lunedì, maggio 07, 2007

Il punto di vista russo

Ed ecco l'opinione di un cittadino estone di etnia russa, dalla sezione russa di Delfi.

"L'autore non approva in alcun modo gli sciacalli e i provocatori di qualsiasi nazionalità. Assolutamente sobrio e - gli sembra - d'animo ragionevole, si è limitato a stare nei pressi della Biblioteca Nazionale in segno di protesta per le insincere e - secondo il suo punto di vista - illegali azioni del governo di Andrus Ansip nella notte del 27 aprile.

Integrazione europea
Le autorità estoni un po' di anni fa hanno fatto chiaramente capire una cosa ai russi che vivono in questo paese: 'Voi avete il vostro orticello, noi il nostro'. I russi obiettarono, 'Scusate, ma stiamo nello stesso cortile, a che serve un secondo orticello?'. No, niente da fare, hanno risposto loro. No voleva dire no. I russi organizzarono il loro orticello e cominciarono a farcela anche senza l'aiuto delle autorità. Be', lo stato ha voltato le spalle a un terzo della popolazione, ha detto che avrebbe aiutato chi si fosse aiutato da sé. E così i russi hanno fatto.

A un certo punto è risultato che i russi stavano troppo bene, così. E bisognava sottrarre qualcosa al loro orto. Perché il cortile adesso era di tutti. E sono arrivati poliziotti da tutto il paese, corpi speciali, cani, sono stati tirati fuori i lacrimogeni, le granate sonore, i proiettili di gomma ed è stato detto: adesso togliamo dal vostro orticello quello che ci dà fastidio. E quando i russi hanno chiesto 'scusate, ma per quale motivo?', è arrivata loro addosso tutta la macchina repressiva dello stato.

Dopo l'ingresso dell'Estonia nell'Unione Europea e nella NATO la nazione ha perso di vista i propri scopi, l'economia ha cominciato a svilupparsi in modo selvaggio, il bilancio dello stato si è gonfiato di denaro e si è presentata la possibilità di spartire somme che erano molto alte per gli standard locali. È cominciato il commercio di cariche, posti, posizioni. E la politica si è allontanata dalla vita.

La politica è stata semplicemente rimpiazzata dall'accettazione delle decisioni. Gli estoni sono un popolo ligio alle leggi: se gli si dice che è stata presa un certa decisione loro eseguono. Se qualcuno chiede perché la decisione è proprio quella, gli rispondono che è una questione di sicurezza nazionale.

A suo tempo un gruppo di sociologi ha cercato di spiegare alle autorità che non si fa così in uno stato democratico. Ma già allora i politici pensavano di essere loro, lo stato. Quando scoppiò la crisi di Lihula [nell'agosto del 2004 a Lihula fu inaugurato un monumento a un soldato estone in uniforme nazista; venne rimosso in seguito alle numerose proteste - anche della comunità internazionale - per riapparire in seguito a Lagedi, vicino a Tallinn. n.d.T.] il governo non riuscì a trovare in sé né le forze, né le competenze, né le conoscenze per una gestione democratica della società. In mancanza di questo la cosa più semplice è il ricorso alla forza. Di notte. Le conseguenze sono note.

Integrazione estone
L'attuale governo è tornato ai vecchi sistemi. Tra l'altro, la gente si è rivelata più intelligente delle autorità che continuavano a ripetere che bisognava rimuovere il Soldato di Bronzo dal Tõnismäe. Quando è diventato difficile continuare a ignorare le domande scomode dei giornalisti, si è consultata l'opinione pubblica: non un solo serio sondaggio ha dato i risultati su cui Ansip contava. La maggioranza della popolazione non si è pronunciata a favore della rimozione del monumento. E allora le autorità, a me sembra, hanno deciso di organizzare la provocazione alla Biblioteca Nazionale. Così l'operazione notturna è culminata nell'infuriare dei vandalismi, e il giorno successivo nelle manifestazioni di protesta e in altri disordini, e il governo si è non poco spaventato. La paura, come si sa, genera crudeltà. E con crudeltà sono stati trattati i manifestanti. E i curiosi che si erano uniti a loro. I russi sono stati picchiati per il loro disaccordo, ma i finlandesi, i tedeschi e gli svedesi, per quale motivo?

Le decisioni e le azioni del governo hanno infranto il fragile equilibrio della società, un equilibrio che le autorità definivano stabile e sicuro e che è stato spezzato da una decisione del governo. Ora il premier e i suoi ministri giustificano con tutte le forze le proprie iniziative, continuando a sottolineare l'illegalità delle azioni dei teppisti. Ma chi vuole mai difenderli?

Ma non interessa a nessuno sapere chi protestava davvero? E contro cosa protestava? E per quali motivi?
Se si considera questo, si vede che la politica di integrazione dell'Estonia finanziata dall'Unione Europea ha portato alla decisione di investire decine di milioni di corone nell'insegnamento della lingua estone. L'enorme bolla di denaro dell'integrazione è scoppiata e la coalizione di destra guidata da Ansip si è messa convulsamente a seguirne le tracce.
Ma se si spiegassero le origini della tragedia, allora Ansip farebbe meglio a dimettersi. Ha represso così bene questi russi che protestavano. Un morto, decine di feriti, migliaia di persone umiliate: questo è il prezzo che bisognava pagare per spostare il Soldato di Bronzo a due chilometri dal centro.

Ho già vissuto una situazione simile in epoca sovietica. Allora i problemi scomodi venivano soffocati con la forza nel sottosuolo. Si metteva in moto la macchina di repressione del dissenso, e in superficie era tutto tranquillo. Sento ancora sulla pelle l'atmosfera di allora: le persone che non erano d'accordo con il partito e con il governo erano oggetto di intimidazione e di repressione. Quando l'atmosfera di paura nella società si fa tesa, i siloviki sono quelli che stanno meglio: completa impunità e libertà di mentire. Che importa se bisognava rispettare una regola: per legge i poliziotti dovevano portare dei distintivi sul petto con il loro cognome. I distintivi chissà come cadevano quando cominciavano le operazioni di polizia!
Ricordo bene quei tempi. E mi dispiace molto per la società estone e per le persone ragionevoli che cercano di far capire alla gente il proprio disaccordo con le azioni del governo di Ansip, che ha mentito più volte pubblicamente alla società a proposito del monumento. Per molto meno altri si sarebbero dimessi, ma Ansip rimane: la delegazione della Duma russa, giunta in Estonia, ha dichiarato contravvenendo a tutte le norme della buona educazione che bisognava mandare a casa quell'Ansip. E la risposta è stata: non cederemo alle interferenze esterne.

Nella società si è cominciato a sentire odore di revanscismo: è apparsa finalmente la possibilità di pareggiare i vecchi conti con i russi. Adesso abbiamo la polizia, le granate sonore e tutto il resto, come ha osservato con amara ironia l'intellettuale estone Mjart Vjal'jataga. Il nazionalismo si è manifestato violentemente nella vita quotidiana: nei negozi e nelle trattorie possono rifiutarsi di servirvi se non parlate estone, a scuola (!) i colleghi estoni possono togliere il saluto al professore di lingua russa, al cui fianco hanno lavorato per decenni. Da qualche parte questo è già successo...

Il disaccordo con le decisioni del governo viene considerato tradimento della patria, ed è stato già deciso chi sono i nemici del popolo estone. Se gli osanna cantati in questi giorni taceranno, forse si sapranno i nomi delle persone che hanno dato l'ordine di scatenare sulla folla di manifestanti una squadra specializzata nella repressione delle rivolte nei carceri, armata di mazze di ferro.

Mi dispiace per questa spaventata società estone: per gli estoni pensanti, quelli che non hanno visto le delizie totalitarie del potere sovietico e ora sono confusi, e quelli che le hanno viste e sono traumatizzati. Il governo non ha solo ignorato la comunità russa, ha liquidato anche i seri avvertimenti di dozzine di professori: non giocate con il fuoco.
Hanno causato un incendio. Adesso il governo ci getta sopra le leali dichiarazioni dei professori di due istituti privati. Ma così facevano i sovietici: quando bisognava condannare l'esercito israeliano, le autorità sovietiche trovavano senza difficoltà decine di ebrei disposti a condannarlo pubblicamente. Andava così. Venivano falsificati i fatti e confuse le citazioni, proprio come fanno ora i giornalisti 'democratici'. I cani da guardia della democrazia sono diventati cani da compagnia, e sono accorsi in difesa della polizia e del governo, perché lo spettacolo deve continuare. Noi non lo permetteremo, noi non cederemo, noi non lo ammetteremo. È un'infamia.

Aneddoto
Un vecchio armeno sta morendo, circondato dai figli e dai nipoti:
Si riprende una prima volta e dice:
- Figli miei, ricordate: costi quel che costi, proteggete gli ebrei!
E una seconda volta:
- Figli miei, costi quel che costi, proteggete gli ebrei!
E una terza:
- Figli, proteggete gli ebrei!
Il figlio maggiore, confuso, chiede:
- Papà, ma perché proprio gli ebrei?
- Ricorda, figliolo: quando finiscono gli ebrei passano agli armeni..

Ricordatevi, estoni pensanti: proteggete i russi, perché quando finiranno i russi passeranno a voi.

Vitalij Belobrovcev, cittadino estone
4 maggio 2007"

Link

Filed in:

Nessun commento: