lunedì, settembre 28, 2009

Se 168 lettere vi sembran poche (WRSASYDHT)

la RAI deve essere di coltura per i popoli e mai per accusare chi lavora onestamente con principi di portare sostegno a chi ha bisogno mai a danno dei cittadini
Mi sembra chiaro che tra un immigrato e un clandestino ci sia differena.L'ONU obblighi l'anagrafe a tutta la popoazione del mondo come fatto anche esistenziale
BRUNETTA E' ORACHE INIZI A TASSARE TUTTI I SAMMARINESI CHE VIVONO IN ITALIA,A RIMINI E RICICONE SPECIALMENTE.SLT MM

VI RENDETE CONTO CHE UNO SPAZIO DI 168 LETTERE DELL'ALFABETO NON SERVONO A NULLA. IMPOSSIBILE ESPRIMERE IL PROPRIO PENSIERO COMPIUTAMENTE. FATEVI RIFARE SITO DAL P
spero che facciate qualcosa grazie lo spazio è poco

Cul-de-lac

Vi ricordate di Gheddafi che per vendicarsi di uno sgarbo al giovane Hannibal e alla sua signora voleva abolire la Svizzera? Vi ricordate che ero contraria (Toblerone, soldi, Ursula Andress, tiene lontano il rap francese, eccetera)?
1. Ci ho ripensato.
2. I Grigioni posso tenerli io perché ho appena fatto spazio in cantina, ve lo dico subito.

giovedì, settembre 24, 2009

We See Spazio Azzurro Everywhere, So You Don't Have To

Titolo del Daily Mail:

"Machete alla porta, droghe in tavola – e madri pagate dallo Stato per fare bambini con uomini che appena conoscono. Cosa abbiamo fatto alla famiglia britannica?"

(via Boing Boing)

lunedì, settembre 21, 2009

Screwbank comedy

– Allora vado a ritirarti il bancomat.
– Grazie. Hai tutto?
– Delega, documenti, una storia convincente. Vado.

Mi hanno detto che oggi torna il cassiere. Che lui si occupa dei bancomat. Che lui si occupa di tutto.
Entro. Due sportelli, deserti. Una sosia di Shelley Duvall mi fissa terrorizzata da un ufficio vuoto fastosamente battezzato servizio clienti privati.
Aspetto.
Dopo un po' passa un femminone in tailleur blu. Aspetta il cassiere?, dice. Sì, rispondo. Vado a vedere se è nel caveau, fa lei. Torna dopo un po', senza cassiere. È in bagno, mi sussurra con un sorriso allusivo, torna subito.
Intanto è entrato un cliente. Alto, ordinatamente spettinato, incravattato, indossa un impermeabile beige, ha uno sguardo mite e smarrito e sembra un avvocato: o è John Cleese o è un avvocato.
Niente cassiere.
Entra un secondo cliente. È vecchio, già incazzato, e urla. Questa banca è una vergogna, dice, voglio quattromila euro. Ma si capisce presto che i quattromila euro sono suoi, mica vuole tenerci tutti sotto tiro con il bastone.
Arriva il cassiere. Cicciotto, calvo, ha l'aria di uno che è stato in ferie nel posto giusto ma nel momento sbagliato, tipo monsoni o colpo di Stato. Indossa una camicia di lino arancione.
– Buongiorno. Sono passata a ritirare un bancomat, una sua collega mi ha detto che lei sa già di che si tratta.
Ma lui non lo sa. Gli si sbianca anche la camicia, a lui. Non lo so, dice. Cerchi di spiegarmi. Provi. Io gli dico che a questa – esito, perché dopo tutto lui parlando al telefono con la sua banca mi aveva chiamata “la signora” – a questa persona si è smagnetizzato il bancomat di Intesa-San Paolo mentre si trovava in Italia, che ci avevano indicato l'agenzia più vicina di Banca Intesa, che la persona risiede all'estero e ha chiesto a me, che sono per così dire la sua. La sua persona. Di ritirare la tessera per suo conto. E io ho la delega, ho il documento d'identità, ho un sorriso per tutte le occasioni e una buona storia. Il bancomat dovrebbe stare già qui, guardi.
Purtroppo, dice lui, purtroppo questa banca sta passando a un'altra proprietà. Fusione, assorbimento. Transizione. Catastrofe. Cose così. Non è detto che il bancomat ci sia, dice, la posta qui si perde per strada, lei non ha idea.
Capisco, dico. Invece non capisco, ma non voglio deprimerlo.
Poi si rilassa, estrae una busta. Forse siamo fortunati, dice, forse abbiamo avuto fortuna. Lui la chiama così.
Voglio quattromila euro, urla il vecchio alle mie spalle agitando il bastone.
Dunque siamo a posto, dico.
No, fa il cassiere, ora bisogna telefonare e sperare che ce lo attivino.
Siamo tutti d'accordo che è meglio far passare avanti il vecchio. Voglio quattromila euro, dice lui.
Nel frattempo Wendy Torrance ha ricevuto una telefonata. No, dice, capisco. Capisco, ma purtroppo non mi è possibile chiamarle il direttore, attualmente non c'è un direttore.
John Cleese, intanto, mi spiega che qui sta cambiando tutto, anche l'iban. Che lui se ne sarebbe già andato, se non gli praticassero delle condizioni eccellenti. Condizioni eccellenti, ripete guardingo e a bassa voce, come se mi stesse bisbigliando la combinazione del caveau o descrivendo minutamente le condizioni mediche di sua suocera.
Il vecchio ha finito. Infila i quattromila in una busta, si allontana con spostamenti millimetrici dallo sportello, si blocca, mi si inchina davanti. I miei omaggi, dice. “Anzi, i miei osettembri. Data la stagione.” E se ne va.
È nuovamente il mio turno. Seguono: una delicata telefonata alla sede di Roma, la ripetizione di codici alfanumerici sempre diversi, sguardi allarmati, cenni d'assenso, lunghi silenzi.
Bene, dice poi il cassiere. Ecco il suo bancomat. Ecco la busta con il pin. Potrebbe darmi qualche altro documento? Per sicurezza, aggiunge.
Sfilo la patente e il codice fiscale, ma ormai sono pronta ad allungargli anche il passaporto, i bancomat, la Postepay, le tessere della Coop, di Ubik, di un supermercato per piccoli animali e di Pikapolonica. Basta così, dice lui magnanimo.

Questa gente pensa che li vogliamo rapinare a piccole dosi: svuotando bancomat, magari 300 euro alla volta. Che siamo la Baader-Meinhof dei timidi, le Patty Hearst di Spazio Azzurro, Dillinger in infradito ed espadrillas.
Io e la mia persona queste cose ce le facciamo andar bene. Tanto non possiamo neanche chiedere di parlare con il direttore. Attualmente non c'è un direttore.

giovedì, settembre 17, 2009

La plomb (WRSA perché siamo remogerati, SYDHT)

E DIPIETRO CON LA SUA PLOMB HA DICHIARATO SUL GIORNALE DI VESPA "QUEL CONDUTTORE UN BOIA" QUESTI SONO I TERMINI EDUCATI E REMOGERATI CHE IL NS EXPM TONINO USA X BRUN

venerdì, settembre 11, 2009

lunedì, settembre 07, 2009

sabato, settembre 05, 2009

Sabato poesia/Passando accanto alle immondizie

Passando accanto alle immondizie
di Andrej Rodionov

Passando accanto alle immondizie
Li vedi, a volte: in mezzo alla sporcizia
Un frigorifero oppure un forno,
Dipinti di fantastici colori.

Questa inclinazione artistica del popolo
Commuove e mette in guardia,
Ma l'arte primitiva
Nobilita la spazzatura.

Il tuo frigorifero è diverso da tutti altri
Sulla tua credenza c'è un collage di carta.
Sul muro l'opera di un artista ignoto
Morto a 14 anni
Masturbandosi.
Come una molla uscita da un divano,
Eri una tipa originale.
Il tuo frigo stranamente colorato
Mi è tornato in mente, passando accanto alle immondizie.

E poi strade deserte, neanche una luce,
e una distesa di garage e staccionate.
Continui a mettere la tua anima in oggetti
In oggetti che non hanno anima.




Nato nel 1971, Andrej Rodionov si è laureato all'Istituto Poligrafico di Mosca e lavora nel dipartimento di arte scenica del Teatro Accademico Musicale Stanislavskij e Nemirovič-Dančenko. È musicista punk e organizza poetry slam. Autore di sei raccolte di poesie, ha pubblicato sulle riviste letterarie Vavilon e Avtornik. Canta nel gruppo Okraina e ha vinto il Russkij Slam (2002).



Traduzione: Manuela Vittorelli.

(Grazie a Sten per le cartoline.)

giovedì, settembre 03, 2009

Cantoni addio

Poi non dite che non vi avevo avvertiti:

Gheddafi vuole cancellare la Svizzera

"Chiederà all'Onu di separare i cantoni"


Lo dice una parlamentare elvetica. Il motivo: ce l'ha con loro per via del figlio Hannibal, arrestato dagli svizzeri un anno fa insieme alla moglie per maltrattamento di domestici.
E li vuole cancellare.

Permettetemi di ricordarvi i motivi per cui deve importarci della Svizzera:

1. Ha un motto bellissimo.

Più bello di quello dei tre moschettieri perché in latino. E poi comunque ha senso.

2. Produce il Toblerone.

D'accordo, il Toblerone ha in mano il racket dei minibar. Che ci volete fare, è la mafia svizzera. Ma vogliamo davvero aprire quel povero frigorifero nano e trovarci il Merendero? O un Kinder Fetta al Latte? O il castoro della Milka, morto?

3. Contiene soldi.

Io lo so che tanti di voi tengono i milioni dei nonnetti in Svizzera. E se da un giorno all'altro gli euri si trasformassero in dinari libici? O in vasetti di terracotta decorati a mano?

4. Ha i laghi e i paesaggi.

Benché a me piaccia il mare o al limite la piscina. Ma lo dico per voi che d'estate zitti zitti vi fate le passeggiate meditative con le braghette alla zuava.

5. Tiene lontane la Francia e la Germania (e l'Austria e il Lichtenstein, d'accordo).

Vi siete mai chiesti perché alcuni generi musicali (esempio: il rap francese, il pop melodico tedesco) amati dai nostri connazionali emigrati - che ne parlano con fanatico ardore ("Non conosci i Tireurs Couchés? E i Tontons Blafards? Ma sono famosissimi!") - non riescono a passare di qua?
Ringraziate la Svizzera.

6. Ha dato i natali a Ursula Andress, al mimo Dimitri e a Heidi.

7. I nomi degli scrittori svizzeri possono essere scritti tutti insieme su un chicco di riso.

8. Senza un coltellino svizzero non si va da nessuna parte.

9. E poi ci sono pochi Ufi perché atterrare non è facilissimo. E non tutti gli Ufi sono buoni, ve lo devo dire. Alcuni sono straterestri sturpatori.

Non dite che non vi avevo avvertiti.

mercoledì, settembre 02, 2009

Rieccoli (WRSA, ve lo dico subito, SYDHT)

Back with a veggie
Buon rientro a tutti e buon lavoro . Fini gli immigrati italiani hanno portato nel mondo la pizza non il KEBAB ,la pizza che come base di origine è vegetariana.

Avete visto
Come si fa' a chiamarli naufraghi quando dalla terra ferma partono già NAUFRAGATI ,intanto avete visto che ci vogliono"più" carceri.Non bisogna essere indovini.

martedì, settembre 01, 2009

Apocalypse low-cost

Pierluigi è vittima di un incubo ricorrente nel quale qualcuno tenta insistentemente di morderlo. La moglie Giovanna, preoccupata, ne parla di nascosto con il medico di famiglia, Dario, da tempo segretamente innamorato della donna.
Pierluigi riceve la telefonata di Massimo, un vecchio compagno che non si è più ripreso dalla Festa dell'Unità del 1980 e soffre di disturbi nervosi. Pierluigi, distratto dall'acerba avvenenza della vicina di casa Debora, liquida Massimo con una scusa. Quest'ultimo, intristito, entra in un cinema dove proiettano un vecchio film. Qui, preso da un raptus, tenta di azzannare un ragazzino e urla scompostamente "Evviva il comunismo e la libertà!" per poi darsi alla fuga e finire inseguito e assediato dalla polizia in un hard discount. Pierluigi, accorso nel frattempo, lo convince ad arrendersi ricordando i bei tempi delle Feste dell'Unità trascorsi insieme al comune amico Gavino.

All'ospedale psichiatrico dove viene ricoverato grazie all'intervento di Dario, Massimo incontra proprio Gavino, anch'egli tormentato da squilibri nervosi. Poco dopo i due azzannano alla coscia una dottoressa, Livia. Pierluigi intanto racconta alla moglie la sua sbandata per Debora e le confessa l'impulso di mordere la giovane, colpevole di confondere Aldo Moro con Alfredo Biondi.

Il medico Dario, nel frattempo, ha scoperto che Pierluigi, Massimo e Gavino sono semplicemente diventati cannibali. Il problema risale proprio alla Festa dell'Unità del 1980, quando dopo un comizio i tre furono morsi da Bepi Tombola, vecchio partigiano dell'ANPI scontento della linea politica del partito e dell'introduzione della rucola nelle piade con la coppa.

La dottoressa Livia, a sua volta contagiata, morde l'anziano primario di psichiatria che in una scena intensa e memorabile si mette a gridare "Comunista è un termine bellissimo!".
Mentre il virus si trasmette innarrestabile, Pierluigi, Massimo, Gavino e Livia si danno a una fuga disperata.

--- ATTENZIONE, SPOILER ---

Sopravvive il solo Pierluigi, che a casa però si uccide per non contagiare Giovanna.
Ma nell'ombra si cela Dario, le labbra sporche di sangue socchiuse in un ghigno sturziano, gli occhiali che riflettono il volto terrorizzato della moglie di Pierluigi. Fuori, in mezzo al frastuono delle sirene delle ambulanze e delle auto della polizia, l'acerba Debora matura una decisione: dopo essersi fatta un culo così in un film a basso costo avrà pure il diritto di candidarsi alle primarie.

Curiosità
Primo ruolo significativo del giovane Mario A. Compare nel parcheggio dell'hard discount sibilando "tutti froci, pasolinianamente parlando", per essere poi abbattuto da una pallottola vagante. Battuta tagliata in sede di montaggio.

Citazione celebre
Poliziotto: "Ma voi da dove venite?"
Pierluigi: "Noi comunisti veniamo da lontano e torneremo lontano. Bang bang".