lunedì, giugno 06, 2005

The solid waste land

Da oggi la città di G. inaugura la raccolta differenziata dei rifiuti: umido, secco residuo e riciclabile monomateriale. In breve, un discreto numero di contenitori, di bidoncini e di sacchetti. Umido, secco, vetro, plastica, alluminio, carta. Non ho contato le bombolette spray, i medicinali e le batterie. E si può sapere perché nessuno parla mai del legno?
Il capricorno classico (e anche a non voler credere all'oroscopo io nella mia vena migliore sono un incrocio tra quella rompicoglioni di Mafalda e la tipa repressa di Sesso, bugie e videotape, che si chiede di continuo che fine facciano le immondizie) di fronte a tanta logica è anche disposto ad esaltarsi. Insomma, io credo che la raccolta differenziata sia preferibile al mismas indistinto, ma è ovvio che se lo mettono in pratica anche gli altri (anzi, l'intero comune, l'intera provincia... riempire gli spazi vuoti a piacere, chiudendo con Via Lattea, Universo) è molto meglio.

Non è che molti goriziani la pensino come me. Perché qua Venezia Giulia, è, mica Alto Adige. La Nizza austriaca si limitano a sognarla, come remoto e vago ideale di decoro (cioè, rose e violeciocche nei controviali di Corso Italia, stop).
Si è parlato di multe, di sacchetti restituiti al mittente perché non conformi: uno si immaginava già di rientrare a casa con il carico maleodorante sotto gli sguardi curiosi dei condomini ("lazzarone, voleva buttar via le lampadine rotte con i gusci d'uovo! Lo so io cosa ci vorrebbe per quella gente lì!"). E poi: le possibili delazioni, la paura che certi se ne andassero in giro di notte a insozzare i cassonetti altrui. Sono preoccupazioni.
Perché in fondo il goriziano ha due paure: la multa e il pensiero che la sua città possa trasformarsi in una sconcia bidonville, con i sacchetti delle scovazze (come le immondizie sono chiamate almeno in tutta la Venezia Giulia) che galleggiano nei canali di scolo dopo i temporali estivi. Insomma, addormentarsi nella Nizza austriaca e svegliarsi alla periferia di Calcutta, autentico disdoro.
Per fortuna fino a dicembre non ci saranno le multe, così abbiamo tutti il tempo per sbagliare e abituarci con comodo (i capricorni classici per quella volta avranno raffinato un processo di separazione complicatissimo, magari per colore).

Però i goriziani non l'hanno presa troppo bene.
Ci sono quelli che in questi giorni hanno svuotato la casa, l'esatto contrario dell'approvvigionamento in tempo di guerra: qui si è fatto a gara nell'eliminare i fondi di magazzino, le robe da gettare e che oh mio dio dove potrò buttarle d'ora in poi (con tutta calma all'isola ecologica, ovviamente, ma spiegaglielo tu se sei capace)? E così dai cassonetti sofferenti spuntano finti baobab, vecchie scarpe da clown, tutti i volumi dell'enciclopedia Conoscere, mobiletti in stile svedese, faretti colorati e sfere stroboscopiche, parrucche biondo cenere, radioline a transistor, zoppicanti calciobalilla, scarti di fusilli Barilla dell'86, termometri galileiani, pantofole ciarnielle sfondate, dischi di Miguel Bosè, il puledro in marmo di Carrara scala 1:5 donato dalla zia Sofia, annate dispari dell'Intrepido e del Monello.
E poi ci sono gli allarmisti totali: quelli che evocano foschi scenari di anziani sepolti dalle immondizie e di bambini rosicchiati fino all'osso dalle pantegane, e già ipotizzano l'astuzia definitiva. Eh, sì: qui si parla insistentemente di "viaggi delle scovazze", la risorsa estrema.
Insomma, la sera si buttano i sacchetti in macchina e si va a seminarli a Nova Gorica e dintorni, sconciando la perlopiù verde Slovenia.
Farebbe quasi tenerezza, questa improvvisa insicurezza ambientale dei goriziani, questo eccesso di zavorra non riciclabile. Viene da ripensare a quando si tornava dalla Jugo con la carne nascosta sotto i sedili, mentre ora il problema è costituito dagli inestinguibili avanzi del goulasch di mezzogiorno.
Farebbe quasi tenerezza, dicevo, se non si trattasse di losca e illecita esportazione di pattume. Forse sentirete ancora parlare di noi.

Nessun commento: