venerdì, maggio 11, 2007

Il ladro e il cappello

La Russia ha assicurato agli Stati Uniti che Putin non li ha paragonati al Terzo Reich - Il capo ufficio stampa della Casa Bianca ha dichiarato che l'amministrazione degli Stati Uniti ha ricevuto da parte russa l'assicurazione che il presidente russo Vladimir Putin non intendeva paragonare la politica americana a quella della Germania fascista nel discorso tenuto in occasione del 62° anniversario della Vittoria sul nazismo. (Interfaks)

Cosa ci ha combinato stavolta Putin nel suo discorso del 9 maggio? Traduciamo letteralmente da qui (vado al punto saliente).

"La Giornata della Vittoria non unisce e accomuna solo i cittadini russi ma anche i nostri vicini della Comunità degli Stati Indipendenti. Siamo profondamente grati alla generazione di persone alle quali è toccato il duro destino della guerra. Ci hanno consegnato la loro tradizione di fratellanza e solidarietà, la loro esperienza ottenuta davvero dopo molte sofferenze. E noi conserveremo come cose sacre questa memoria e la sua eredità storica.

Coloro che cercano oggi di sminuire quest'esperienza inestimabile e profanano i monumenti agli eroi di guerra insultano il popolo e seminano l'inimicizia e la diffidenza tra i paesi e tra le persone.

Non abbiamo il diritto di dimenticare che le cause di ogni guerra vanno anzitutto ricercate negli sbagli e nei calcoli errati fatti in tempo di pace, e che le loro radici sono nell'ideologia dello scontro e dell'estremismo. Tanto più oggi che queste minacce non stanno diminuendo. Si stanno semplicemente trasformando, cambiano aspetto. E in queste nuove minacce, come ai tempi del Terzo Reich, c'è lo stesso disprezzo per la vita umana e la stessa aspirazione a stabilire una supremazia esclusiva sul mondo.

Sono convinto che solo la responsabilità collettiva e la collaborazione alla pari possano far fronte a queste sfide e possano permetterci di unire le nostre forze per contrastare qualsiasi tentativo di scatenare nuovi conflitti armati e minare la sicurezza mondiale".

Disprezzo per la vita umana e pretese al dominio esclusivo del mondo: non saranno mica gli Stati Uniti, come hanno affermato tra gli altri il New York Times, l'International Herald Tribune e il Chicago Tribune rendendo necessaria la smentita ufficiale? In casi come questo i russi dicono na vore šapka gorit: "al ladro sta bruciando il cappello", cioè chi si scusa si accusa (sapevatelo: un giorno, nella necessità di smascherare un ladro, qualcuno in mezzo alla folla disse "guardate, al ladro sta bruciando il cappello!", al che il ladro si portò le mani alla testa, tradendosi. È che stavolta gli Stati Uniti un po' di caldo alla testa dovevano sentirlo, per forza).

Nessun commento: