domenica, febbraio 06, 2011

Un pelmazo que no se está quieto un segundo

In realtà è incomprensibile che possa ingannare chicchessia, per non parlare di quasi un intero paese, ed è incomprensibile che abbia ottenuto la maggioranza assoluta alle elezioni, ma quante volte e in quanti paesi non è accaduto lo stesso?
Misteri. O forse la gente non ci fa caso, non presta attenzione, guarda e ascolta solo distrattamente, forse perché ascolta o vede troppa televisione.
Il soggetto manca di scrupoli e per di più in maniera radicale, poiché questa carenza è autentica; non è il caso di tanti altri che li conoscono ma hanno deciso di ignorarli; egli ignora la loro esistenza e non li considera mai, neanche per rifiutarli o etichettarli come stupidi o gravosi o come bastoni tra le ruote.
Non li ha mai scartati per il semplice motivo che non li concepisce, non hanno mai fatto parte delle sue nozioni, meno ancora dei suoi valori. Tanto gli sono estranei che quando li individua in un'altra persona li considera soltanto un sintomo di debolezza e li usa per giudicare quella persona fragile o docile e, pertanto, assoggettabile.

Di fronte a questo tipo di individuo la maggior parte delle persone è inerme, perché quasi nessuno è preparato a trattare con una persona tanto seccante e insistente (uno scocciatore che non sta fermo un secondo, una di quelle persone a cui si dice di sì pur di levarsele di torno o di fermare le loro ciarle, di riuscire a farle tacere), formalmente cordiale e persino affettuosa e che allo stesso tempo non osserva norme o regole d'alcun tipo. Non le considera nemmeno per disattenderle, e neanche i principi, neppure per tradirli; mai avrà la consapevolezza di stare esagerando o passando i limiti o trasgredendo, anche se potrà fingere di abbracciare momentaneamente delle regole – le ha viste negli altri e ha imparato a essere mimetico. Ma la cosa più difficile è questa: quasi nessuno è pronto a trattare con una persona che non sente mai vergogna di alcun tipo, né personale, né pubblica, né politica, né estetica. E nemmeno narrativa. Infatti egli non sa cos'è.

da: Javier Marías, "Informe de Pérez Nuix sobre Silvio Berlusconi", in El País Semanal, n. 1360, domenica 20 ottobre 2002. Pérez Nuiz è un personaggio della trilogia Il tuo volto domani: insieme al protagonista Jacques Deza fa parte di un gruppo di "traduttori" o "interpreti" di persone che hanno il compito di stilare rapporti per i servizi segreti britannici in cui descrivono gesti, comportamenti, inclinazioni e carattere delle persone.

Link

Nessun commento: