lunedì, maggio 30, 2005

The land of opportunity

Come fanno gli agenti dell'FBI a scoprire eventuali terroristi? Si travestono da terroristi.
E fin qui.
Il signor Ron Grecula, sessantotto anni, inventore da strapazzo, non nascondeva a nessuno il suo disprezzo per gli Stati Uniti. "Non ho alcuna lealtà nei confronti dell'America", lo avevano sentito dire. Ce l'aveva con l'FBI che lo aveva arrestato per il rapimento dei suoi due figli, e ce l'aveva anche con la politica estera del governo.
Così, quando si è ritrovato in una stanza d'albergo di Houston con due presunti terroristi (leggi: agenti dell'FBI), e loro gli hanno chiesto se ci sarebbe stato a costruire una bella bomba, lui deve aver risposto "Cazzo, sì". Dopotutto, l'America se l'era cercata.
Poche ore dopo il signor Grecula stava già in cella. Grazie alle misure di sicurezza messe in atto dopo l'11 settembre, potrebbe essere condannato a 15 anni di carcere.
Gli amici e i vicini di casa sono scettici: secondo loro "il professore" (così chiamato per le sue idee sulle fonti di energia alternative) non rappresenta una vera minaccia. Una parola tira l'altra, uno si lascia prendere e poi si trova a parlare di quanto gli piacerebbe costruire bombe enormi.

Conosco insospettabili che dopo il terzo bicchierino riabilitano le Brigate Rosse.
Gente che dopo mezz'ora in fila alle poste e un solo addetto agli sportelli inneggiano agli anarco-insurrezionalisti.
Persone che ce l'hanno con il governo, con la suocera o con il commercialista e che sognano suggestive combinazioni di tralicci ed esplosivi.
Persone che ce l'hanno con l'America, con Berlusconi, con la guerra all'Iraq, con il lavoro flessibile, con il capitale e anche con i mondiali a Sky, e ne parlano mentre stanno in coda alla cassa dell'iper.

Evitare, se possibile, gli Stati Uniti.

Nessun commento: