venerdì, agosto 25, 2006

L'uomo del troppopieno

Vi farà piacere sapere che continuo a parlare con le facce nelle piastrelle. Da circa tre mesi, però, ho un nuovo amico.
Ve ne avrei parlato prima, se non ci fosse stato di mezzo un problema di nomenclatura. Mi chiedevo come si chiamasse quel buchino di scolo che sta sotto il miscelatore e che serve a evitare l'allagamento del bagno quando il lavello è troppo pieno. Doveva esserci "la parola", un sofisticato termine tecnico noto agli idraulici e ai rivenditori di sanitari e a me precluso. E c'è, quel termine, l'ho scoperto oggi: è "foro del troppo pieno" o anche, semplicemente, "troppopieno". Tanto valeva chiamarlo "cosino sotto il miscelatore" o "chi c'è qua" o "puliscimi con il Cif un giorno sì e uno no".
A posto.
Adesso posso parlarvi della "cromatura del troppopieno del lavello del bagno" e voi sapete cosa intendo. Bene, lì. Lì mi è apparsa una faccia maschile barbuta, una via di mezzo tra Karl Marx, Babbo Natale e l'Olandese Sfrigolante dei Simpson. È visibile solo in certe condizioni di luce, specie la mattina quando mi lavo i denti. Pensavo che fosse uno dei soliti cretini che appaiono nel troppopieno e che se la tirano per mesi prima di dirti anche solo come si chiamano. Invece no, tra noi c'è un bel dialogo: per esempio, io gli racconto le puntate di Alias e lui me le spiega, e ieri mattina abbiamo avuto un'utile discussione sull'ipotesi delle esplosioni controllate al World Trade Center.
Di anticalcare per il momento non se ne parla proprio.

Nessun commento: