio hanno illuminato con le torce la scritta Nas Tito sul Sabotino. Bello, dicono.

Tante cose un senso non ce l'ha
Io non ce l'ho con lui, è la maestrina che è in me che tende ad ammutinarsi e che lo prenderebbe a sciabolate con la biro rossa. Io – niente di personale, a parte un tormentone Vodafone che per poco non mi spediva alla neuro – al Vasco Rossi non darei neanche un 18 politico. Ho capito che è una laurea in scienze della comunicazione, mica in medicina o in fisica nucleare. Però poi non venite a lamentarvi se si laurea facile anche l'Antonacci: io ve l'avevo detto.




Lei
Io l'amo, Madrid.

Nessun commento: