sabato, marzo 01, 2008

L'uomo in più/Post di cazzeggio, in aggiornamento



Chi è
Dunque, chi è Andrej Vladimirovič Bogdanov?

Un ex calciatore della Reggina?
Una guardia tiratrice del CSKA, poi passata brevemente ai Minnesota Timberwolves ma in anticipo sui tempi?
Il regista di un musical sovietico ispirato alla battaglia di Stalingrado?
Un giovane scrittore di tendenza, autore di horror tritafemmine e žežeista a tempo perso?
Un popolare attore della versione russa di Starsky e Hutch (7 stagioni), per la precisione o Starsky o Hutch?
Il Gran Maestro della Grande Loggia di Russia?
Il visagista della Pugacëva?

Guardiamolo
38 anni (ma ne dimostra 55 e mezzo, anche 56 nei giorni di pioggia) e una cascata di capelli unti:
Andrej Bogdanov è l'uomo in più, il candidato tecnico delle imminenti elezioni presidenziali, economista e Gran Maestro Massone.

Sì, perché abbiamo:
Dmitrij Medvedev, che non ha neanche partecipato ai dibattiti elettorali limitandosi a girare il paese facendo discosi da presidente per portarsi avanti con il lavoro: se parla come un presidente, veste come un presidente ed è culo e camicia con il presidente in carica significa che i sondaggi lo danno almeno al 72%;
Gennadij Zjuganov, il vecchio comunista che si presenta come l'unica reale alternativa al partito del Cremlino, ma starebbe sotto il 13%;
Vladimir Žirinovskij, l'uomo-rissa dei liberal-democratici (meno del 12% secondo i bene informati);
e Bogdanov, il "democratico indipendente".
Lui.

Il centro sondaggi russo VCIOM ha stimato che otterrà lo 0,9%; l'84% degli intervistati ha confessato di non conoscerlo molto bene. Nelle recenti elezioni parlamentari del 2 dicembre ha preso meno di 90.000 voti (lo 0,13%).
Per candidarsi alla presidenza servivano due milioni di firme (a meno che il proprio partito non si fosse garantito una rappresentanza in parlamento). Quelle di Miša Duepercento Kas'janov, ex primo ministro, sono state respinte dalla Commissione elettorale con l'accusa di falsificazioni, ma per Bogdanov tutto regolare.

Riguardiamolo
Quest'uomo ha portato a casa 90.000 voti ma ha raccolto due milioni di firme.
E ho capito che la massoneria in Russia si sta diffondendo rapidamente, ma due milioni di firme. Anche falsificarle è un casino. Bisogna imitare le calligrafie, eh. Non basta chiamare tutti gli amici Gormiti.

A questo punto sono quasi certa di aver calamitato la vostra attenzione per i prossimi giorni.

Seguiranno: programma politico, stravaganze, frasi celebri, curiosità. Ma. Soprattutto. L'inno.

Post lento, in aggiornamento. Tanto le traduzioni e i commenti, se ci sono, finiscono sul 2.0.

Bene
Smettiamo di fissare attoniti il ritratto di Bogdanov e vediamo da dove viene il Partito Democratico russo. C'è anche stato un tempo in cui era una vera forza politica: fondato nel 1990, si oppone sia al regime di El'cin sia al Partito Comunista e riesce anche a conquistare 12-14 seggi alla prima Duma. Per diversi motivi (vi faccio breve lunga storia complicata e piena di patronimici) cade in catalessi nel 1995. Viene rianimato per probabile ma ancora tentennante iniziativa del Cremlino nel 2001, quando è utile un partito liberale filo-occidentale, e torna quasi subito in apnea.
Nel 2005 arriva Kas'janov, che cerca praticamente di comprarsi il partito per farne una base politica in vista delle elezioni del 2008. Qualcuno fa il doppio gioco, qualcun altro offre di più e Kas'janov viene estromesso: fonderà l'Unione delle Forze di Destra ed entrerà nello schieramento Altra Russia, mentre Bogdanov e il DPR si preparano a rendere un buon servizio al Cremlino sottraendo voti all'opposizione liberale (Unione delle Forze di Destra, appunto, e Jabloko).
Poi c'è da dire che questo DPR fa cose ben stranine ed eclatanti, tipo l'estate scorsa proporre un referendum per l'ingresso della Russia nell'Unione Europea, proprio in un momento in cui si rafforza il sentimento anti-occidentale e gli Stati Uniti vogliono piazzare elementi del sistema di difesa antimissile in Polonia e in Repubblica Ceca. Il partito poi dice di voler rappresentare la classe media e di difendere valori come famiglia, lavoro. Casa. Auto. Cose così.

Il piano
Finita parentesi DPR, torniamo allo sguardo magnetico di Bogdanov.

Bogdanov, laureato in economia, è nel Partito Democratico fin dal 1990 e ne è il Presidente dal 2005. Moglie, tre figli, una nonna che ha trascinato nella campagna elettorale (guardate qua che merita), un blog in cui critica un po' gli avversari politici, esprime qualche opinione e posta un sacco di foto sue e delle sue vacanze.

Ok, abbiamo capito.
Ma un inno, ce l'ha?
Ce l'ha.
Un rap gggiovane che fa "Ja golosuju za - za Bogdanova Andrei-ja!" (con licenza ritmica, così potete cantarvelo, lo rendo così: "Io voterei - per Bogdanov Andre-eei!").
Lo ascoltate qui (attenzione che parte in automatico, il lettore sta in basso a sinistra):
http://www.democrats.ru/
"Udeur verrà" era gggiovane, ma questo è ehiehiehi: belle auto, libero mercato, bionde platino con tacchi a spillo, e kakìe večerìnki! Ho esagerato, vero?

Che ci manca ancora. Ah, sì, la parte più divertente: il programma.
Bene: Andrej Bogdanov non vuole solo l'ingresso nell'Unione Europea, famiglia, lavoro, casa, auto per tutti.
Lui vuole la Russia nella NATO.
Per proteggere la Russia dall'invasione della Cina.
Questo spiega molte cose.

Počemù?
E adesso, il perché. Non il perché dell'esistenza del Gran Maestro Massone (per quello, citofonare Intelligent Design), non il perché del DPR (androidi, direbbe Vladimir Vladimirovič™, addetti alla frammentazione dei già inconsistenti liberali come Russia Unita doveva occuparsi di rubar voti ai comunisti), ma il perché della candidatura di riccioli naturali.
Per legge, le elezioni sono valide se sono almeno due i candidati a restare in corsa: Bogdanov serviva dunque nell'eventualità in cui Zjuganov e Žirinovskij si fossero ritirati.

Quanto alla sua misteriosità, vorrei vedere voi a urlare ai quattro venti un programma così in quel rissoso, adorabile, glorioso e complottista sesto del pianeta.

The game!

A questo punto propongo un giochino per ingannare il tempo nelle prossime giornate di esiti scontati e commenti riciclati.
Si tira a indovinare quanto farà esattamente il nostro.
Sotto l'1%, un pochino di più?
L'interessato ha detto di contare sul 25%, in quanto unico democratico in lizza, ma avete visto che faccia: non ci crede neanche lui. E poi che gli costa.
Si vincono premi.

Filed in:

Nessun commento: