venerdì, maggio 25, 2007

Sturm der Liebe in famigliamir

– No, noi alle sei non possiamo.
– Abbiamo da fare.
– Diciamo che abbiamo da fare.
– Possiamo dirglielo: guardiamo Tempesta d'Amore.
– Ssst, Elio. Lui, lo guarda.
– Ci piace molto, è una cosa alla buona.
– Una produzione tedesca.
– Succedono cose incredibili che poi si risolvono, vero Lina?
– L'altro giorno uno è rimasto morto per due giorni.
– Sì, ogni tanto lo inquadravano. Immobile, morto.
– Era cardiopatico e mangiava troppo. Poi hanno nascosto il cadavere nel furgone della lavanderia per portarlo in Italia.
– Voleva essere sepolto sotto un albero...
– ... un ulivo.
– Tedeschi, sono.
– E due giorni dopo si è svegliato. Risorto, dopo due giorni.
– Ma noi ci accontentiamo.
– Ambientato in un albergo, sai?
– Un albergo di lusso, un cinque stelle. Fürstenhof, si chiama. Sarebbe bello se Fürsten volesse dire cinque e hof stelle.
– Ma non mi sembra, Elio.
– No, infatti, ma facciamo finta.
– Ci piacciono molto gli esterni.
– Sì, le aiuole fiorite, i campi da tennis, gli animali, la coccinella sul filo d'erba...
– Ah, Elio: sai quello vestito di bianco con la racchetta che passa sempre davanti all'albergo?
– Sì, sempre lui. Sempre la stessa scena. Lo vedi da come muove la racchetta, il mona.
– Io mi sono accorta ieri.
– No, io avevo dei sospetti già da prima ma stavo zitto. Raccoglievo elementi per poi stupirti.
– Anche la coccinella è sempre la stessa. E il gatto rosso si lecca sempre la zampa sinistra.
– Ma noi facciamo finta di non accorgercene. Si vede che è fatto in economia.
– È rilassante.
– Non pensare che guardiamo solo quello. Non siamo rincoglioniti.
– Veramente ieri tuo padre ha insistito per raccontare la trama alla Gianvi.
– Perché quella non sta mai zitta, volevo confonderla. Adesso crede che abbiamo conoscenze in Baviera.
– Scemo.
– Comunque Annozero ce lo registriamo, no, Lina?
– Annozero, e anche Ballarò.
– Tempesta d'amore però lo guardiamo in diretta.

Nessun commento: