martedì, giugno 14, 2005

I lordi astenuti

Sono le otto di sera di martedì e nemmeno io sono ancora riuscita a trovare uno che ammetta, senza abbassare lo sguardo, di essersi astenuto. Eppure le percentuali parlano chiaro, e indicano una sola cosa: me la stanno raccontando. Magari quando mi allontano è tutto un darsi il cinque ed esibirsi in coreografie di giubilo, non lo so. Magari in questo momento stanno tutti in parrocchia a festeggiare alle mie spalle con elaborati balli di gruppo.
Eppure qua nella città di G. la percentuale non è stata neanche male, 37,7%.
E io infatti domenica mattina ho notato un bel sciamare operoso nella mia sezione, la scuola media statale Ascoli-Favetti. L'entusiasmo si è un po' ridimensionato quando mi sono accorta che avevano affisso i risultati degli scrutini (ecco il perché di tante coppie ingrugnite con bambini al seguito), però di gente che andava a votare ce n'era lo stesso.
Diciamo che i goriziani avevano un motivo in più per uscire di casa: lo smaltimento di qualche sacchettino. Insomma, prima di arrivare al seggio quasi tutti (me compresa) ne hanno approfittato per la loro piccola via crucis: qua la plastica, qua la carta, qua il vetro, qua le latte, qua in questo angolino il non si sa. E via così, per lo più a coppie, con la tessera in una mano e un sacchetto colorato nell'altra. Il 37,7% civile, quello lindo ed educato che sa dire sì e no, e magari anche grazie. Il restante 62,3%, intanto, si dava da fare per riempire i cassonetti altrui di resti non differenziati. I lordi astenuti, quelli che non dicono né sì, né no, ma solo "non sono stato io".
Ne vorrei trovare almeno uno, vorrei che mi guardasse negli occhi e che mi dicesse "io non ho votato al referendum". E così forse almeno saprei chi è il maledetto che mi ha piazzato quella brandina sfondata nel cassonetto del secco.

Nessun commento: