mercoledì, maggio 25, 2005

Forse

Dalla trascrizione di una comunicazione via radio tra soldati israeliani nei pressi di Rafah, striscia di Gaza meridionale, avvenuta nell'ottobre del 2004:

Sentinella: Abbiamo individuato una femmina araba a circa 100 metri sotto la nostra postazione, vicino all'ingresso dei carri armati leggeri.
Quartier generale: Posto d'osservazione "Spain", la vedete?
Posto d'osservazione: Affermativo, è una ragazzina. Ora sta correndo in direzione est.
QG: Qual è la sua posizione?
PO: Attualmente si trova a nord del settore autorizzato.
Sentinella: Zona sbagliata.
[Spari]
PO: Adesso è dietro un terrapieno, a 250 metri dalle caserme. Continua a correre in direzione est. I colpi sono indirizzati su di lei.
QG: State parlando di una ragazza sotto i dieci anni?
PO: Circa dieci anni.
QG: Roger.
PO: PO a QG.
QG: Ricevuto, passo.
PO: È dietro il terrapieno, spaventata a morte, è sotto tiro, i colpi passano a un centimetro da lei.
Sentinella: Le nostre truppe stanno correndo verso di lei. Sono a circa 70 metri.
QG: Quindi il comandante di compagnia e la sua squadra sono fuori?
Sentinella: Affermativo, con alcuni altri soldati.
OP: Ricevuto. Sembra che una delle postazioni l'abbia abbattuta.
QG: Come, hai visto lo sparo? È a terra?
OP: È a terra. Adesso non si muove.
Comandante di compagnia [a QG]: Io e un altro soldato stiamo entrando. [alla Squadra] Avanti, confermare l'uccisione!
CC [a QG]: Abbiamo sparato e l'abbiamo uccisa. Ha... indossa pantaloni... jeans, e una camicia. Aveva anche una kefiah in testa. Confermo anch'io l'uccisione. Passo.
QG: Roger.
CC [a tutti]: Qualsiasi movimento, chiunque si muova nella zona, anche se è un bambino di tre anni, dev'essere ucciso. Passo.

Crimini di guerra forse non è l'espressione esatta. Ma è la prima che viene in mente.

Nessun commento: