venerdì, agosto 08, 2008

Ma quant'è l'Ici per la Luna in settima casa?

Allora, porto I. a Monfalcone. Partiamo con buon anticipo perché si prepara un temporale.
Faccio appena in tempo a dire "oh, guarda, verso il mare è già sereno" che veniamo investite da una di quelle tormente perfettamente inutili da film di Petersen.
E così cerco di convincere I. a stare chiuse in macchina per un po', ché abbiamo tempo, e per distrarla le racconto pure un po' di significativi fatti miei. Come ultima risorsa potrei proporle di contarci i chakra.
Ma niente da fare, ricci naturali allunga già la mano verso il trolley e l'ombrello, affidandomi zaino e borsetta.
Questo significa che.
Mi tocca cercare parcheggio.
Piove.
Piove tanto e l'ombrello numero due sta nel portabagagli.
Scendo.
Piove, grandina e tira vento. Io ho un ombrello inutile, una borsa, una borsetta e uno zaino che deve contenere la sabbia di mezza costa adriatica, una dozzina di cristalli e il litraggio quotidiano di fiori di Bach.
Quando faccio il mio umido ingresso nell'atrio della stazione mancano comunque dieci minuti all'arrivo del treno.
I. mi osserva con curiosità e partecipazione.
- Ma sei fradicia, gioia.
- Lo so, - dico, allargando bruscamente le braccia e schizzando i deliziati presenti.
- Ma molto erotica. Molto.
- Grazie.
- Almeno, no?
- È già qualcosa, - confermo tendendole lo zainetto e tutta la sua prepotente forza di gravità.

Poi succedono due cose belle e importanti: arriva il treno e smette di piovere. Mi sbraccio per un po' davanti al finestrino sbagliato, poi torno a Gorizia e vado a prelevare il signor G. dai miei. L'avevo delocalizzato lì per eccesso di finestre spalancate in casa: è un Sacro di Birmania, crede nella reincarnazione e tende a planare spensierato dal secondo piano, anche se I. direbbe che è un semplice problema di radicamento. Tanto che un paio di volte ho pensato con orrore che fosse davvero volato di sotto, mentre lui si era semplicemente appartato con un Soriano (Osvaldo) tra gli scaffali della libreria.
Dunque prendo il G., torno a casa, bevo mezzo litro di latte gelido e accendo il pc.

Sentite qua. Credo che ora spenderò tutto il mio erotismo residuo sull'Ossezia Meridionale (come dice Andrea: "Che hanno certi giornalisti contro la geopolitica?"). Gli interessati, il Comitato Vittime della Miru, i fan acritici e i feticisti dei birkenstock bagnati numero 35 mi troveranno forse più spesso su 2.0.
Se I. fosse ancora qui mi direbbe che la ricerca della solitudine è normale, perché dopo tutto ho la Luna in settima casa, e infine mi proporrebbe di fare un po' di reiki al Caucaso. Questo lo penso con un'irresponsabile traccia di tenerezza. Poi mi accorgo di essermi seduta su un pezzo di ossidiana fiocco di neve, e impreco fino a sparigliarmi tutti i meridiani.

Filed in:

Nessun commento: