mercoledì, settembre 03, 2008

Unione indistruttibile di libere fattorie

Ach, Sojuuuz nerušiiiimiij!
Per fare breve storia lunga: due fattorie estoni si sono appena dichiarate "Repubblica Sovietica" e chiedono il riconoscimento.
Lo ha comunicato oggi l'organizzazione dei "Comunisti di Pietroburgo e dell' Oblast' di Leningrado", che si sono precipitati (fate attenzione a questo plurale) in Estonia a offrire il proprio sostegno ai separatisti.
La decisione di uscire dalla borghese Estonia e di fondare una repubblica sovietica è stata presa dal contadino Andres Tamm, la cui fattoria si trova nel nord-est del paese, poco distante dai confini con la Russia. Si è unita a lui la contadina della fattoria vicina, Ajne Saar, per un vertiginoso totale di due fattorie.
La nuova aspirante repubblica sovietica ha già un governo e una forza di polizia, ha cominciato a demarcare i propri confini (non chiedetemi come) e stilerà un trattato di amicizia con la Russia da mandare a Medvedev (che sarà tanto tanto contento: così impara a mettere nel quinto punto della politica estera i rapporti d'affetto e d'amicizia con i paesi vicini e a raccontarlo alla televisione).
"Non vogliamo più vivere nella borghese Estonia, dove a nessuno importa della povera gente, dove imperversano la disoccupazione e la corruzione e dove tutto dipende dalla NATO e dagli americani".
Foto! (Le didascalie sono tradotte fedelmente dal sito dei Comunisti di Pietroburgo e dell'Oblast' di Leningrado. Cliccate per ingrandire).



Il capo della Rebubblica Socialista Sovietica Estone Andres Tamm.



Il territorio della RSSE.



Ajne Saar di guardia al confine della RSSE



Inviati dei Comunisti di Pietroburgo e Oblast' di Leningrado nella RSSE.



L'autoproclamata RSSE.



I commissari del popolo.



Difesa dei confini.



In attesa delle squadracce borghesi estoni.

E sì, a quanto pare sono proprio in cinque (nelle foto di gruppo il quinto fa la foto, classico).
Però io dico: riconosciamoli, cosa ci costa.
1. sono più matti di quelli di Penza che si erano scavati un buco sotto la neve per aspettare la fine del mondo, ma molto più simpatici;
2. e poi amano la vita all'aperto;
3. il loro presidente è molto alto;
4. il piccoletto con il cappellino mimetico somiglia a Johnny Rotten;
5. costituiscono un precedente, d'ora in poi ci basterà una nuda proprietà sul Collio sloveno per autoproclamarci Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia;
6. e immaginate, solo immaginate, cosa devono essere quelle riunioni dei commissari del popolo: borghesia di qua, borghesia di là. Grandiozno!

Tutta questa storia ha delle fonti, mica l'ho letta su pravda.ru.

Nessun commento: