venerdì, maggio 18, 2007

VVP e il Patriarca

Vladimir Vladimirovič™ Putin e il Patriarca Alessio II passeggiavano per il Cremlino.
- È fatta, bratello, - disse piano il Patriarca a Vladimir Vladimirovič™, - Abbiamo firmato l'atto di comunione canonica. Adesso si comincia a vivere!
- Noi invece già vivevamo… - borbottò Vladimir Vladimirovič™, - Non sappiamo più come spendere i soldi... tanti ne abbiamo guadagnati...
- Dalli a me! - rispose il Patriarca, - Non andranno sprecati. Costruiremo templi. Cominceremo a fare attività missionaria. Faremo diventare Roma ortodossa!
- Ma si può? - si meravigliò Vladimir Vladimirovič™.
- Tutto è possibile alla volontà di Dio, - rispose il Patriarca, - Se ci sono i soldi, certo, tutto è possibile alla volontà di Dio.
- Anche a me sarebbe venuta in mente una cosa... - disse piano Vladimir Vladimirovič™, - Unire qualcosa. Ecco, mi piacerebbe unire Russia, Ucraina e Bielorussia. Ma niente da fare!
- Non ne hai il tempo, - il Patriarca si fermò e guardò Vladimir Vladimirovič™ con i suoi saggi occhi, - Il mio mandato dura tutta la vita, ecco perché io ce l'ho fatta. Anche tu hai bisogno di un incarico a vita, per riuscirci.
- Eh sì, come no... - commentò tristemente Vladimir Vladimirovič™, - Per colpa del mandato a vita voi vivete come mille anni fa. Fate luce con le candele, leggete sempre lo stesso libretto in antico slavo ecclesiastico. Ma il mondo è cambiato! Guardati attorno!
E Vladimir Vladimirovič™ indicò con la presidenziale mano l'edificio del Cremlino moscovita.
Il Patriarca seguì la mano con lo sguardo e poi fissò stupito Vladimir Vladimirovič™.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru


Nessun commento: