venerdì, dicembre 23, 2011

Una solitudine di idee

– È tornato a casa il padre di Pippi Calzelunghe, adesso sarà tutto meno buffo.
– Perché?
– È una sensazione. Sai, io ho tutta una solitudine di idee.
– ...
– Sono una poeta, lo so.

giovedì, dicembre 22, 2011

Arriveranno barconi (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To

Clansetini
l'italia(chissa perche')e' l'unico paese che non respinge i clansetini minorenni.arriveranno barconi stracolmi di ragazzini,seguiti da ricongiungimento dei genitor

Loro
HO GIRATO LA SVIZZERA E L'AUSTRIA. CHE BEI PAESI NON C'E' UN AFRICANO A PAGARLO. LORO SI CHE SI TUTELANO LA STIRPE .NOI SAIAMO FESSI E CRETINI. UN GIORNO LO CAPIRET

martedì, dicembre 20, 2011

Premendo un'arancia (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

I mezzi
vengano tassiti i propietari degli yacht che viaggiano con bandiere di comodo.Ci sono i mezzi per scovarli,perche mandare in crisi tutto il settore.

Così
Controsenso tassare i posti barcha,i propietari andranno altrove dove conviene.Così si mette in crisi un settore turistico ed economico .Le tasse vengano applicate ai propietari.

Oggi
OGGI PREMENDO UN'ARANCIA HO AVUTO LA SENZAZIONE DI STARE AL POSTO DELLA STESSA....GRAZIE S.B.

Due
DUE SONO LE RAGIONI: O SILVIO é SOTTO RICATTO, O é ANDATO FUORI DI TESTA IN QUESTO CASO CI SONO I PSICHIATRA.

Abdetti
UN CONSIGLIO AI POLITICANTI DEL PDL SE QUALCUNO HA UNA TESTA PER PENSARE CAMBIATE MUSICA DISSOCIATEVI DAL VENUSIANO MONTI E DAI SUOI ABDETTI LUNARI LASCIATELO PRIMA CH

martedì, dicembre 13, 2011

Rosso

– E poi sabato c'era anche la Biba.
– Come sta?
– Bene, a parte un incidente con la bici. Si è scontrata con un camioncino rosso in zona Mainizza.
– Rosso.
– Dice che le sembrava lentissimo e lontano, e invece.
– E invece.
– Dieci giorni di coma a Cattinara.
– Di?
– Coma. E 160 euro di multa. Che non è giusto, secondo me.
– Ma se era colpa sua.
– Sì era colpa sua e c'era un testimone. Meno male che il testimone almeno aveva fatto un corso di pronto soccorso.
– Meno male.
– Comunque tutto bene, dice che è completamente integra e che anche la bici si è rovinata pochissimo.
– Completamente integra.
– Un graffietto sulla mano.
– Ma un grosso colpo alla testa.
– Sì. Le ho detto "Biba quanto tempo che non ti vedo, pensavo che eri impegnata col babysitting".
– Il babysitting.
– E lei tutta allegra "son stata in coma"!
– E tu?
– E io: "ti vedo molto riposata".
– Così.
– Così.

lunedì, dicembre 12, 2011

Ma se davvero abbiamo

Ma se davvero abbiamo
frainteso il nostro dovere
e la missione nostra
non era di serbar l'antico nome
e la dignità di nobili
con l'uso della caccia,
il fasto dei banchetti e ogni altro lusso,
e di viver del lavoro altrui,
perché non ce l'han detto prima?
Che cosa ho mai imparato?
Che cosa ho visto intorno a me?
Non ho che vegetato,
portato la livrea del mio sovrano,
sfruttato il tesoro dello Stato
e pensavo così di viver sempre...

estratto da N. A. Nekrasov, Chi vive bene in Russia? (1877)

Originale: Кому на Руси жить хорошо.

domenica, dicembre 11, 2011

La cascata di note

– Ieri pomeriggio, una noia.
– Perché?
– Concertino di chitarra classica. Povera ragazza, ottavo anno al Conservatorio.
– Male?
– Ti dico solo che una seduta in prima fila si è messa a fare le parole crociate.
– E papà?
– Papà leggeva il foglietto del programma. Cosa stai leggendo da un'ora, dico io, ti sei incantesimato? Sto cercando di capire quando finisce, fa lui, mi consola.
– E così.
– Poveretta, ottavo livello. Insegna dalle Orsoline. Di quelle ragazze che non saprai mai se hanno 15 anni oppure 30.
– O 40.
– Qualcosa poteva anche andare.
– O 60.
– Ma non c'è mai stata la cascata di note.
– No.
– La cascata di note che ti aspetti in questi casi.
– Sbagliando.
– Se capisci quel che voglio dire.
– ...
– Sbagliando, certo.

sabato, dicembre 10, 2011

Sorriso


Sorriso
di Grigorij Kružkov
                
                   A V.Č.
Era un uomo cupo,
E quando per un istante
Sul suo volto si accendeva un sorriso,
Per spegnersi inevitabilmente subito dopo,
Si vedeva che in lui la felicità
Bastava solo per una vampata.
Era una specie di premio
Per me, conoscenza casuale,
Passante sbadato,
(Suo segreto compagno
Di tristezza e di pazzia),
E provavo sempre più forte il desiderio
Di rivedere quel miracolo
E di farlo durare ancora per un po',
Così come da bambino
Volevo trattenere i fuochi d'artificio
Sopra i denti dei tetti e delle torri
Nel cielo fatto di fumo, nuvole e neve.

Originale: "Улыбка", На берегах реки Увы, 2002.

Traduzione: Manuela Vittorelli

Grigorij Kružkov, nato nel 1945, è laureato in fisica teorica e specializzato in fisica delle particelle. Dal 1971 pubblica poesie e traduce, soprattutto i metafisici inglesi. Ha pubblicato quattro saggi sulla letteratura inglese e scrive libri per bambini. Ha insegnato alla Columbia University. Vive a Mosca.


[Grazie a Sten per l'immagine.]

venerdì, dicembre 09, 2011

La nona onda

– Dice occhio alla nona onda.
– E cos'è?
– Gliel'ho appena chiesto. Intanto guardo su internet.
– Aspetta che ti risponda, così la delusione è più cocente.


mercoledì, dicembre 07, 2011

VVP e il niente

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin si svegliò nella sua residenza di Novo-Ogarёvo.
Silenzio.
Vladimir Vladimirovič™ si alzò, si gettò sulle possenti spalle la cappa di ermellino con ricami dorati di aquile bicipiti, infilò i piedi nelle pantofole di pelle cecena e uscì dalla camera da letto.
Silenzio.
– Guardia! – chiamò Vladimir Vladimirovič™.
Nessuna risposta.
Vladimir Vladimirovič™ inarcò un sopracciglio, sorpreso.
– Ljudmila! – chiamò Vladimir Vladimirovič™.
Nessuna risposta.
Vladimir Vladimirovič™ inarcò sbalordito l'altro sopracciglio.
– C'è qualcuno? – gridò Vladimir Vladimirovič™.
Silenzio.
– Non ho capito, – bofonchiò Vladimir Vladimirovič™, – Dove sono tutti?
Vladimir Vladimirovič™ si avvicinò al telefono che lo metteva in comunicazione diretta con il presidente della Federazione Russa e alzò il ricevitore.
Silenzio.
Vladimir Vladimirovič™ si precipitò in camera da letto e agguantò il dispositivo mobile presidenziale, quello con l'aquila a due teste al posto della tastiera, e premette il pulsante di chiamata unica. 
Silenzio.
Vladimir Vladimirovič™ uscì dalla camera, attraversò di corsa la sala da pranzo, percorse a grandi balzi l'atrio e spalancò la porta d'ingresso.
Non c'era più niente.
Non c'era la limousine. Non c'era il vialetto nel quale avrebbe dovuto trovarsi la limousine. Non c'erano alberi, non c'erano recinzioni, non c'erano guardie del corpo.
Non c'era la terra, non c'era il cielo.
C'era soltanto un vuoto grigio.
– ААААА!!!!!!! – gridò Vladimir Vladimirovič™, cercando disperatamente di svegliarsi.
Non ci riuscì.

martedì, dicembre 06, 2011

Drag me to the carrozziere

"Oggi stavo attraversando sulle strisce quando è arrivata una tipa su un SUV. Che non solo non ha rallentato, ma poi si è bloccata proprio sulle zebre perché la macchina davanti a lei ha frenato. E allora le ho dato una bella manata sulla carrozzeria, dietro. Sbam. E la tipa si è spaventata, ha pensato di aver messo sotto qualcuno.
Per la prima volta mi sono sentita come una di quelle vecchie nei film dell'orrore. Che io non li guardo, però immagino, immagino tutto.
È stato bellissimo.
Quanto ridere."

Lina, oggi pomeriggio.

sabato, dicembre 03, 2011

Nel millecinquecentonovantatré


La vita si risveglia
di Grigorij Kružkov

La vita si risveglia nel millecinquecentonovantatré.
Sir Walter Raleigh scrive dalla torre i disperati versi
"The Ocean to Cynthia".
Giungono dall'alto voci certe che la sua testa cadrà sotto la scure,
qualsiasi ruolo egli si sia attribuito – da quello del pastore
a Leandro morto tra i flutti.
In quel momento, altrove, Thomas Kyd
viene persuaso a non scagionar l'amico.
Sbirciando i ferri, il drammaturgo spaventato
accusa un altro, Christopher Marlowe
(anch'egli drammaturgo), utile alla polizia segreta
non tanto in sé, ma in quanto testimone dell'eresia
di Walter Raleigh e del suo vile influsso sulle menti.
Intanto Marlowe si ripara dalla peste
a casa di Thomas Walsingham (proprio lui!) nel Kent.
Cosa scriva in questi giorni non si sa,
ma ricevuto l'ordine di recarsi a Londra
finisce ucciso, l'occhio trafitto da un pugnale.
In lutto per il doppio agente
di Lord Burghley e del dio Apollo, gli amici terminano
l'ultimo atto della Dido e il poema su Leandro.
La peste va e viene come un servo sciocco,
chiudono i teatri fino a nuovo avviso
e Shakespeare,
scivolando sul ghiaccio di primo mattino,
per poco non si spacca la testa, che non gli ha ancora suggerito
le parole con cui il gobbo seduce la vedova.
Ma egli sa che quelle parole vanno trovate,
e le trova nel momento esatto
in cui una brezza impercettibile in volo dalla Manica
anima, come una marionetta, un brigantino assopito.

Originale: "Жизнь открывается снова", Третья книга стихов, 1998.

Traduzione: Manuela Vittorelli

Grigorij Kružkov, nato nel 1945, è laureato in fisica teorica e specializzato in fisica delle particelle. Dal 1971 pubblica poesie e traduce, soprattutto i metafisici inglesi. Ha pubblicato quattro saggi sulla letteratura inglese e scrive libri per bambini. Ha insegnato alla Columbia University. Vive a Mosca.

[Grazie a Sten per l'immagine.]

giovedì, dicembre 01, 2011

Il voucher

– Ciao ciao!
– Ciao mamma, ciao papà.
– Ti abbiamo portato.
– Due fette di torta. Fatta papà.
– Senza grassi. Un po' volendo, un po' mi son dimenticato l'olio e il  burro.
– Aspetta, però.
– Dobbiamo spiegarti una cosa importante.
– Sì.
– Dentro c'è un voucher.
– Probabilmente, non è sicuro.
– Un?
– Un voucher. Spiega, Elio.
– Io ho un metodo per tagliare orizzontalmente una torta.
– Per farcirla, no?
– Per andar dritto mi aiuto con degli stuzzicadenti.
– Gli fanno da punti di riferimento.
– Così zic, zic, la taglio perfettamente ed è fatta.
– Stavolta, però.
– Stavolta non sono riuscito a recuperare uno stuzzicadenti.
– Ha viaggiato.
– Si è mosso.
– Dunque può essere che nelle tue fette, in qualsiasi punto, ci sia lo stuzzica
– ... denti.
– In tal caso, hai vinto un voucher.
– Dei soldi.
– Un voucher a chi lo trova.
– Capito?
– Capito. Ma se lo stuzzicadenti lo trovate voi come ci regoliamo?
– Chi lo trova vince.
– Devo darvi dei soldi?
– No no, paga papà.
– Allora ci sto.
– Mangia piano.
– Mastica bene.
– Può essere ovunque.
– Viaggia.
– Si muove.

martedì, novembre 29, 2011

Un cinema del XXI secolo

«Visitiamo una grande sala cinematografica del XXI secolo. Essa è più larga che lunga. Soffitto alto, aria condizionata, comodissime poltrone. Nulla che possa ricordare le sale di oggi, scatole senz'aria e senza finestre, con sedili serrati uno accanto all'altro, con poco spazio. Nel cinematografo dell'avvenire, durante le giornate afose, si sentirà una deliziosa frescura; d'inverno, intimità e calore. Un enorme schermo di 50 metri di lato abbraccia la metà di tutta la larghezza della sala. Si spengono lentamente le luci nascoste ai margini del soffitto, la sala per un istante rimane immersa nel buio, poi lo schermo si illumina. Adesso possiamo capire a che cosa servono i varî apparecchi di proiezione. L'immagine su tutta la superficie dello schermo è composta da alcuni fasci di luce proiettati da varî apparecchi disposti in diversi punti. L'immagine cinematografica cambia continuamente di dimensione, estendendosi su tutto lo schermo quando vengono proiettate scene panoramiche e di massa, e diventando piccola o piccolissima quando vengono riprodotti ambienti chiusi o primi piani. La scena combinata dalla fusione delle varie sincrone proiezioni è talmente perfetta che allo spettatore sembra di partecipare all'azione.»
E Goldovskij ci spiega che è stato realizzato l'"effetto di presenza".

L'oggi e il domani della scienza in Russia. Le previsioni di 29 scienziati sovietici, Aldo Martello Editore, Milano 1959.

sabato, novembre 26, 2011

Tre o quattro in tutto


In un inizio livido di primavera 

di Sergej Kruglov

In un inizio livido di primavera
fumavi a letto, la coperta lilla
tirata giù a metà; dietro i vetri
il vento alzava la polvere con le dita dei pioppi spezzati;
dal mozzicone si levava un fumo grigio-celeste. Rispondendomi guardasti
verso la luce biancastra: le pupille si fecero invisibili, l'interno si fuse con la sfera,
goccia di consistenza aliena, e dondolando cadde in una coppa
piena del burro azzurrognolo di Gainsborough.
Poi la sfera divenne un puntino insopportabile.
No, tu non c'entri –
tu eri da me per caso,
niente di particolare, te ne andasti senza finire il tè
nemmeno il tempo di scambiarsi i numeri di telefono; ma quell'istante sferico
era una chiara cavità nella trama dell'illusione,
punto compreso in sé dove s'incrociano
vie carovaniere di emanazioni angeliche e demoniache
irrappresentabili.
Di questi punti, basi di trasbordo del reale,
ce ne saranno tre o quattro in tutto. Per vederli non è indispensabile
affilare la mente e conoscere a fondo
le zone erogene della fantasia.
Dopo averli visti
sopravvivere è praticamente impossibile.

Originale: "Ранней серой весною", Снятие Змия со креста, 2003.

Traduzione: Manuela Vittorelli. 

Sergej Gennad'evič Kruglov, nato nel 1966 a Minusinsk, nella regione di Krasnojarsk, ha studiato giornalismo a Krasnojarsk e ha poi lavorato come cronista nel giornale locale Vlast' Trudu. Scrive poesie dal 1993. Nel 1999 è stato ordinato sacerdote della Chiesa ortodossa russa. Vive in Siberia. È sposato e ha tre figli. Nel 2008 ha ricevuto il premio Andrej Belyj. Ha un blog: http://kruglov-s-g.livejournal.com/ (rus).

[Grazie a Sten per l'immagine.]

mercoledì, novembre 23, 2011

Un esercito di partorienti (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)


Escalation
Napolitano fa seguito all'intervento di Bersani favorevole alla cittadinanza per gli immigrati.Perchè questa escalation? dov'è l'urgenza?Cosa ci nascondono.

Più
L italia non è come gli Stati Uniti ma una piccola realtà;tra 50 anni non saremo più il popolo italico ma saremo governati dalla sharìa!

Moamed
coppi di tunisini lavora in italia,nasce moamed,glielo fate diventare italiano.poi se ne tornano al loro paese...con un figlio italiano ?

Cocconia
ma di che si ubriaca napolitano vodka,whisky,benzina ?che beve ?o prende la ketamina ?il figlio di un cinese,e' cinese,anche se nasce in italia o in cocconia.

Burundi
vi piacerebbe che vostro figlio nato mentre lavorate in burundi,per decisione di quel paese,visto che e' nato li',diventi cittadino del burundi ?eh,si,siamo alla follia...

Iraq
se voi foste a lavorare in iraq,e vostro figlio nascesse in quel paese,gradireste che per legge diventi cittadino irakeno ?

Tunisia
se io fossi a lavorare in tunisia,e mio figlio nascesse la'.MAI vorrei che gli dessero la cittadinanza tunisina per legge.ma schrziamo ?voi siete i veri folli.

Facile
UNA COPPIA D'IMMIGRATI ARRIVANO CLANDESTINI IN ITALIA, FANNO UN FIGLIO ED OTTENGONO LA CITTADINANZA IT.ANCHE SENZA PERM.DI SOGGIO.FACILE.

Direttamente
INVECE DI SCRIVERE QUI SI PUO SCRIVERE DIRETTAMENTE A NAPOLITANO,IO L'HO GIA FATTO 5 VOLTE.CHE SENTA LE PROTESTE DEGLI ITALIANI.I MUSULMANI NN LI VOGLIAMO ,FORZA!MAXR

Incline
Il capo dello stato,si limitasse solo ai suoi compiti,senza travalicare in quelli che sono del parlamento.Sembra che abbia idee bislacche e poco incline al popolo

Coda
Visto che la società italiana è invecchiata e sclerotizzata, regaliamo la cittadinanza italiana ai bimbi nati qui, avremo la coda di straniere incinte alle frontiere

Invasi
se si diffonde la convinzione che,chi nasce qui' e' italiano,saremo invasi da un esercito di partorienti musulmane dal magreb.le capite queste cose ?

Ciro
i figli degli immigrati nati qui sono italiani ?non credo proprio,si chiamerebbero ciro,alberto,mario e non moamed,yusuf o ali'.non scherziamo per favore....

Che
DA QUESTA BACHECA SI EVINCE IL MALCONRTENTO DEGLI ITALIANI SULLA CITTADINANZA, MA LO VOLETE CAPIRE CHE QUESTA GENTE NON LI VOGLIAMO. IL POPOLO E' SOVRANO IN CHE !

sabato, novembre 12, 2011

Stasera

9 febbraio 2011.

Stasera Elio e Lina tengono i tre televisori accesi.
"Elio, sbassa il volume", dice lei. 
Però è contenta.


In un abisso di acquazzoni e stelle

Lacrime per un vecchio film dell'infanzia

di Sergej Kruglov

             A Saša Egorov

Mio uomo nero, Negoro mio!
Prendimi, rapiscimi, trascinami nelle giungle africane,
scarlatte, verdi, terracotta,
gettami, solo e legato, i mezzo ai bruti e alle sciagure,
precipitami in un abisso di acquazzoni e stelle, consegnami
al Grande Mganga incantatore! –
ma il cattivo non ascolta: ridendo selvaggiamente
mi riporta indietro, indietro. Incespico,
la febbre canta nelle vene; stessa riva,
stessa nave senza equipaggio,
stessa luce feroce
e il ritorno nella gelida e vecchia patria.
La misericordia del male senza pietà per il prigioniero.

Ricordi com'era bello
e bianco e nero tutto questo
sullo schermo a colori?

Era così. E avevo quindici anni anch'io
quando scoprii quest'innocenza.

Nota: il film è Pjatnadcatiletnij kapitan (Sojuzdetfil'm, 1946) di Vasilij Žuravlëv, adattamento del romanzo di Jules Verne Un capitaine de quinze ans. Il malvagio cuoco Negoro, mercante di schiavi e ricattatore, era interpretato da Michail Astangov. Il film è qui: http://video.mail.ru/mail/jonniarts/4307/1966.html.

Originale:  "В слезах над старой кинолентой детства", Снятие Змия со креста, 2003.

Traduzione: Manuela Vittorelli.

Sergej Gennad'evič Kruglov, nato nel 1966 a Minusinsk, nella regione di Krasnojarsk, ha studiato giornalismo a Krasnojarsk e ha poi lavorato come cronista nel giornale locale Vlast' Trudu. Scrive poesie dal 1993. Nel 1999 è stato ordinato sacerdote della Chiesa ortodossa russa. Vive in Siberia. È sposato e ha tre figli. Nel 2008 ha ricevuto il premio Andrej Belyj. Ha un blog: http://kruglov-s-g.livejournal.com/ (rus).

martedì, novembre 08, 2011

Go Greek for a Week

"Tre famiglie britanniche sperimentano le particolarità del sistema fiscale, pensionistico e lavorativo che hanno prodotto la crisi dell'economia greca e il conseguente piano di rigore mirato a tagliare il deficit.

Una parrucchiera di 54 anni scopre la generosità del sistema pensionistico greco che consente a parrucchieri, pasticcieri, annunciatori radiofonici e appartenenti a circa 600 altre categorie lavorative di andare in pensione a 53 anni con il 90% del loro ultimo salario perché esercitano professioni rischiose.

Un conducente d'autobus apprezza i vantaggi dei servizi pubblici che gli permettono di essere pagato quasi il doppio della media nazionale e ricevere bonus se si presenta al lavoro presto e controlla i biglietti.

Un chirurgo è piacevolmente stupito dagli effetti del sistema contributivo greco sul suo reddito disponibile.

Le esperienze personali dei tre protagonisti saranno affiancate da approfondimenti e interviste incentrati sull'evasione fiscale, la corruzione e la cattiva gestione che hanno contribuito ad affondare l'economia greca."

Dalla pagina web di "Go Greek for a Week", reality show di Channel4, novembre 2011.



Venite da noi.
Ne avrete per quattro-cinque stagioni.
Alla fine si scoprirà che siamo sempre stati morti, tutti, fin dal primo episodio.
Oppure ci mangeremo la troupe.
Questo si vedrà.

lunedì, novembre 07, 2011

Gli ini di novembre (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

Due
Sono due i deputati che ci hanno portato a questo punto Casini e Fini ma nelle lettere che scrivevamo molto tempo fa lo dicevamo di evitare gli INI c'era ancora Folli

Non
non molli, siamo con te

Così
Ha fatto bene a farci commissionare così, se per caso cambia governo, devono attenersi alle decisioni già prese e non sprofondarci nel baratro.

Anche
Silvio, non mollare !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ci siamo qua noi a sostenerti. Senza di te non andiamo da nessuna parte. Siamo pronti anche alla rivoluzione !

Milioni
RIPASSO GENERALE GOVERNO DI FRODI E LADRONI INDULTO CAUSA DI MILIONI DI LUTTI NELLE NS AMATE FAMIGLIE X RISOLVERE IL PROBLEMA DELLE CARCERI SI LIBERARONO I PEGGIORI DE

Già
X EVITARE SCIAGURE NEL FUTURO DI QUESTA DISGRAZIATA ITA GLIA BISOGNA CHIUDERE LE FRONTIERE SIAMO GIà IN TROPPI + ARRIVANO DAL RESTO DEL MONDO + LE CITTà DEVONO COSTRUI

Causa
BASTA CON ACCONGLIENZE INDISCRIMINATE DI POPOLI DI OGNI ETNIA L'ITA GLIA SPROFONDA X ALLUVIONI FRANE TERREMOTI I FIUMI STRARIPANO XCHè GLI ARGINI CROLLANO A CAUSA DEL

Belz
SE DOVESSE CADERE O DOVESSE PASSARE IL GOLPEROSSO AUGURIAMO AI SCAMBISTI TRADITORI DELLA PATRIA UNA FINE MISERA NELLE LORO MILLE VITE POLITICHE CHE SI ALLEINO CON BELZ

Poi
MI VERGOGNO DI APPARTENERE AL PDL DOVE CONFLUISCONO DEI OPPORTUNISTI POLITICANTI CHE ELETTI DA NOI E POI QUANDO LA NAVE è IN PERICOLO QUESTI LASCIANO COME DELLE PANTEG

Ore
IN QUESTE ORE DI DISPERAZIONE IN ITALIA NON VIENE RILEVATI DEI FATTI GRAVISSIMI NEL CONTINENTE AFRICANO IN NIGERIA MILIONI DI MORTI CRISTIANI CHIESE CRISTIANE BRUCIATE

Credeva
CARO SILVIO BASTA CON LE PRIME DONNE DELLO SPETTACOLO VEDI LA CARLUCCI VOLTACABBANA CREDEVA D'ESSERE AL BAGAGLINO CHE CHIUDENDO LE SOUBRETTES DEVONO TROVARE NUOVI SBO

lunedì, ottobre 31, 2011

L'amour en anglais

Nel bagno, cioè nel modulo lunare per fantini, si è materializzato questo biglietto:


Forse è un messaggio dal futuro, come il fossile di polpetta. 
Forse no.
Chissà se dietro l'amore si nasconde anche una riserva di accenti acuti.


sabato, ottobre 29, 2011

Boomerang

Boomerang
di Grigorij Kružkov

Allora dico addio a questa casa,
Al cubo d'aria sopra un letto duro,
Alla studiata inclinazione della lampada
E a questo terrazzo ingombro,
Simile per forma a un boomerang.
Lascio tutto nelle mani di Dio, come si dice.

Dio mi disegna simile
A un aborigeno australiano,
Nudo e scarmigliato
Nel suo bush selvatico e deserto,
Lanciatore di boomerang-anime
In rapido volo all'orizzonte.

L'anima che colpisce con tutta la sua forza
Un cuore caldo e vivo
Vince un trofeo di cenere.
E centrato il bersaglio
Curva la propria traiettoria
Per tornare a colui che l'ha lanciata

Perché egli nuovamente scagli l'arma
Con un alto grido e con un balzo barbaro.
Significa che è tempo di congedarsi
Dal fronte interno delle braccia aperte, dall'alta palizzata
Di scaffali; ai libri io non credo più.

Credo solo in quella terra incantata
Dove, come racconta un testimone,
Passeggia Dio, immemore,
E pascolano adrosauri
E sfrecciano uccelli privi d'ali.

Originale: "Бумеранг", Бумеранг: Третья книга стихов, 1998.

Traduzione: Manuela Vittorelli.


Grigorij Kružkov, nato nel 1945, è laureato in fisica teorica e specializzato in fisica delle particelle. Dal 1971 pubblica e traduce poesie, principalmente dall'inglese. Ha pubblicato quattro saggi sulla letteratura inglese e scrive libri per bambini. Ha insegnato alla Columbia University. Vive a Mosca.

[Grazie a Sten per l'immagine.]

giovedì, ottobre 27, 2011

Questa impronunciabile Europa (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

Ammantare
Presidente non dare troppa corda a sarkozy. E' un comico alla de funes capace di far ridere e attirare l'attenzione sugli altri per ammantare i suoi grossi problemi.

Nonno
per fini mio nonno diceva semre mai sputare veleno in cielo, ti ritornera" in faccia TRADITORE FARO DI IPOCRISIA

Regole
i diritti accuisiti non si toccano ogniuno ha fatto i conti con le regole del momento.giusto per il futuro mettere le aziende in condizioni di licenziare per non falli

Dice
NAPOLITANO DICE CHE L'ITA GLIA DEVE FARE DEI GROSSI SACRIFICI INCOMINCIASSE PRORIO LUI PIù CHE UN PRESIDENTE REP SEMBRA UN DITTATORE IMPERATORE CI COSTA PIù DI UNA RE

Auto
per un passaggio di auto in europa costa 30 euro in itala costa 500 euro ecco fate questo prima adeguarle con l éuropa NO LE PENSIONI.non toccarli se no cade Berluscon

Pure
ci sarà pure in Italia qualcuno in grado di: -zittire, o -spedire a lavorare in miniera, o -spedire a lavorare in altoforno quella faccia di bronzo traslucido di F

Child
..........anche Di Pietro è un child pensionato!

Perché
perche' l'evasore fiscale italiano suscita odio,schifo repulsione,mentre il vu cumpra' che non paga iva,inps e irpef,suscita simpatia e comprensione ?

Vivente
On, Presidente Berlusconi,non mollare,gli Italiani moderati sono e saranno sempre con te,perchè sei il più grande legislatore vivente

Fine
SE L'ITALIA FARà QUEL CHE GLI IMPONE QUESTA IMPRONUNCIABILE EUROPA SARà LA NS FINE NON SAREMO PIù LIBERI DOBBIAMO DISOBBIDIRE ALLA MERKEL FRAULEN DOCTOR E AL VIVER SA

martedì, ottobre 25, 2011

In Giorgio we trust

"In tartiflette we trust."
Così stava scritto, bianco su rosso, sul casco del motociclista che stava davanti a noi in fila dal tabaccaio. Volevo farlo notare a Sua Cinicità, ma siamo stati distratti dal fatto che il tabaccaio continuava chiamarlo madame. Lo chiamava madame e poi si scusava, madame e désolé, madame e désolé. Poi siamo andati a prendere i kebab. Il Cinicità non si ricorda mai dove sta, l'arabo, bisogna percorrere un paio di vie dall'aria serale e confusamente pericolosa e poi andare a caso. Sua Cinicità dice sempre "adesso ci menano", ma a dire il vero non ci menano mai.

L'arabo chiama Sua Cinicità "Giorgio". Come Giorgio Armani, dice, mica posso chiamarti Berlusconi. Bunga bunga, spiega. A quel punto i suoi cinque avventori impegnati a guardare a Napoli-Bayern si voltano pigramente. Bunga bunga, ripetono, prima di tornare a fissare lo schermo appollaiati sugli sgabelli vagamente pop di plastica lucida color caffelatte.
E tu come ti chiami, già?, chiede il Cinicità all'arabo. Giorgio Armani anch'io, risponde lui come sempre. Allora me stavolta chiamami Sergio. Per cambiare.

Quando siamo ormai a casa mi ricordo della scritta sul casco.
La tartiflette è una delle invenzioni più tristi dei francesi, dice Sua Cinicità. Patate, formaggio, pancetta. Che tristezza. E il frico friulano, allora? Non è triste come la tartiflette, dice lui. Vedremo, penso io.

Il giorno dopo incrociamo Giorgio Armani davanti a Monoprix.
Sergio, ma sei ancora vivo?
Quel kebab me l'hai consigliato tu, dice il Cinicità.
No, io ho consigliato quello di madame.

Ciao, Sergio, dice Giorgio Armani.
Poi se ne va.

sabato, ottobre 22, 2011

Elegia puškiniana

Elegia puškiniana 
di Sergej Kruglov

Ad Avgust B., con un'avvertenza: neanche sui pini russi crescono le mele blu, 
ma esse sono abbastanza gustose, e i loro torsoli scivolosi. 

Prima di lui non c'erano versi né linguaggio.
Sarà buffo e desolante
quando neanche dopo ce ne saranno.

L'autunno ci sorprende sempre in cammino.
Ultima fermata, Boldino. Più in là non si può andare, caro:
nel mondo c'è il colera. In quarantena sotto cieli stranieri,
resterai ospite indefinitamente.
La casa senza padrone è vuota, avvolta nella nebbia fin dal mattino.
I servi si sono dispersi lungo le strade acide:
non c'è nessuno a cui versare caffé decaffeinato,
nessuno da sbarbare o da svenare –
l'autunno arrugginisce tutto quel che è tagliente.
Siediti accanto alla finestra, mescola le carte
e disponi il solitario in questo o in quel modo – uscirà sempre e comunque
Puškin, nessun altro. E non sorprende:
Puškin in questo mazzo è tutti e quattro i semi.
Dovrai sciogliere gli inchiostri secchi, come nella fiaba?
Ma i tuoi testi di Boldino
non li conoscerà nessuno,
forse due o tre volte
si rivolterà nella tomba
l'ossuta musa russa.
Musa fortunata: è riuscita a morire per prima.
Quando qui ti raggiungerà
il colera del secolo, l'ultima cosa che vedrai
sarà il Puškin di quel solitario, un cielo basso da cornacchie
e una fine del mondo interminabile e crudele.
Che voglia di andare a casa, dolce amico mio,
amico lontano, mia soffice nuvola!
Noi, certo, sapevamo dell'autunno – ma davvero,
davvero la nostra estate è stata tanto lunga?

Originale: "Пушкинская элегия", Снятие Змия со креста, 2003.

Traduzione: Manuela Vittorelli.



Sergej Gennad'evič Kruglov, nato nel 1966 a Minusinsk, nella regione di Krasnojarsk, ha studiato giornalismo a Krasnojarsk e ha poi lavorato come reporter nel giornale locale Vlast' Trudu. Scrive poesie dal 1993. Nel 1999 è stato ordinato sacerdote della Chiesa ortodossa russa. Vive in Siberia. È sposato e ha tre figli. Nel 2008 ha ricevuto il premio Andrej Belyj. Ha un blog: http://kruglov-s-g.livejournal.com/ (rus).


[Grazie a Sten per l'immagine.]

mercoledì, ottobre 19, 2011

Box di sx (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

Visto

visto che quando si votera' perderemo,impegniamoci fin da ora,quando rivinceremo(2o18)ad abrogare con effetto retroattivo leggi per voto/cittadinanza stranieri

Tutti
MEGLIO I CONDONI CHE FANNO PAGARE CHI NON HA MAI PAGATO CHE REINTRODURRE L'ICI CHE PAGHIAMO TUTTI DI NOI

Diretto
la conpagna bindi usa termini da bettole,panella è nel suo diretto dissentire senza essere trattato male.VERGOGNA A CASA HA ROTTO

Conosc
alla prossima manifestaz.in qualsiasi città, propongo l'invio di ag.digos di tutte le città per control.aeropor.stazion.strad.e autostr.loro li conosc.gli esaltati

Solo
I soliti giornalist ed opinionisti starnazzano a vanvera che ora bisognerà "pagare" x manifestare. No, è solo una fideiussione che sarà restituita in assenza di devastazioni.

Maxi
Svecciamo la pubblica ammini. Immettete giovani laureati e competenti al posto di fannulloni e incompetenti! Serve una maxi ingresso dei giovani!

Dove
NON GUARDIAMO PER UN PO' TUTTE LE TRASMISSIONI, SOPRATTTUTTO QUELLE DI STAMPO SINISTROIDE, DOVE CI SONO I POLITICI.


Grande
SILVIO...Fai un acosa GRANDE...Azzerra i Privilegi della CASTA e Vai in Parlamento, Metterai all'Angolo i SINISTRI, che Voteranno Contro e Guadagnerai Molti VOTI....

Dettato
Erano indignati con Pannella ed ereno anche tanto democratici perchè non ci si comporta così in parlamento; si deve seguire il dettato del box di sx (Melandri, Bindi).

martedì, ottobre 18, 2011

Buonamente un po'

Al mondo

Mondo, sii, e buono;
esisti buonamente,
fa' che, cerca di, tendi a, dimmi tutto,
ed ecco che io ribaltavo eludevo
e ogni inclusione era fattiva
non meno che ogni esclusione;
su bravo, esisti,
non accartocciarti in te stesso in me stesso

Io pensavo che il mondo così concepito
con questo super-cadere super-morire
il mondo così fatturato
fosse soltanto un io male sbozzolato
fossi io indigesto male fantasticante
male fantasticato mal pagato
e non tu, bello, non tu «santo» e «santificato»
un po' più in là, da lato, da lato

Fa' di (ex-de-ob etc.)-sistere
e oltre tutte le preposizioni note e ignote,
abbi qualche chance,
fa' buonamente un po';
il congegno abbia gioco.
Su, bello, su.
                     
                    Su, münchhausen.


Andrea Zanzotto, La Beltà, 1968.

lunedì, ottobre 17, 2011

A ferro caldo (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

Adesso
adesso a ferro caldo si dice che questi teppisti avranno una pena esemplare, poi usciranno sub. con arrest.domiciliari. è una VERGOGNA!!!!!!!!!!

Ma
Ma perchè i blach blok non vanno mai a fare una protesta in IRAN????????????????????????????????????????????????????

Ini
CASINI? BACCHETTONE E PORTA BORSE NELLA 1° REPUBBLICA, PORTA BORSE E BACCHETTONE NELLA 2° REPUBBLICA.DIFFIDATE DI TUTTI I PARLAMENTARI CHE I COGNOMI FINISCONO CON INI.

Anche
DIFFIDATE ANCHE DEI PARLAMENTARI DOVE I COGNOMI FINISCONO IN "ANI"

Dimenticavo
deportiamo nel dserto libico immigrati nullafecenti,clandestini,autonomi,blac blok e compagnia bella.chi lo fa,prende il70% alle elezioni.dimenticavo i rom...

Inutile
INUTILE DIRVI CHE IL POPOLO DI DX ASPETTA UNA DECRETO SVILUPPO FATTO DI TAGLI ALLE LOBBY (ORDINI PROFES.... ABOLITELI). OPPURE LA GENTE NON VI VOTERA' LA PROSSIMA VOL

Sicuramente
Avete senti come hanno insultato Pannella ?e con che ciglio! Ma quegli scalmanati per chi votano?Sicuramente non sono dei moderati e non sono per la pacifica convivenz

Neanche
anche questa volta non ce' l'anno fatta,sig.presidente veda di tenere duro che tanto sti' criticoni non riescono neanche a mettere in fila due frasi di senzo concre

giovedì, ottobre 13, 2011

Per far piacere ai nemici (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

Possibile
Contro Berlusconi soltanto odio puro, e Fini ne è la migliore componete, da che parte sta , possibile che il nostro presidente non lo contesta, delegitimandolo

Comunque
MA NON SI PUO' SUONARE UNA CAMPANELLA 5 MINUTI PRIMA DEL VOTO ,UNO POTREBBE ESSERE ANCHE AL BAGNO NO??COMUNQUE TREMONTI FA SCHIFO LO STESSO

Bile
Silvio non avere paura di spaccare tutto,noi ti rieleggeremo nel caso di nuove votazioni, cascherà la bile ai compagni.

Perché
Dove starà oggi Fini,in parlamento o sull'aventico comie i suoi amici? perchè non viene sfiduciato dal governo?

Qualcosa
NON CAPISCO PERCHè B.KE TIENE TANTO AL CONSENSO DEL POPOLO NON FA CIò KE CHIEDIAMO, OPPURE RIMANDA O ESCONO PALLIATIVI? QUALCOSA NON QUADRA! KI LO CONSIGLIA?MEGLIO SE FAI DI TESTA SUA

Perversi
FINI E COMPANY LE STATE STUDIANDO TUTTE AFFINCHE' BERLUSCONO SE NE VADA. PERVERSI! SOLO IL POP0LO PUO' BOCCIARE PERLUSCONI, MA NON VOI. IL POPLO LO HA ELETTO. E ZI

Spariglia
mio amatissimo presidente fonda un altro partito cacci via gli ex democristiani :pisanu scajola e altri . spariglia i giochi meschini del BOLSCEVICO NAPOLITANO e FINI!

Le OO
SB ha sbagliato TANTO,TROPPO e,ora,farà da capro espiatorio:chi è causa del suo mal,pianga se stesso!Al- mostri le OO di COMUNICARE a chi l'ha votato il XCHE' di ciò squadra vincente nel 2013?

Psicologo
inizi subito con: candeggio del partito contattare dei giovani con ideali e farli valutare tutti da un psicologo e gli attutali fuori tutti

Ambe di due
IN QUESTI GG NEI SCHERMI DI TUTTI I TG NELLE RIVOLTE FRA CRISTIANI E MUSSULMANI IN EGITTO NON SI SONO PIù VISTE DONNE LE DONNE DI AMBE DI DUE SCHIERAMENTI LE HANNO GIà

Mio
Non faccio la formica per poi farmi rapinare dal primo venuto della Corte dei Conti i MIEI beni reali che serviranno per il MIO inverno.

Spade
SAPETE COSA PENSIAMO DI VOI POLITICI DEL PDL SIETE COME I GIAPPONESI CHE PER FAR PIACERE AI NEMICI SI FACEVANO TRAFIGGERE UCCIDENDOSI CON LE SPADE CHIAMATI KAMIKAZE IL

martedì, ottobre 11, 2011

Via del Boschetto

Sms di mia madre:

"Stiamo pensando alla polpetta. Papà avrebbe un'ipotesi. Ricordi via del Boschetto?"

Via del Boschetto: eravamo andati ad abitarci quando il boschetto già non c'era più. Una cucina, un bagno, una legnaia, un sottoscala, una scala, tre camere, un salotto. Una moquette giallo zabaione. Un giardino. Erba, ghiaia. Ortensie lungo i muri. Un'altalena.

Cosa dovrei ricordare di via del Boschetto?
Eravamo costruiti su un cimitero di carne macinata?

Nel dubbio, non chiamo.

venerdì, ottobre 07, 2011

Great meatballs of fire



Ieri, sotto lo sguardo saccente di Pinocchio e del suo doppelgänger, ho infine avvitato tutto l'avvitabile e sono stata trascinata fuori dal modulo perfettamente incolume.

Però in una cavità poco accessibile dietro il wc ho trovato una cosa strana. 
Sarebbe stato bello imbattersi in un oggetto dolcemente sinistro come un origami, una trottola, una clessidra, uno spettrale carillon.

Invece ho trovato una polpetta. 

Dice Sua Cinicità: "Non scriverlo perché la gente capisce altro". Invece è proprio un'innocente polpettina. Ormai perfettamente fossilizzata, ma ancora integra nella sua polpettità. Inodore. Del peso e della consistenza di una palletta di gesso.
La gente qui chiede dov'è il bagno e ci nasconde le polpette.
E la cosa davvero strana è che noi le polpette non le facciamo mai, al limite estremo e conradiano le compriamo surgelate da Picard, e quelle di Picard sono più piccole.
La gente qui si porta le polpette da casa e le nasconde nel bagno, sotto lo sguardo omertoso dei due Pinocchi.

Magari la casa era abitata dal demone della polpetta, uno spirito dispeptico che portava infelicità, allentava le viti, faceva scuocere la pasta e asciugava l'acqua nella caffettiera. Magari adesso abbiamo risolto.

Però, nonostante tutta questa fatica costellata di scoperte, la tavoletta si muove ancora. 
Il Cinicità ha detto: "Sei stata bravissima. Inutile ma bravissima".
Mia madre ha mandato un sms di conforto: "Anche noi nel 2 bagno si muove ed è di plastica. Baci".

giovedì, ottobre 06, 2011

Que reste-t-il de nos armoires?


Qui ogni dieci metri c'è una brocante. È tutto un raccogliere, scaricare, riparare e ridipingere tavoli zoppi, sedie miserabili, mobiletti che sembrano fatti solo per reggere centrini bucati o gondole di plastica. Sospetto che questo spreco di impregnante sia una pacata forma di disoccupazione.

Qui il sabato e la domenica si pedonalizza tutto e si fa un bel vide-grenier, occasione perfetta per bighellonare travestiti da fricchettoni vegani e svuotare con solenne sprezzatura le proprie cantine per riempirle con la roba vecchia altrui.

Quel che resta va a finire in una vetrina sporca di segatura dove si trasforma in ironia.

mercoledì, ottobre 05, 2011

VVP e il sistema politico

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin andò nel suo futuro ufficio presidenziale per parlare con Dmitrij Anatol'evič Medvedev, il presidente ancora in carica.
Dmitrij Anatol'evič appariva molto turbato.
– Ancora stai lì a tormentarti? – sorrise Vladimir Vladimirovič™, – Ma piantala! Al secondo mandato non ci arriva neanche Obama.
– Cosa c'entra adesso Obama... – borbottò il Presidente, – Pensavo... tutti credevano che sarebbe uscito l'iPhone 5! E invece hanno presentato ancora il 4. Mi secca parecchio.
– Che? – Vladimir Vladimirovič™ non capiva.
In quel momento la porta si aprì. Era il vice capo dello staff presidenziale, Vladislav Jur'evič Surkov.
– Si può? – chiese Vladislav Jur'evič.
– Evviva! – si rallegrò Vladimir Vladimirovič™, – Entra!
– È ancora il mio ufficio, comunque, – disse il Presidente senza rivolgersi a nessuno in particolare, – E questo qui è ancora il vice capo del mio staff.
– Scusa, scusa, – Vladimir Vladimirovič™ allargò le braccia, – Abitudine.
Vladislav Jur'evič si avvicinò alla scrivania e vi posò un piccolo forziere di legno.
– Cos'è? – chiese il Presidente.
– Mi avete chiesto di elaborare un sistema politico che rispondesse ai problemi che attualmente ci affliggono, – rispose Vladislav Jur'evič, – E io l'ho elaborato.
Con queste parole Vladislav Jur'evič aprì il forziere. Vladimir Vladimirovič™ e Dmitrij Anatol'evič vi guardarono dentro con aria preoccupata.
Nel forziere, su uno strato di marocchino blu, c'erano due dadi di platino.
Sulle facce di uno dei dadi c'era il ritratto di Vladimir Vladimirovič™.
Sulle facce dell'altro c'era il ritratto di Dmitrij Anatol'evič.
– E allora? – sbottò Vladimir Vladimirovič™, – A cosa servono?
– A tirarli, – disse Vladislav Jur'evič, che li prese e li lanciò sulla scrivania.
Su un dado uscì la faccia di Vladimir Vladimirovič™. Sull'altro, la faccia di Dmitrij Anatol'evič.
– Adesso io! – disse il Presidente agguantando i dadi e lanciandoli.
Su un dado, Dmitrij Anatol'evič. Sull'altro, Vladimir Vladimirovič™.
– Ma geniale! – esclamò Vladimir Vladimirovič™, – Anch'io, anch'io!
Vladimir Vladimirovič™ prese i dadi e li lanciò.
Su uno uscì Vladimir Vladimirovič™. Sull'altro, Dmitrij Anatol'evič.
– Bòn, allora io vado, – disse Vladislav Jur'evič, lasciandosi alle spalle il rumore dei dadi che rotolavano sulla scrivania.

martedì, ottobre 04, 2011

La paura della gravità


All'inizio sono a casa con mia madre, nella luce abbagliante di un dopopranzo estivo. Siedo sotto una finestra, un grande rettangolo dai grossi bordi bianchi e arrotondati.
Dico a mia madre che se va tutto bene ci mettiamo sette ore, dunque al suo ritorno dal lavoro sarò nuovamente qui ad aspettarla. E che il pullover lo lascio sotto la finestra.

Mio padre apre la porta del garage, io porto fuori la macchina.
D'un tratto è notte fonda, lui dice "non capirò mai come fai a guidare a fari spenti". "Non tanto per te", aggiunge, anche se la strada è deserta. Sul sedile posteriore c'è Antonia, mi rendo conto che ci aspettava in macchina, stranamente composta, la borsetta sulle ginocchia e una caramella balsamica in bocca.

L'aeroporto è grande, formato da un corpo centrale e da grandi padiglioni circolari. Gli interni sono di legno, naturale o verniciato a colori vivaci: di legno sono i pavimenti, le pareti, le finiture, i pannelli scorrevoli da cui entrano ed escono i passeggeri. D'un tratto sembra di stare in un vecchio albergo di montagna. D'un tratto il presente assomiglia a un futuro immaginato negli anni Cinquanta. Noi tre passiamo da un padiglione all'altro, alla ricerca dei banchi del check-in. Sono in ritardo, so che mi stai aspettando. Il mio telefono segnala cinque tue chiamate perse. Finalmente vediamo una grande insegna verde a forma di freccia irregolare con la scritta ARRIVI e la sagoma stilizzata di uno steward (simile ai cuochi di cartone che salutavano gli automobilisti di passaggio, fuori dei ristoranti). La scritta ci tranquillizza: siamo arrivati. Tu infatti ci aspetti al banco del check-in con il biglietto in mano. Ma come, mi preoccupo, la destinazione sul tuo biglietto è la Georgia, non può essere. Tu spieghi che è una destinazione di comodo. E con un gesto veloce abbracci il viavai di gente nella sala: "qui nessuno va dove sta scritto sul biglietto, dai". Poi mi racconti un sogno che hai fatto, un sogno complicato e pieno di numeri. I numeri me li dici adesso che non possiamo farci niente, dico io. Improvvisamente non ho più borsa né valigia, solo una manciata di oggetti: gli occhiali da vista, piccoli fermagli per capelli.

Entriamo in uno dei padiglioni. Mi dici "spero che la piccola faccia la brava". Io ti rispondo che dobbiamo preoccuparci non della piccola ma di Antonia, anche se oggi è insolitamente disciplinata. Poi ti dico che Antonia ha un regalo per la piccola, un piccolo scheletro di dinosauro. "Sarà contentissima. Sai com'è fatta lei" dici.

Siamo pronti. Mentre davanti a noi sta per aprirsi il pannello scorrevole mi torna in mente un programma che ho visto alla tv, dove due astronauti rispondevano a una domanda sulla paura della gravità e uno di loro diceva: "Quando scendi dall'ultimo piano di un grattacielo altissimo sai che avrai paura, ma che il viaggio in ascensore durerà solo sette minuti. Lo spavento dura poco, passa quando tocchi il suolo. Per noi non è mai il viaggio a far paura, ma la gravità che non ci tiene più". 
Capisco che non ci metteremo sette ore. Sette erano solo i minuti di un viaggio in ascensore, in un programma alla tv.

L'ultima immagine è quella della bambina con il suo bianchissimo scheletro di dinosauro.
L'ultimo ricordo è quello del pullover abbandonato sotto la finestra, in una luce senza scampo.

lunedì, ottobre 03, 2011

Guadagna 20.000 sterline con il pc! Comodamente dalla tua università!

Finalmente una notizia che unisce nomi diversamente occidentali, falso allarme, sospetto braccidestrismo e lieto fine con assegno non trasferibile.

Nome: Rizwaan Sabir.
Età: 26 anni.
Occupazione: studente all'università of Nottingham.
È stato: arrestato in base al Terrorism Act.
Accusa: scaricamento di materiale per utilizzo illegale.
Il materiale: "The Al Qaeda Training Manual", 140 pagine.
A scopo di: studio.
Seguono: sette giorni e sei notti di detenzione.
Poi: il rilascio senza accuse né scuse.
Perché: il materiale gli serviva per la tesi di dottorato, e comunque
Fermi tutti: l'aveva scaricato da un sito del governo americano.
Tutto questo succede: nel 2008.
Gli avvocati di Sabir però scoprono che: la polizia è in possesso di un fascicolo su di lui nel quale sono contenute false informazioni e si dice che è stato arrestato per terrorismo.
Adesso si spiega perché: da allora lo fermano e lo perquisiscono più spesso.
Lieto fine: per evitare il processo la polizia del Nottinghamshire accetta di risarcirlo.
In tutto: 20.000 sterline più le spese legali.
La polizia continua a definire il suo arresto: una misura necessaria e adeguata.

È evidente. Porti quel nome e scommetto che non sei bianco. Scarichi il .pdf del manuale di addestramento di al Qaeda, che si chiama proprio manuale di addestramento di al Qaeda. Lo salvi non nel tuo computer, ma in quello dell'amministrazione della tua università. Prima però chiedi il permesso. Chi ti concede il permesso ha un nome strano pure lui. Sfiga.
E poi te lo studi con la scusa del dottorato. Certo, ogni volta che ti viene un dubbio devi andare in amministrazione. Un po' due palle, soprattutto quando cominci a metterlo in pratica: "cos'è che devo fare se tiro la cloche e non succede niente?", "com'era già la ricetta della ricina senza colesterolo?", "niente, io i 44 modi per sostenere il jihad non me li ricordo mai tutti, quando arrivo alla fine sono sempre 42".
A questo punto sei famoso. 
Da qualche parte c'è un fascicolo che parla proprio di te.
Poi non lamentarti se ti fermano sempre con il pretesto patente-libretto. 
Scusa, sai.


domenica, ottobre 02, 2011

La distribuzione degli elefanti sulle isole

La distribuzione degli elefanti sulle isole
di Sergej Kruglov

Denso come marmellata è il sangue del tango portoricano.
Robinson si entusiasma, ulula, bacia
una sbavatura su un alluce calloso!
Oggi tiene a battesimo una nuova letteratura insulare.
Felice Venerdì s'inchina
agli applausi del mare,
lancia goffi baci in aria verso i gabbiani,
i granchi strisciano sulla scena con imbarazzanti bouquet
di moccio salato.
Venerdì ha vinto il Premio Booker!
Culla tra le braccia l'enorme busta viola.
Venerdì è un poeta, oggi per l'emozione è agitato
come un cocktail “El Choclo”, ha perfino una cannuccia
che gli spunta in mezzo all'inguine!
Robinson, ballando, accarezza la radiolina
che tiene in mano –
“Girl, Don’t Cry Fo’ Louie!” –
e aggira felice la madre passandole alle spalle,
il battesimo all'ombra di una palma da cocco:
barbuto e giallodentato, spaventoso,
simile al cammello del Battista, il canuto Crusoe
benedice il suo dio-bambino, attaccandosi
al capezzolo di cioccolato al latte
del giovane maestro-stilista;
il succo della letteratura! tutto immacolato;
ah, se soltanto – prega Venerdì – la celebrazione della poesia
e la pioggia di premi non finissero mai! aiuto, Signore!
Ma Robinson, sintonizzando la sua radio su un tango – qui l'unico
fardello dell'uomo bianco è questo – lo istruisce:
così, così, figlio mio! sei il nuovo orgoglio del mondo!
Spalma uno strato di preghiera più spesso dell'olio di cocco – sull'orecchio di Dio!
su e giù, su e giù! tango nelle pieghe! Così!
E intanto quel Dio bruno dalle vermiglie labbra se la ride:
D'ora in poi su queste isole lo spirito
creerà a proprio piacimento.

Originale: Раздача слонов на островах


Traduzione: Manuela Vittorelli



Sergej Gennad'evič Kruglov, nato nel 1966 a Minusinsk, nella regione di Krasnojarsk, ha studiato giornalismo a Krasnojarsk e ha poi lavorato come reporter nel giornale locale Vlast' Trudu. Scrive poesie dal 1993. Nel 1999 è stato ordinato sacerdote della Chiesa ortodossa russa. Vive in Siberia. È sposato e ha tre figli. Nel 2008 ha ricevuto il premio Andrej Belyj. Ha un blog: http://kruglov-s-g.livejournal.com/ (rus).


[La motosega me l'ha prestata Sten.]

venerdì, settembre 30, 2011

They got this guy, in Germany. I don't know. Maybe it was Yemen

"He's the most dangerous man in Yemen. 
He's intelligent, sophisticated, Internet-savvy, and very charismatic. 
He can sell anything to anyone, and right now he's selling jihad."
Yemeni official

"Terrorist No. 1, in terms of threat against us."
Representative Jane Harman, (D-CA)

"al-Awlaki is the most dangerous ideologue in the world. 
Unlike bin Laden and al-Zawahiri, he doesn’t need subtitles on his videos 
to indoctrinate and influence young people in the West."
Sajjan M. Gohel, Asia-Pacific Foundation

Ci dissero che c'erano tre gruppi molto interessati ad attaccare gli Stati Uniti: l'Al Qaeda del Pakistan, l'Al Qaeda della Penisola arabica e i Taliban pakistani.

Ci dissero che l'Al Qaeda più aggressiva era quella della Penisola arabica, che la sua base era lo Yemen e che la sua guida era il predicatore islamico, reclutatore e motivatore Anwar al Awlaki.

Ci dissero che Anwar al Awlaki era il boss dei boss, che era nato negli Stati Uniti e aveva la doppia cittadinanza americana e yemenita. Che aveva ispirato il maggiore Nidal Malik Hasan (autore del massacro di Fort Hood), Umar Farouk Abdulmutallab (il ragazzetto nigeriano ricco con il plastico negli slip) e Faisal Shahzad (sospettato del fallito attentato a Times Square). E anche i tizi di Londra, quelli di Fort Dix e il gruppo chiamato Toronto 18, quello dei furgoni imbottiti di fertilizzante. Ci dissero che era stata sua l'idea di spedire negli Stati Uniti tetranitrato di pentaeritrite nascosto in un toner per stampante.

Ci dissero che era figlio di una cultura rigida e arcaica ma che predicava su YouTube e aveva un sito internet.
Che era stato condannato per sfruttamento della prostituzione ma che non stringeva la mano alle donne.
Che raccomandava la riconciliazione ma che minacciava gli Stati Uniti.
Che conosceva tre attentatori dell'11 settembre, ma che aveva cenato al Pentagono poco tempo dopo.
Che era uno dei tre most wanted della CIA, o forse un suo agente.
Adesso dichiarano che è morto, ma suo fratello afferma il contrario. Ossia, che è vivo.

Come diceva quel tizio, Fritz qualcosa, o forse Werner, a volte più guardi e meno conosci. Il semplice guardare cambia il fatto. La scienza, la percezione. La realtà, il dubbio.
Il crucco aveva anche buttato giù una formula.

Non puoi sapere quello che sarebbe successo se non ci avessi ficcato il nasone.

Ecco perché preferiamo ficcarci un paio di Predator della CIA.

lunedì, settembre 26, 2011

Falsi amici

– Buone queste patatine italiane!
– Ti piacciono?
– Tantissimo. Hanno un gusto anziano.

venerdì, settembre 23, 2011

Andare a Parigi

E così, dopo due anni di idillio e di voli low-cost, Sua Cinicità ha scoperto le sue carte.
Come sei magra, come sei flessuosa, diceva.
Mia coniglietta.
Quand'è che vieni?

Ora mi trovo qui, in compagnia di buona parte del mio guardaroba autunnale, per fissare meglio la tavoletta di un water. Il water si trova in un luogo minuscolo, punitivo e illuminato bene – sostanzialmente un modulo spaziale per fantini ascetici – situato a metri e metri di distanza dal bagno, quello che ha la vasca al posto giusto e il cesto della biancheria al posto del bidet.

La tavoletta del water si muove un po' perché la vite che la tiene al suo posto si è leggermente allentata. La vite va riavvitata. La vite è naturalmente inaccessibile a chiunque non sia un nano molto smilzo o un coniglio biondo di 43 chili.

Amore, devi infilarti lì sotto, vedi? Devi entrarci strisciando, supina, con il braccio già alzato dietro la testa e pronto ad avvitare. Senso orario, mi raccomando. Fa' vedere com'è, orario? Bene. E avviti. L'inferno è che non la vedi, la vite. Sei completamente alla cieca. Poi probabilmente dovrò estrarti tirandoti per i piedi. Magari telefoniamo a tuo padre per l'assistenza remota, non si sa mai.

Ma come non si sa mai.

Ah, naturalmente ti tolgo di mezzo lo scopino.

Naturalmente.

Le nonne, quando volevano alludere alle proprie funzioni fisiologiche, dicevano con provinciale eleganza "vado a Parigi". Con permesso, devo andare a Parigi. Com'è signora, tutto bene? Ah, dottore, vado a Parigi tutte le mattine.

Bene.

Sono a Parigi, con il braccio già alzato e un cacciavite in mano.
Se posso scrivo.
Se non scrivo telefono.
Se non telefono mandate un fantino.

domenica, settembre 18, 2011

Più tristi più saggi

Ah! tutti quali occhiate, quale atroce sguardo 
volsero a me, giovani e vecchi! 
Un Dodo al collo in luogo dei diamanti 
m'appeser le compagne.
Anonimo, La ballata della giovane escort

"Cioè vai lì davanti all'imperatore, che cazzo fai, vai con il filettino di Dodo, di... di... cioè vai con delle cose importanti, lui apprezza perché è un esteta."
Terry De Nicolò, 16 settembre 2011.

giovedì, settembre 08, 2011

Obiettivo betòn



"Chi il cemento non colerà, mai la bellezza conoscerà!"

Quanto è vero.

Ricordatevi che il cemento è ancora il nostro obiettivo.

martedì, settembre 06, 2011

Cose mai viste e registrate male

A Fuori Orario non sono cattivi, solo un po' situazionisti. Detournano.

Allora.

Cerco la sesta parte (anni 1967-68, durata 45') della Leningradskaja Retrospektiva di Aleksandr Sokurov. Trasmessa da Rai3 nella notte tra venerdì e sabato, non insieme alle prime cinque, no: collocata dopo una qualche puntata del documentario del 1970 La lotta dell'uomo per la sua sopravvivenza.

Scambio con il resto della Retrospektiva (in ottimo stato) e ci aggiungo Naš Vek di Artavazd Pelešjan, nonché una spilletta sovietica con la scritta "SO NUOTARE 25 METRI"*.

Astenersi perditempo, mitomani e fan del Rossellini pedagogico.

Grazie.

*In alternativa, una spilletta sovietica con la scritta "SO NUOTARE 50 METRI". Poi però se vi pigliano i crampi al largo non vengo mica a prendervi, ve lo dico subito.

venerdì, settembre 02, 2011

Cuts

Jason-Chen asked: How do you get your cuts so perfect?!

E l'ottavo angelo suonò la tromba, lo spread Btp-Bund superò quota 330 punti e arrivò il Tumblr di quello che tagliava a metà i cioccolatini, le gelatine e le barrette e li scansionava. "You'd be surprised" egli disse. "It's not so difficult."


mercoledì, agosto 24, 2011

Odnako

Le dichiarazioni ufficiali sovietiche erano caratterizzate da paragrafi e paragrafi carichi di ottimismo e di lode per questo o quel brillante risultato. L'informazione vera e propria, quella che permetteva di cogliere seppur obliquamente il messaggio, arrivava spesso – spesso, non sempre – verso la fine dell'articolo ed era preceduta dalla parola odnako.
Odnako si pronuncia adnàka e significa "tuttavia", "però".

Gli articoli della stampa occidentale sui clamorosi progressi della guerra in Libia sono pieni di odnako. Presa Tripoli, odnako. Bunker assaltato, odnako.

Il bunker. Sempre sul punto di farsi prendere, mai preso: entrano, stanno entrando, stanno sfondando, sfondano, stanno per entrare, hanno sfondato, lo stanno assaltando, passano, entrano, stanno per entrare.

Quanto è grande il bunker di Gheddafi? E quando ci entri (sfondi) cosa fai? Ti fermi sulla soglia e strofini i piedi sullo zerbino guardandoti attorno e commentando a mezza voce "pensavo più grande". O "pensavo più piccolo"? C'è l'aria condizionata? Ci sono tante stanze piene di cattivoni che fischiettano ignari come in Splinter Cell? Ci sono finte porte, complicati disimpegni, vasti armadi guardaroba, paraventi, trompe l'œil che nascondono porte vere sotto tramonti infuocati o pastorali di Boucher? Tappeti? C'è almeno qualcuno che a un certo punto dice "da questa parte"? Si va in giro con le torce come nelle tane dei serial killer? E poi c'è il solito tizio che entra nella stanza accanto, accende la luce come se niente fosse e dice "capo, c'è dell'altro"? C'è una finestra aperta, con le tendine che svolazzano su una fuga miracolosa? O griglie di ventilazione divelte?

Ci sono cadaveri, qua e là. Poi non ci sono più. Sono ombre sulla boiserie da ufficio, lampi sulle cromature, fantasmi di figli di Gheddafi, figli di fantasmi.

Entrano, stanno per entrare, sono entrati, si avvicinano, fanno breccia, sfondano, passano, attraversano, hanno entrando, sono sfonderanno.
Tsch. Tsch. Beccati questa, e questa. Tsch. Da questa parte.
Preso il bunker (il compound, la residenza).
Odnako.

venerdì, agosto 12, 2011

Spacca, arraffa, scappa

Lascia che i minuti sfoghino
Le pallottole che Brixton vuole
Il filo spinato è edera sui miei muri
L'acre cordite come nebbia in autunno
Scioglie l'asprezza della strada in quadri traslucidi
Pensa come la randellata sorpassa il pensiero
Come il germogliare della Molotov cancella la discussione
E per una volta nella mia vita di nero britannico
I miei atomi sono esplosi in atomi di potere
Lascia che l'istante del mirino esorcizzi
I miti pittorici inventati dall'indifferenza
Ogni mattone scagliato a distruggere questo specchio incantatore
A razziare verità confezionate in bugie
Io sono i quintali di carne putrida nelle prigioni inglesi
Nelle case abbandonate, nei riformatori, le tonnellate di carne condannata
Che chiedono ai minuti di sfogare feroci la loro sporcizia in scatola.

Dambudzo Marechera, Smash, Grab, Run.

Traduzione: Manuela Vittorelli.

domenica, agosto 07, 2011

Brega is a state of mind


    1. Ogni mattina in Libia un ribelle si sveglia e sa che deve avanzare verso Brega. Eccetera.
    2. Come si suol dire, quello che conta non è la meta ma il viaggio.
    3. E poi l'importante è fare movimento.
    4. BHL aveva detto che erano simpatici, mica che avevano il senso dell'orientamento.
    5. Ricordiamoci sempre che son giornate di bollino nero.
    6. Inoltre.
    7. Di notte i braccidestri di Gheddafi cambiano i segnali stradali.
    8. E costruiscono rotatorie infernali.

    9. Infernali.

    sabato, agosto 06, 2011

    Lo sfortunato caso delle Mambrate

    Ieri sera su RaiNews24 c'era uno che continuava a dire Le Mambrate, che non bisogna aver paura delle Mambrate, che quello delle Mambrate è un caso eccezionale.

    – Manue', ma cosa so' 'ste Mambrate?
    – Eh, sarà successo a luglio che non avevamo internet.
    – Ma adesso pure di questo ci dobbiamo preoccupare?
    – Non lo so, dice che son fallite.

    Solo in fine di trasmissione abbiamo capito che quello intendeva "Lehman Brothers".

    lunedì, luglio 18, 2011

    Nelle nebbie di Ork

    All'esterno della casa, agganciato a un muro nella zona del belvedere, c'è un bassorilievo che raffigura una foglia sormontata da una piccola corona e due mani mozzate, piccole e paffute, che mostrano il palmo facendo nano-nano. Mentre scrivo mi accorgo che la foglia potrebbe essere un'antica piuma, e che forse nelle intenzioni del committente le mani avrebbero dovuto mimare un saluto massonico. Poi però l'artigiano deve essersi perso tra le nebbie del pianeta Ork, o magari nella pampa vulcaniana, dove le foglie sono piume di dinosauro e il tempo si è fermato alle 12.30 insieme alla lancetta dei secondi.

    La sfida di oggi è far dire a Giancarlo "l'acqua ce l'ho nell'Ape". Per raggiungere l'obiettivo è necessario proporgli insistentemente della Coca-Cola, che come si dice da queste parti è buona ma non disseta. È buona. Ma non disseta.

    sabato, luglio 16, 2011

    In questo posto

    Nel posto in cui mi trovo, che chiameremo "questo posto", c'è un solo orologio: è appeso a una parete della cucina, le ore sono sostituite da 12 specie di uccelletti e la lancetta dei secondi oscilla permanentemente in corrispondenza dell'Erithacus akahige, un secondo avanti e uno indietro. L'Erithacus akahige è evidentemente un pettirosso. L'orologio, invece, è evidentemente fermo.

    La sfida di oggi è far dire a Giancarlo "la Coca-Cola non disseta".
    La sfida di oggi è la stessa di ieri.

    Giancarlo ha sposato una bulgara, Svetlana, che è stata raggiunta dalla nipote Svetlanina. Svetlanina è piccolina, cicciottella, non sa una parola d'italiano e parla l'inglese a little bit. Solo ieri Giancarlo ha scoperto che Svetlanina non ha tredici anni ma fifteen, perché a lui le donne non dicono mai niente, probabilmente perché basta che siano contente e lui è contento così. Del resto Svetlanina sta tutto il giorno su internet a parla' colle amiche, dice, e lui ne deduce che a casa sua chissà come all'improvviso ce sta internet. La moglie però lo smentisce subito, ci mostra un'internet key e dice che 3 si prende solo in cucina. Giancarlo osserva Svetlana, Svetlanina, la chiavetta e il tavolo della cucina. Poi decide di mostrarci l'orto. Perché io nun ce so de internet, dice.

    La signora Svetlana insisteva perché bevessimo qualcosa. Stavo per accettare una Coca-Cola, così, giusto per sfidare Giancarlo a pronunciarsi. Poi ho cambiato idea.

    Secondo il pettirosso sono le 12 e 30. Secondo più, secondo meno. Secondo più, secondo meno.

    sabato, giugno 25, 2011

    La persuasione e la rotatoria

    Un tempo qui era tutto Dasein, a perdita d'occhio.
    Poi sono arrivate le rotatorie e i piani del traffico escheriani.

    – Non può passare, strada chiusa.
    – Ma io ci abito.
    – Passi.
    – Quando finiscono i lavori?
    – Stasera. Io da domani mi metto in malattia, guardi.
    – Fatica?
    – Assessore in ferie, direttore dei lavori chiuso nel suo ufficio, nessun cartello indicatore. E noi qua.
    – A presidiare la rotatoria.
    – E poi mi dicono che tratto male le persone.
    – ...
    – Capisce. Che tratto male le persone.
    – Arrivederci.
    – Arrivederci.

    Nel pomeriggio usciamo, Bracciodestro e io. La giovane rotatoria è lì, piantata al centro dell'incrocio tra i vapori dell'asfalto. Le auto sono ancora poche e tutte impegnate a rubarsi la precedenza.
    Sul marciapiede giace abbandonato un foglio A4.
    Lo raccolgo.
    Sono le istruzioni di montaggio della rotatoria.



    Io pensavo che le rotatorie si studiassero all'istituto tecnico o all'università e che poi al momento giusto ci fosse gente che arrivava con il suo bel caschetto giallo e un rotolo di disegni sotto il braccio e diceva così e cosà. Invece si comprano da Obi. Come niente alla fine c'è sempre una vite che manca e bisogna andare alla ferramenta a cercarla. E però la ferramenta apre alle quattro, aspetta che chiudiamo la zona al traffico ancora per un paio d'ore. Diccelo al vigile biondo, quello con la catenina d'oro. Quello tutto sudato.

    Andiamocene prima di inciampare in un compasso gigante, bisbiglia Bracciodestro.

    Pensare che un tempo qui era tutto Dasein.

    sabato, giugno 18, 2011

    La fin des cacahuètes

    Allez hop, t'occupes, t'inquiètes,
    touche pas ma planète.
    It's not today,
    que le ciel me tombera sur la tête.
    Et que la colle me manquera.
    Hou, hou,
    hou, houça plane pour moi.

    E l'ottavo angelo suonò la tromba e dagli altoparlanti dei supermercati e dalle autoradio tornarono a uscire le canzoni di Plastic Bertrand.

    martedì, giugno 14, 2011

    Delitti e Misteri

    13 giugno 2011.
    Ore 23.41.
    Porta a Porta light edition, sobrietà, niente poltrone, ospiti appollaiati sui trespoli nella penombra.
    Adesso Vespa fa una roba sui referendum, stiamo a vedere. Butto lì i nomi, Lupi, Belpietro, Di Pietro e Bindi.

    Luci in studio.
    C'è la giudice, c'è la criminologa con le extensions, c'è la sosia italiana di Beverly D'Angelo e c'è Anna Kanakis.
    Puntata femminile.
    Ma non vedo Rosy Bindi, Vespa.
    Non sento parlare di referendum.

    Infatti stasera a Porta a Porta si parla d'altro.
    Questa sera a Porta a Porta si parla di delitti e misteri, cioè di bambine bionde morte nel garage, cioè di Avetrana.

    Extensions dice abbiamo accompagnato zio Michele in un percorso di verità.
    La giudice dice che il peso che una persona si porta dentro è un peso per così dire insostenibile.
    Anna Kanakis dice "una passione malata, forse".
    Beverly D'Angelo dice che la gelosia è un sentimento complesso.

    E non dimentichiamo l'eredità.

    Dai, comunque adesso enter Rosy Bindi.

    Ma arriviamo al paradosso, dice Bruno Vespa: l'autoaccusa di Michele e poi la sua libertà a confronto con l'incarcerazione di Cosima e Sabrina. Dice.

    Il paradosso.

    La giudice parla di verità processuale e verità sostanziale. Dice recepire, impianto, per così dire, codice.
    Extensions: siamo assistendo a un posizionamento abbastanza indipendente delle due difese. Il gip è una persona che sa davvero fare il suo lavoro.
    Kanakis: la signora mi sembra un'ape regina, io la vedo lì così, silenziosa ma forte, tosta.
    Beverly: madre padrona, io direi addirittura.

    Riflettono.

    Passiamo ora al caso di Carmela detta Melania, la donna molto bella che va con il marito a portare a spasso la figlioletta e scompare.
    Segue ricostruzione filmata su musica di Badalamenti.
    Lunghissima storia d'amore segnata dai tradimenti di lui, dice. Ma nessuna ombra nella vita di lei e nelle sue sim card.
    Chi poteva odiare Melania? Chi?

    Pubblicità: crema per micosi, spazzolino da denti, Nuova Lancia Ypsilon, Tim, Campari. Poi si riprende.

    Kanakis, memorabile: quel sorriso di lei, mi piacerebbe cosa le dava gioia, cosa le dava tormento, che gusti aveva. Lui invece non lo amo moltissimo, aggiunge.

    Ma vediamo più da vicino il delitto. Seguono campi, chioschi e le solite celle di cellulare che agganciano luoghi.

    Extension: il còllage investigativo, dice, ma non si capisce, o forse non capisco io che sono rimasta ferma a "còllage".
    Kanakis: a pochi metri dal corpo della nostra Melania è stato trovato l'anello di fidanzamento. Che tenerezza, dice. Se l'ha scagliato lei è un segnale fortissimo. Chissà.
    Giudice: i processi non si fanno con gli anelli scagliati.
    Beverly: sembra un gesto molto femminile.

    Vespa: resta quella bella ragazza, una donna veramente dedita alla famiglia.
    Cosa ne pensa una donna del Sud come Anna Kanakis? Be', lei non osa pensare a quei momenti, a quell'arma corta.

    E chissà quel volto quale segreti nasconde, taglia corto Vespa.
    E ci fermiamo qui, sigla.

    Poco dopo il Tg1 ci riprova con l'escherichia coli: si sospettano anche aglio, broccoli e fieno greco, dice il conduttore aggiustandosi gli occhiali sulla faccia, a suo modo sereno.

    Come se stessimo gozzovigliando con il fieno greco.
    Come se stessimo festeggiando a pane e batteri, noi, proprio adesso che ci siamo svegliati e non abbiamo voglia di andare a dormire, e che i nostri cellulari agganciano furiosamente celle che agganciano luoghi puliti e illuminati bene, luoghi dove le bambine rincasano tranquille senza passare per il garage e le fidanzate non si strappano gli anelli, o almeno non stanotte, non adesso.

    lunedì, giugno 13, 2011

    Quel terribile tam tam (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

    Mentecatti
    Il 50+1 non significa nulla.Soltanto se fossero tutti SI ,potrebbero significare qualcosa,ad esempio che 50/100 di votanti sono pro i mentecatti sinistri

    Adsense
    LA SX HA FATTO MEGAPUBBLICITA' CON I GOOGLE ADSENSE E SU FACEBOOK (687 MILIONI DI UTENTI NEL MONDO...),MA VOLETE METTERE UNO STAFF SU INTERNET CON LE CONTROPALLE?MAXR

    Pena
    Da italiana mi vergogno del risultato dei referendum. Se fossi in te,Berlusconi, da domani rassegnerei le dimissioni, tanto per questi italiani non ne vale la pena!!

    Purtroppo
    SIAMO UN PAESE CHE TIFA, NN VOTA. ORA LA MODA E' QUESTA PURTROPPO! NN REGALIAMO IL PAESE ALLA SINISTRA: ACCORDIAMOCI ANCHE CON IL DIAVOLO SE SERVE!!!!!!!!!

    Alcuni
    Vorrei fare una proposta al Governo. Cercate di abbassare il prezzo della benzina eliminando alcuni balzelli inutili.

    Fallace
    VOI CICCHITTO LARUSSA,BONDI NON LO VOLETE CAPIRE METTETEVI DA PARTE ,LA COMUNICAZIONE E' FALLACE!! LA SX CON IL TAM TAM HA FATTO VINCERE I SI NEI REFERENDUM,COGLIONI!MAXRN

    Contenta
    IL REFERENDUM PER IL NUCLEARE NON L'HO VOTATO MA SONO CONTENTA CHE E' PASSATO PERCHE' DOBBIAMO PENSARE AL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI

    Referendi
    Si sapeva già il risultato di questi referendi,un tam tam terribile dei media.....scommetto che tanti non sapevano cosa votavano.....

    Vento
    EOLIKE è una ca...ta tremenda.L'Italia non è costantemente ventosa come la Norvegia.Non si riesce ad inviare all'accumulo l'energia xkè manca il vento.SOLDI AL VENT

    Saluta tutti
    ,PDL ;faremo,diremo,vedremo....intanto mangiamo più degli altri!!!ex elettrice saluta tutti!

    mercoledì, giugno 01, 2011

    S.B. ha idee chiare anche noi (We Read Spazio Azzurro So You Don't Have To)

    Il PDL tornerà più forte di prima, ma un favore..Larussa, Gaparri e vecchi tromboni, a casa!!! Gente nuova e giovane! con basta con sti ex..vogliamo i nuovi!

    ora berlusconi sistemi il partito per bene,metta in minoranza tremonti e s ei napoletani ed i milanesi vorranno cose lasci perdere....hanno deciso altrimenti..

    se non vuole andare a casa,mandi via Tremonti Brunetta Gelmini Maroni,questi le faranno perder le elezioni perchè arrecano danno al popolo italiano.

    Silvio, se veramente vuoi fare la riforma della giustizia, offri il dicastero a Pannella o ad un tecnico superpartes. Con Lupi o altri del PdL non la farai mai!!!

    Basta mandare in TV gente come Stracquadaino, Santanchè, ecc. Interrompono sempre, spesso a sproposito. Così fanno perdere consensi. Evviva Alfano e Quagliarello.

    Fuori dalle palle BONDI E VERDINI. Palloni gonfiati che hanno fatto un sacco di danni: uno troppo molle e l'altro troppo arrogante.

    Io voto Berlusconi non Tremonti o altri. Io voterò sempre Berlusconi, chi gli sta al fianco ha anche la mia fiducia. Ma io ho scelto Berluscuni, il mio voto è solo suo

    AI GIOVANI.ALFANO PREMIER NEL 2013,ALLA GIUSTIZIA LUPI.SCAJOLA E DELL'UTRI ORGANIZZAZIONE.I VECCHI POLITICI FUROI DALLE PALLE.AL MARKETING COPPOLA DI TORINO.

    'E INCREDIBILE CHE PERDIAMO E CHE LARUSSA NO SI VUOLE DIMETTERE,MA AVETE PAURA?DOV'E' LA MERITOCRAZIA.SE PERDI SBAGLI,FUORI DALLE PALLE VERDINI E LARUSSA.LARUSSA 6 GIA MINISTRO.

    Tremonti non lo vogliamo.Se non vuole tagliare le tasse cambi partito,altrimenti ci farà perdere ancora più voti

    perchè non lasciare Alfano dove stà che è Bravissimo e mettere invece Lupi (altrettanto bravo) come coordinatore unico.

    S.B. HA IDEE CHIARE anche noi: togliere incompetenti ed incapaci come Romani e Prestigiacomo che hanno truffato gli italiani col IV conto energia. Mettere per es. Galan, serio e competent

    Forza Tremonti! Berlusconi scrivono pensava di mettere in lizza x sindaco a Napoli la Carfagna, ma ancora non ha capito ! Basta Minetti & C.

    Bisogna rinnovare il partito immediatamente togliendo tutte le cariatidi es. Bonaiuti,Cicchitto, Minetti(Lombardia),Scaiola ecc. La parola d'ordine è Giovani motivati

    Bondi si è dimesso ora mancano La Russa e Verdini.Nulla contro La Russa brava persona e uomo di destra vera ma il partito ha bisogno di giovani Alfano e Meloni!!

    lunedì, maggio 30, 2011

    Rimboccatevi le mani (We Read Fuck Yeah Spazio Azzurro, So You Don't Have To)

    Inutil
    la politica si fa coi fatti non con le parole.il popolo di cdx vi ha abbandonato xkè avete fatto gli interessi dei parassiti e nn di quelli ke lavorano.votare è inutil

    Un po'
    Presidente ci dia un segnale,di rinnovamento,ci ridia la fiducia che ci è un po' venuta meno!I nostri problemi,di tutti i giorni,sono tanti.Ci aiuti,solo lei può farl

    Spero
    Spero che, oggi si sia finalmente capito (nel partito) che abbiamo perso il contatto con la gente, che bisogna amministrare a tutti i livelli con credibilità!!

    Lupi
    Al TG3 si preparano alla festa , mentre parlava LUPI facevano vedere un cartello con scritto "Buon giorno PISAPIA sindaco di MILANO" una bella FAZIOSITA della RAI

    Apparato
    LA RAGIONE E' CHE NON CE LA FACCIAMO PIU' A MANTENERVI TUTTI. L'APPARATO E' SEMPRE PIU' PESANTE E TREMONTI HA FATTO TRABBOCCARE IL VASO !!!

    Loro
    questi risultati li abbiamo grazie a tuttto quel popolo del PDL che non è andato a votare al ballottaggio come non è andato al primo turno ! LORO non mancano mai

    Nu poc
    caro presidente x la sconfitta dobbiamo ringraziare anche le TUE televisioni.FA nu poc e' pulizie, cacciane a munnezz a loc dint.E capitooooooooooooooooooooooo! O no?

    Passo
    Presidente non si dimetta , ma deve cambiare passo e aggiungere un po' più di logica e farsi aiutare maggiormente,sentira 1 voce e sntire 7 voci c'è differenza.

    Cause
    Cause del disastro: riforme al cloroformio, guerre che non servono a un tubo (LIbano, Libia), poca attenzione alla famiglia, candidati sconosciuti, "extra" a profusi

    Sopratutto
    Auguro a tutti una moderazione di comportamento. Una responsabilità e sopratutto di dignità.

    Anche
    anche trieste città tradizionalmente italiana e di destra sarà gestita da un comunista duro e puro che metterà sloveno dappertutto.colpa dei protagonismi e delle liti

    Base
    SAPPIAMO CHE PURTROPPO CHI STà INTORNO AL PRESIDENTE NON è DI GRAN FIDUCIA, POCO GLI ARRIVA DA QUELLO CHE NOI DI BASE DICIAMO

    Soli
    Dal sogno azzurro all'incubo nero in soli tre anni. Abbiate il coraggio di ammettere i vostri errori, metteteci facce nuove e ricominciate tutto da capo.

    Perbenino
    E infine... trovatevi qualcuno che vi cura l'immagine e che vi coordini perbenino perché ultimamente sembrate davvero dei pazzi allo sbaraglio

    Errore
    l'unico errore che hai commesso è stato quello di non aver mai letto SPAZIO AZ_ ZURRO: avresti capito chi ti remava contro. Primo della lista il sinistro Min. Romani

    Le mani
    rimboccatevi le mani e per prima cosa respingete e controllate tutti questi islamici che ci stan invadendo grazie alla sinistra , all'UE, e collaborazionisti vari!

    Anche
    ve lo siete meritato....e se continuate così anche in friuli fra 2 anni torna la sx.invece di chiudere ospedali pedemontani che si taglino gli stipendi

    Ma, se capita, chissà, se capita


    ... un po' di Urss anche per me.

    venerdì, maggio 27, 2011

    L'aerio

    – Guarda che lo so cos'è successo a Strauss-Kahn.
    – Ah, e chi te l'ha detto?
    – Il telegiornale.
    – E cos'ha detto il telegiornale?
    – Che ha agressé una cameriera e poi è andato a prendere l'aerio, ma la polizia l'ha arrestato.
    – Ok.
    – E poi l'aerio è caduto.
    – ...
    – Ma è vero!
    – Si è fatto male qualcuno?
    – Tutti morti.

    lunedì, maggio 23, 2011

    Vid'Omar quant'è bello

    Nome: Mohammed Omar.
    Titolo: Mullah.
    Detto: Mullah Omar.
    Valore collezionistico: altissimo.
    Forse nato nel: 1959.
    Forsa a: Nodeh, nei pressi di Kandahar.
    I genitori forse erano: poveri pastori.
    Ed è forse cresciuto in: capanne di fango nella provincia di Kandahar.
    E ha forse frequentato: la madrassa Darul Uloom Haqqania, ad Akora Khattak, provincia di Khyber Pakhtunkhwa, Pakistan.
    Ed è dunque, forse, come tutti sanno: tendenza deobandi.
    Ha combattuto: i sovietici.
    L'ultima volta era stato visto: mentre scappava in motoretta da un villaggio nella provincia di Helmand, Afghanistan.
    Era il: gennaio 2002.
    In seguito ha: variamente rivendicato e dichiarato.
    Oggi: è dato per morto.
    Come: ucciso mentre andava da Quetta al Waziristan settentrionale.
    Perché: Se sei stufo del Waziristan settentrionale, sei stufo del mondo.
    La notizia è stata data da: Tolo Tv, Afghanistan.
    Fonti: anonime.
    L'ultima volta che non è stato catturato era: il 27 marzo 2010 a Karachi.
    La notizia della cattura era stata data da: Tolo Tv, Afghanistan.
    Secondo l'agenzia iraniana Fars: "Il corpo del Mullah Omar viene sottoposto in queste ore ad alcuni esami medici".
    Ma il portavoce dei taliban in Afghanistan dice: uno, è vivo e vegeto; due, sta in Afghanistan affacendato a condurre operazioni militari.
    Mentre una fonte dei servizi pakistani dice: uno, è morto; due, sta in Pakistan affacendato a fare il morto.
    Si denota: tendenza a sterminare lo stato maggiore non morto di al Qaeda secondo la regola due della tragedia senechiana.
    Cioè: con grande proliferazione di atti sanguinari avvenuti quasi sempre altrove, vale a dire fuori scena, vale a dire somewhere in Pakistan, con successiva narrazione più o meno elaborata al pubblico.
    Intanto: non ci crede neanche il sito di Repubblica, che ha sceso la notizia sotto il tornado nel Midwest e prima dell'eruzione del vulcano Grimsvoetn.
    Mentre il Corriere: ricorda che forse il Mullah è alto 1,98 e che forse l'occhio mancante se l'è strappato lui dopo essere stato colpito da una granata, così, per continuare a combattere. Sciac.
    C'è da dire che: non si sa bene che faccia abbia, il Mullah Omar.

    Se vi è piaciuto questo post potrebbero piacervi anche:
    La festa è finita gli emiri se ne vanno
    Siccome quest'anno c'è stata una grande moria di Alcaida
    L'emiro di Baghdad: completa tutto senza manette

    Ma magari anche no.

    Aggiornamento
    "I servizi prima confermano poi frenano: 'Perse le tracce'."
    Ho visto frenate più dolci, ve lo dico subito.