domenica, dicembre 11, 2011

La cascata di note

– Ieri pomeriggio, una noia.
– Perché?
– Concertino di chitarra classica. Povera ragazza, ottavo anno al Conservatorio.
– Male?
– Ti dico solo che una seduta in prima fila si è messa a fare le parole crociate.
– E papà?
– Papà leggeva il foglietto del programma. Cosa stai leggendo da un'ora, dico io, ti sei incantesimato? Sto cercando di capire quando finisce, fa lui, mi consola.
– E così.
– Poveretta, ottavo livello. Insegna dalle Orsoline. Di quelle ragazze che non saprai mai se hanno 15 anni oppure 30.
– O 40.
– Qualcosa poteva anche andare.
– O 60.
– Ma non c'è mai stata la cascata di note.
– No.
– La cascata di note che ti aspetti in questi casi.
– Sbagliando.
– Se capisci quel che voglio dire.
– ...
– Sbagliando, certo.

Nessun commento: