mercoledì, ottobre 10, 2007

VVP e le Rotelline

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino e ricordava i festeggiamenti per il suo cinquantacinquesimo compleanno in compagnia dei membri del Consiglio di Sicurezza e delle più alte cariche dello stato.
- Ma lo sai, - nella testa di Vladimir Vladimirovič™ risuonò a un tratto la nota voce gorgogliante del suo marziano personale, - Che qua dentro ci sono delle rotelline? Appaiono e scompaiono. Non va mica bene. È impossibile concentrarsi.
- Dove? - pensò con orrore Vladimir Vladimirovič™, - Quali rotelline?!
- Dove, nella testa, - gorgogliò il marziano, - A proposito, guarda che ti stai trasformando in un robot. Certo, la trasformazione non è ancora definitiva. Ma meglio se mi cerco con calma un'altra testa...
- Cosa... come? - pensò indignato Vladimir Vladimirovič™, - Come, un'altra testa? E io?
- Eh, tu... - gorgogliò il marziano, - I marziani non vivono nei robot. Nei robot vivono solo, come si chiamano... i virus dei computer.
A Vladimir Vladimirovič™ cominciò a girare la testa.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: