venerdì, febbraio 20, 2009

Un fantasma si aggira per l'Eurasia: Eurovision

È febbraio, e nell'Est vicino è tempo di Eurovision. A me non dispiace soprattutto per la declinazione disinvolta della lingua inglese, per l'uso del pentagramma come arma non convenzionale e per le sobrie coreografie. Ultimamente c'è anche il tafferuglio politico.

Due anni fa c'era Vera Serdjučka con la sua allusiva "Tanzing" (Laša Tumbai/Russia Goodbye).
L'anno scorso ha vinto il russo Dima Bilan, convincendoci una volta per tutte dell'esistenza degli addominali bassi. E niente politica, mi pare.
Quest'anno l'edizione si tiene a Mosca.
A causa della recente guerra nel Caucaso, la Georgia aveva inizialmente deciso di boicottare.
Poi ha cambiato idea. Infine ha scelto di farsi rappresentare musicalmente da Stefane and 3G (3G sta per 3 girls, sennò non mi dormite la notte), con una canzone dal titolo un po' controverso, "We don't wanna put in", che fa:

We don't wanna put in/The negative move/It's killing the groove.

Put in, Putin, We don't wanna Putin.

E adesso? Adesso rissa, forse.

Io un po' mi annoio.

Ma è febbraio, lo spazio eurasiatico si infantilizza causa canzonette e io non posso farci niente.
"Chi controlla l'Europa Orientale comanda l'Heartland: chi controlla l'Heartland comanda l'Isola-Mondo: chi controlla l'Isola-Mondo comanda il mondo", scrisse Mackinder.
Che comunque non conosceva i Boney M.

Vi metto il video così potete provare la coreografia:

Nessun commento: