giovedì, febbraio 12, 2009

VVP, DAM e l'attacco psichico

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio e osservava pensoso il grande tavolo premierale. Sul tavolo era posato un piccolo paniere che conteneva due banconote, una del valore di un dollaro e l'altra del valore di un euro.
A un tratto le imponenti porte dello studio di Vladimir Vladimirovič si spalancarono e fece il suo ingresso il Presidente della Federazione Russa Dmitrij Anatol'evič Medvedev, tutto arruffato.
- Ciao bratello, - disse il Presidente, - Cos'è che fai?
- Ecco qua, - disse Vladimir Vladimirovič™, - esamino il paniere valutario. Compra, dai.
- Quanto? - domandò prontamente Dmitrij Anatol'evič.
- Cento rubli, - rispose Vladimir Vladimirovič™.
- Andata, - annuì Dmitrij Anatol'evič, pescando dalla tasca il portamonete.
- Ma?… - esclamò sorpreso Vladimir Vladimirovič™, - Cos'è che hai lì, un portamonete?!
- Un portamonete, sì - annuì il Presidente, - Perché?
- Fai vedere, - disse Vladimir Vladimirovič™, - Non ne vedevo uno da così tanto tempo….
Il Presidente si strinse nelle spalle e tese a Vladimir Vladimirovič™ il suo portamonete.
- Come mai sei tutto spettinato? - domandò Vladimir Vladimirovič™, contando avidamente le banconote nel portamonete del Presidente.
- Ah, con Obama abbiamo giocato, - rispose Dmitrij Anatol'evič, - E non siamo neanche andati a dormire.
- In che senso avete giocato? - Vladimir Vladimirovič™ non capiva.
- Allora Obama mi telefona, no, - raccontò Dmitrij Anatol'evič, - E mi fa “Dima, cosa stai facendo?” e io “Ma niente”. E lui fa “Niente anch'io. Fa' conto, sono appena diventato Presidente e non capisco ancora cosa devo fare”. “Pensa che io sono Presidente da un anno e neanch'io so ancora cosa fare”, gli dico io.
- E poi si meravigliano della crisi mondiale... - brontolò Vladimir Vladimirovič™.
- Be', e allora, - continuò Dmitrij Anatol'evič senza prestare attenzione al commento di Vladimir Vladimirovič™, - Ci siamo messi a inventarci qualcosa da fare. A un certo punto lui fa “Dai, giochiamo con i satelliti”. “Dai”, dico io. Ci siamo messi ai pulpiti di comando e abbiamo cominciato a giocare. Gioca che ti gioca, noia. Allora abbiamo puntato i satelliti l'uno contro l'altro e siamo passati all'attacco psichico.
- Che attacco, scusa? - Vladimir Vladimirovič™ non capiva.
- Psichico, - ripeté il Presidente, - Be', tipo chi cede prima. Chi torna indietro.
- E chi ha ceduto prima? - domandò Vladimir Vladimirovič™.
- Nessuno, - rispose Dmitrij Anatol'evič arrossendo leggermente, - Non ha ceduto nessuno dei due.
Vladimir Vladimirovič™ fissò il Presidente con un certo stupore.

Origiale: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: