mercoledì, ottobre 29, 2008

Smells like perestrojka spirit



Crisi? Ecco come l'homo postsovieticus si sta attrezzando:

- Il cocktail Erš (birra+vodka): bevete mezza bottiglia di birra, aggiungete 0,25 di vodka.
- Mescolate l'erba con il tabacco, di questi tempi meglio non sprecare prodotto.
- Anche la Klinskoe (birra leggera) è bevibile, comunque.
- Le sigarette Pëtr 1 contengono più nicotina delle vostre amate Kent.
- Per la metro meglio comprare un biglietto da venti corse.
- La carta igienica "54 metri" è 10 volte meno cara della "ZEVA" e dura di più.
- Quando andate al lavoro in macchina passate a prendere i colleghi e dividete le spese per la benzina.
- Le gomme per la macchina si possono anche comprare usate. Meglio comprare quelle per tutte le stagioni, una volta i nostri papà le usavano d'inverno e d'estate, potete farlo anche voi.
- Per telefonare ai cellulari usate il fisso, se usate il cellulare urlate "telefonami tu!" e chiudete la comunicazione. Dovete metterci al massimo 5 secondi.
- L'olio di girasole non raffinato costa meno.
- Se si strofina il pane nero con dell'aglio profuma di salame.
- Mettendo una guarnizione tra la testata e il blocco dei cilindri l'auto può andare con la benzina a 76 ottani. Se non ci riesce, venderla e comprarsi una Žiguli. Lei può.
- Si possono fregare i tergicristalli dalle altre macchine.
- Al supermercato chiedere sempre di assaggiare e non comprare. Così si fa economia e si pranza.
- Negli ipermercati tipo Auchan si può bere e mangiare finché qualcuno non se ne accorge.
- Con pochi soldi si possono piantare patate, rincalzarle d'estate, raccoglierle in autunno e sfamare tutta la famiglia per tutto l'inverno.
- Non bisogna per forza lavare i piatti con il Fairy. Lavateli a mano semplicemente con soda, cenere, detersivo in polvere.
- Esistono anche dentifrici economici, e il risultato è lo stesso.
- I calzini costano 10-20 rubli, e non 500 come nei negozi ladri.
- I fazzoletti di carta usa e getta sono uno spreco: usate fazzoletti di stoffa, stracci. Anche le maniche.
- Comprare il tè freddo è una gran cavolata. Fatevelo da soli.
- La mia ricetta per un bel compleanno: 4 pacchi di pel'meni, una cassa di birra (20 bottoglie) e 5 bottiglie di vodka da 0,75 vengono in tutto: birra 400, vodka 750, pel'meni 150. fanno 1300 rubli. Se volete anche fare una grigliatina, invece dei wurstel di soia comprate salsicce a 30 rubli il pacco.
- Non buttate il vetro e le lattine, vendeteli.
- Se non riuscite a dormire per la fame, mandate giù due bicchieri d'acqua calda e mettetevi a letto. Il cervello sulle prime non si renderà conto che avete fregato lo stomaco.
- Nei parchi le nonne e le giovani mamme buttano il pane alle anatre e ai cigni. Se non avete coraggio di chiedere un pezzo di pane, buttatevi in acqua e lottate.
- I blog si possono leggere anche a 128kbit/s.
- Se si congela un uovo e poi lo si taglia a metà, quando lo si frigge si hanno due tuorli.
- Le calze si rammendano su una vecchia lampadina.
- Tutti i Rolex portateli al banco dei pegni. Il cellulare ha anche l'orologio!

Fonte: http://yandex-top-ru.livejournal.com/6101227.html?#cutid1 (RUS)

martedì, ottobre 28, 2008

VVP e il crollo

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin si trovava nel suo studio. Accanto a lui c'era il ministro delle finanze della Federazione Russa Aleksej Leonidovič Kudrin. I due uomini osservavano la cornice della finestra, dalla quale pendevano i pesanti tendaggi.
- Lo vedi anche tu che è un po' storta? - domandò Vladimir Vladimirovič™, - Ho come l'impressione che possa cadere da un momento all'altro.
- Perché mai? - Aleksej Leonidovič non capiva, - Perché dovrebbe cadere, solo perché sta storta? Magari era già storta.
- Ma no, - scosse il capo Vladimir Vladimirovič™, - Prima stava dritta. Adesso sta storta.
- Non lo so, - disse Aleksej Leonidovič, sogguardando la cornice di lato, - A dire il vero, non vedo alcuna fondamentale ragione per cui debba cadere.
- Proprio questo mi spaventa, - rispose Vladimir Vladimirovič™, - Che tu non ne veda la ragione.
In quel momento qualcosa scricchiolò, la pesante cornice si mosse e crollò con un gran fracasso. Si sollevò una fitta nuvola di polvere.
Vladimir Vladimirovič™ fissò attentamente Aleksej Leonidovič. Il ministro delle finanze osservava con interesse il danno.
- Non capisco, - disse onestamente Aleksej Leonidovič, - Non doveva cadere…
Vladimir Vladimirovič™ tacque.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

lunedì, ottobre 27, 2008

domenica, ottobre 26, 2008

I made a teliscop for YOU and I luv u so



tutti insieme:
MISSES PALIN!
i want to fly into ur Airspase!
MISSES PALIN!
i want to reer my little Head!
MISSES PALIN!
why wont You reply to my Emails?!!
I made a teliscop for YOU and i luv u so!

[I luv u so, distratti]

venerdì, ottobre 24, 2008

Appunti sulla Bolivia/1

Negli ultimi tempi mi sono decisa a capire meglio quello che sta succedendo in Bolivia, dove nei mesi di agosto e settembre lo scontro tra governo e prefetti e "civici" separatisti si era fatto così drammatico da far pensare a un tentativo in piena regola di colpo di stato, con azioni di squadre armate, scontri con polizia ed esercito e occupazioni di istituzioni e uffici pubblici: tensioni che sono sfociate nel massacro dei contadini boliviani sostenitori del presidente Morales avvenuto l'11 settembre a El Porvenir, nel dipartimento di Pando.

La situazione è tuttora complessa, e nel conflitto non c'è un solo fronte.

Dunque pensavo di parlarne e di farlo qui, perché sono mie considerazioni accompagnate da link ad articoli e traduzioni, soprattutto di Tlaxcala che da sempre segue con attenzione e sensibilità le problematiche dell'America Latina dando voce alle fonti sul territorio. Ma anche perché, essendomi imbattuta a proposito del massacro di El Porvenir nel personaggio (inafferrabile, ambiguo, forse morto) di Marco Marino Diodato, vorrei cominciare - con calma e ponderazione, né oggi né domani, un po' alla volta e con costanza - a parlare dei neofascisti italiani trasfughi in Spagna e in America Latina (argomento solo sfiorato con Cicuttini nella Pista Gialla) cercando di evitare il più possibile discorsi generici su "mercenari neofascisti" e "esuli di Avanguardia Nazionale" per concentrarmi su alcune figure e le loro provate responsabilità.

Questi dunque saranno semplicemente appunti e raccolte di link a beneficio mio e di chi condivide il mio interesse per quanto sta succedendo (e per il passato): nessun piano di lavoro, nessuna aspettativa.

Dunque, la Bolivia, a partire dai fatti più recenti:

- Il culmine della marcia di centinaia di migliaia di persone da Caracollo a La Paz per vegliare sulla riunione del Congresso Nazionale: la convocazione del referendum sulla Nuova Costituzione Politica dello Stato che si svolgerà il 25 gennaio del 2009.

- Un'intervista al presidente Evo Morales in cui parla dei conflitti, della situazione del paese, della Nuova Costituzione e del suo modo di concepire la politica.

- Servono però alcune tracce preziose per orientarsi meglio nel conflitto attuale (concreto o latente): sono esposte benissimo da Raquel Gutiérrez Aguilar in questo articolo: ricostruzione schematica dei fatti, identificazione dei quattro fronti principali dello scontro, situazione e responsabilità dei mezzi di informazione boliviani, rischi, concrete speranze che vengono ancora una volta dal basso, dalla comunità boliviana, da quei movimenti sociali che si sono messi in marcia da Caracollo a La Paz per vigilare sull'accordo per la nuova Costituzione.
Questo, unito a un uso sporadico di Google e ad alcune incursioni giudiziose su wikipedia, è un buon punto di partenza.

- Il tentativo di colpo di stato nei dipartimenti autonomisti (Santa Cruz, Beni, Pando, Tarija e Chuquisaca), il precedente di agosto a Cochabamba con Reyes Villa e il ruolo dei media: il giornalista boliviano di Datos&Análisis Wilson García Mérida a proposito del tentativo di balcanizzazione della Bolivia.

- E la manina italiana al servizio dei narcolatifondisti e del prefetto di Pando Leopoldo Fernández (attualmente agli arresti)?
La notizia della "resurrezione" di Marco Marino Diodato (dopo il misterioso suicidio avvenuto anni fa) e della sua possibile partecipazione al massacro dei campesinos dell'11 settembre è stata ripresa da varie fonti italiane senza offrire ulteriori particolari. Vivo o morto che sia, qui ci sono alcune cose forse vi interesserà sapere su Marco Marino Diodato, il neofascista abruzzese che in Bolivia ha fatto una carriera esemplare nel narcotraffico e al servizio delle élite politiche, dal dittatore Banzer in poi: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando.

- Poco più di un anno fa in un articolo di Eva Golinger tradotto da Gianluca Bifolchi si parlava dell'ingerenza statunitense attraverso USAID e i suoi milioni di dollari di finanziamento a movimenti dell'opposizione: attività mirata ad appoggiare le organizzazioni separatiste in regioni ricche di risorse naturali come Santa Cruz e Cochabamba.

- Del ruolo di USAID e delle iniziative dell'ambasciatore statunitense Philip Goldberg in Bolivia per favorire la secessione dei dipartimenti orientali ha parlato Michel Chossudovsky in La destabilizzazione della Bolivia e l'opzione Kosovo.

- Pochi giorni fa il giornalista investigativo Jeremy Bigwood ha anticipato alcuni documenti (da lui ottenuti dal Governo degli Stati Uniti soprattutto in base al Freedom of Information Act) che dimostrano una chiara politica di intervento e di ingerenza negli affari interni boliviani da parte degli Stati Uniti, in particolare attraverso USAID.

[Siate gentili con l'America, o incoraggerà "eventi", "discussioni pubbliche" e un "efficiente ed efficace monitoraggio sociale" anche a casa vostra].

mercoledì, ottobre 22, 2008

martedì, ottobre 21, 2008

Fundraising


"Paisa', dai soldi per battere Obama!"
[Fonte: Ellustrator]


Sulla lettera di raccolta fondi
della campagna presidenziale di John McCain

Abbiamo ricevuto una lettera dal Senatore John McCain in cui si richiede un contributo finanziario per la sua campagna Presidenziale.
A tale proposito vorremmo ribadire che le autorità russe, la Missione Permanente della Federazione Russa alle Nazioni Unite o il Governo russo non finanziano attività politiche in paesi stranieri.

Dichiarazione della Missione Permanente della Federazione Russa alle Nazioni Unite, 20 ottobre 2008.

Koni, il GLONASS, le pozzanghere e il Know-how

[Dunque il labrador premierale ha indossato in diretta un collare-ricevitore GLONASS per monitorare i progressi del sistema di navigazione satellitare russo e...]

V. V. Putin: A posto, neanche pesante. Koni (rivolgendosi al labrador Koni), vieni qui, ti hanno portato un regalo.

Ju. М. Urličič: Questa è la componente elettronica. Il modulo BM del GLONASS-GPS. Starà all'interno. Qui c'è la placca. Il resto del peso è costituito dalla batteria. Ma il know-how consiste nel fatto…

S. B. Ivanov: ... che l'abbiamo fatto solo noi, altri al mondo non ce ne sono. Quando il cane sta fermo, non si muove, mettiamo - chiedo scusa - che si infili in una pozzanghera da qualche parte nel bosco...

V. V. Putin: Be', ma il mio cane non è un porcellino, non sguazza nelle pozzanghere.

S. B. Ivanov: Sì, be', nel bosco. Allora la batteria non funziona, cioè subentra la modalità di risparmio energetico.

E. A. Beljanko: C'è uno speciale sensore di movimento che spegne il sistema di navigazione per risparmiare energia. Cioè, se non c'è movimento, se le coordinate non cambiano inutile consumare energia.

V. V. Putin: E questo cos'è?

E. A. Beljanko: Questo... con l'aiuto di diversi dispositivi si può controllare l'animale. Ecco, qui ha registrato una breve passeggiata vicino casa. L'edificio non c'è perché questa zona non è coperta dalla mappa.

V. V. Putin: Glielo mettiamo? (mettono il collare a Koni)

S. B. Ivanov: È triste. È finita la libertà, ti hanno imbrigliata.

V. V. Putin: (Rivolgendosi a Koni) Ti piace? Le piace. Scodinzola, significa che le piace.

E. A. Beljanko: Adesso però servirebbe che se ne andasse da qualche parte.

Fonte: Kremlin.ru

lunedì, ottobre 20, 2008

Quella struttura speciale chiamata "Cremlino"

Weekends don't count unless you spend them doing something completely pointless.
Calvin, Calvin&Hobbes

Capo non è che metti un link nella oumpeig per quella cosa di Stalin? che non c'ho più la memoria ma dovessi ricordarmi che me lo sono perso sarebbe tiribile.
Tov. Fjodor





Eccolo: Commander Stalin, gioco di strategia di ambientazione baffona in tempo reale.

"Il giocatore è Stalin: deve organizzare lo stato, l'industrializzazione, gestire le risorse, creare un'ampia base di consenso sociale (i lavoratori), sviluppare la scienza e la tecnologia per trasformare il suo paese in una superpotenza.
Se va tutto bene si resta al potere, ma le cose non finiscono qui: l'Unione Sovietica è ora una superpotenza e l'ombra minacciosa della Guerra Mondiale incombe. Nonostante le sue intenzioni pacifiche il paese verrà attaccato dalla Germania nazista. Non potrà fare altro che difendersi.
Buona fortuna, compagno!"

Dal manuale: "Le strutture e gli edifici sono costruiti dai lavoratori. Il compagno Stalin produce lavoratori fedeli al partito ed estremamente efficaci da una struttura speciale chiamata 'Cremlino'. All'inizio del gioco è sempre presente almeno una di queste strutture".

Gratis e subito, compagni, gratis e subito: diamo un'altra spallata al PIL.

giovedì, ottobre 16, 2008

Donna si registra a Feisbuk sbagliato, conosce gente interessante

Ah, ma voi dicevate quel Facebook? Quel posto pieno di bacheche e di notifiche in cui tutti sanno sistematicamente tutto di tutti, o almeno quello che tutti vogliono che si sappia di loro? Lo Strumento del Demonio™? La vera causa del global meltdown?

No, io intendevo questo: FSBuk (cliccare per ingrandire).


[Traduzione vichinga:]

Da tempo nella rete gira voce che i blog siano controllati dai servizi segreti.

Ma allora dai una mano all'FSB, iscriviti volontariamente a FSBuk, il social network definitivo nel quale è possibile compilare da soli il proprio dossier, invitare (denunciare) gli amici (soggetti), raccogliere informazioni, migliorare il proprio rating o livello di fiducia (il simpatizzante ha meno del 50%, l'agente tra il 50% e l'80%, il capo della rete fino al 120%) e aggiungere fatti interessanti della propria vita.

Genialno.
Solo su invito. L'invito si può richiedere. Non richiedete l'invito.

Link (tutto po russki).

mercoledì, ottobre 15, 2008

CSI Alpe-Adria: signora Lina nutre sospetti, nega coinvolgimento

- Comunque è sembrato subito strano anche a me, con tutti quegli erbèg.
- Cioè?
- Ma sarà stato davvero un incidente?, ho pensato.
- Eccola lì, la bionda di CSI Alpe-Adria.
- Strano, comunque.
- Dici che è stato papà che gli ha svitato i bulloni?
- Cosa scrivono su Internet?
- Non sono ancora arrivati al pensionato settantenne di Gorizia.
- Lo sai che il tipo che organizza le gite ai mercatini di Natale...
- Non dirmelo.
- Sì sì, sabato gita al funerale. C'è gente che va.
- Non tu.
- No, figurati, io no.
- Ok.
- Comunque conosco chi ci va.
- Ho capito, ma.
- Si fanno la passeggiata, no?
- Mamma.
- È un po' come la sfilata dei Krampus, stai un po' lì e poi vai a farti un giro. Sai che pasticcerie ci sono, a Klagenfurt. Sleppe di torta così.
- Ma tu no, vero mamma?
- Certo che no. A me neanche i Krampus mi piacciono tanto.
- Mh.
- E va bene. Colpa dell'anca di tuo padre.

martedì, ottobre 14, 2008

Dall'italiano all'italiano

sms di D., ieri pomeriggio:

"C'è Berlusconi da Bush su Rai1: l'interprete dall'italiano è ritradotta in italiano".

E così accendo.
In effetti.
Passaggio uno: Berlusconi parla.
Passaggio due: voce femminile traduce in inglese.
Passaggio tre: voce maschile ritraduce in italiano.

Parafrasando Wright, chewing-gum per le orecchie.

lunedì, ottobre 13, 2008

Unclassified: il fu belluomo anche alto

Insomma, avrei avuto una cosa da raccontarvi, ma poi.

Perché è mai possibile che noi famigliamir ce ne stiamo tranquilli e zitti e con la coscienza perfettamente a posto, senza rivelazioni imbarazzanti? Possibile che dove tutti tengono l'imbottita invernale noi dobbiamo averci sempre uno scheletro?

Comunque.
Questo fu il dialogo con mia madre dopo una memorabile gita a Klagenfurt:

- Sì e poi a un certo punto in mezzo a tutta quella gente c'era un gran bel signore e ci siamo messi a parlare un po' in italiano e un po' in tedesco, ma soprattutto in italiano. No, certo che non so il tedesco, che c'entra. Ma tanto un bel signore, che bell'uomo, giovanile. Mi ricordava qualcuno, ho pensato subito a un attore di qualche telefilm di canale 5. E quando gli dico che sono di Gorizia lui mi dice: ma za che mio cenero è ti Corizia!
E allora mi viene in mente chi mi somiglia, così chiamo la Carla e la Nives e chiamo anche papà perché ci faccia la foto.
Ma che bell'uomo, nonostante tutto.
Anche alto.
Ecco, tieni.
- Cazzo, mamma. Haider.
- Va bene, puoi metterla sul tuo blog.

Vabbe', tanto questo si era fatto fotografare fino all'ultimo con nani e ballerine.
Ecco a voi, da sinistra, su sfondo di abeti e neve finta:
groupie elettrizzata;
mia madre (noterete che le ride anche il naso per la soddisfazione);
il fu belluomo anche alto;
l'unica del gruppo a fare colazione con pane e volpe: intuendo quanto la foto possa risultare compromettente decide di concedersi un sorriso enigmatico da Gioconda in età.

Clicchino, clicchino qui.

Putin e la tigre dell'Amur

Putin presenta al pubblico il suo regalo

di Andrej Kolesnikov

Nel pomeriggio di giovedì si è saputo che i giornalisti del “pool governativo” erano attesi a Novo-Ogarevo per le otto di sera. Su cosa sarebbe successo neanche una parola, il che ha fatto crescere enormemente le aspettative e le ipotesi. Abbiamo ricevuto in risposta solo vaghi accenni. Ci hanno assicurato che si sarebbe trattato di un incontro informale del premier con i giornalisti, e che non si sarebbe parlato di economia. Ovviamente dopo queste parole nessuno credeva che il premier non avrebbe fatto alcuna dichiarazione su questioni economiche.

Già si sapeva che il primo ministro quella sera era atteso alla Casa Bianca per discutere della crisi finanziaria. E più il tempo passava, tanto più si rafforzava la certezza che ci aspettasse una grossa sorpresa, tanto per cambiare sgradita.
E il tempo passava sì. Siamo arrivati a Novo-Ogarevo alle sette di sera. L'incontro, come si sa, era stato fissato per le otto. Ma né alle nove né alle dieci c'era alcun indizio del fatto che il premier stesse lasciando la Casa Bianca per tornare a Novo-Ogarevo.

A quel punto le opinioni dei giornalisti, per usare un eufemismo, divergevano ormai ampiamente. Si era già formata una scuola di pensiero secondo la quale per parlare di economia era effettivamente troppo tardi, perché a quell'ora nessuno guarda più la televisione e i giornali hanno già chiuso le pagine. Dunque si sarebbe parlato di altro.

C'è stato chi ha ipotizzato che il labrador Koni avesse partorito. Ho parlato con un tizio che non si vantava delle sue informazioni e anzi sembrava volerle tenere più o meno per sé, ma che ha comunque raccontato che secondo lui il premier per il suo compleanno (che si festeggia il 7 ottobre) aveva ricevuto in regalo un'automobile e che voleva presentarla alla stampa. Quel giornalista ha perfino scritto sul suo bloc notes “auto” e “regalo” e ci ha aggiunto l'ora in cui aveva espresso quella geniale ipotesi, così che poi, quando si fosse avverata, nessuno potesse incolparlo di non aver detto nulla.

Mi sorprendeva soprattuto la sicurezza con la quale il giornalista, che pretendeva di conoscere e perfino di sapere cosa pensasse il premier, si è messo a scommettere “qualsiasi cosa” con un altro giornalista: se Vladimir Putin ci avesse mostrato un'automobile lui avrebbe vinto, in tutti gli altri casi avrebbe perso. Insomma, era disposto a mettersi in una posizione scomoda a priori, tanto era convinto di averci azzeccato.

Si è sparsa la voce che il premier ci avrebbe aspettati sulla piattaforma di atterraggio per gli elicotteri. Così è spuntata la convinzione che gli avessero regalato un elicottero.

Ma alle undici di sera l'ottimismo era ormai svanito. È prevalsa nuovamente l'ipotesi di qualche importante dichiarazione. Ci avevano assicurato già due volte che il premier stava arrivando, e due volte che era ancora alla Casa Bianca. Di certo stava limando il discorso.

Pochi pensavano che ci avrebbe comunicato le sue dimissioni. Un primo ministro non può mica lasciare in balia del fato il suo paese in un momento di crisi. Ma a mezzanotte ormai non si poteva più escludere nulla.

Tanto più che l'incontro è stato a un tratto spostato in un altro edificio della residenza, e quando sono state sistemate le telecamere, i fotografi si sono inginocchiati sul pavimento e i giornalisti della carta stampata si sono stretti nello spazio restante, nella stanza si è imposta un'atmosfera di tale solennità che sotto il suo peso solo una cosa si desiderava: sapere che anche tu eri una piccola parte di quel grande paese, la Federazione Russia, e che proprio tu saresti stato tra i pochi a sapere quello che sarebbe successo a questo paese ormai il mattino dopo. E tutti noi eravamo spossati da questa consapevolezza, o non consapevolezza. E resistevamo come potevamo.

Il premier ha fatto il suo ingresso nella stanza a mezzanotte e mezza. Indossava una giacca marrone e dei jeans, e io ho pensato: non si fanno discorsi sullo stato della nazione vestiti così (a meno che non si tratti in effetti di annunciare le proprie dimissioni).

Ha cominciato a parlare, e io mi sono detto: no, comunque non ne verrà niente di buono.

- Non mi aspettavo, - ha detto Vladimir Putin, - che ci fossero tante telecamere. Ma vabbe'... Con alcuni di voi lavoro ormai da molto tempo, con altri da meno... Comunque voglio dire...

Io già mi immaginavo i titoli dei giornali: russi, occidentali, orientali... Mi è sembrato che il paese stesse già sussultando.

Almeno ero presente a un fatto di portata storica.

- Vi prego di non fare rumore, di non urlare, di non strillare... - il premier ha poi continuato dopo una breve pausa. - È una misura di carattere personale. Prego, accomodiamoci nella stanza accanto.

Per qualche motivo aveva deciso di continuare il suo discorso nella stanza accanto. Perché? Come saperlo? Avrà avuto le sue ragioni. Siamo entrati nella stanza accanto. E ho visto il tigrotto. Se ne stava così, dentro due ceste col fondo piatto. Era piccolo. Ha voltato il capo nella nostra direzione e io ho pensato: Vladimir Putin resta.

Si è inginocchiato accanto al tigrotto (che poi si è rivelata una tigrotta) e ha cominciato ad accarezzarlo. Lo faceva con grande attenzione e ha consigliato a tutti di fare lo stesso. Non ce n'erano tanti, che avevano voglia di accarezzare la bestiola. Si è saputo che aveva due mesi e mezzo, che era un regalo (comunque un regalo, allora) di compleanno e che aveva appena mangiato due chili di carne e per questo era così tranquilla. Tutti i tentativi di sapere chi fosse l'autore del regalo si sono infranti contro la sua sovrumana benevolenza...

- Da dove viene? - ha ripetuto la domanda Vladimir Putin.- Dalla Russia. È cittadina russa.

- Vivrà con lei?

- Deve vivere in condizioni normali. Così la metteremo in un ottimo zoo.

Ho pensato che per un tigrotto difficilmente uno zoo rappresenta delle condizioni normali. A meno che non sia nato in uno zoo.

La tigrotta è rimasta sorprendentemente tranquilla. Mi sono chiesto se non l'avessero un po' sedata. Ma il signor Putin ha reagito con indignazione alla domanda.

A quel punto le luci delle telecamere hanno abbagliato la tigre, che ha cominciato a soffiare.
- Un po' più attenti, - ha detto il premier.
Ho pensato che si preoccupasse per i giornalisti.

- Poi si spaventa e scappa, - ha continuato Vladimir Putin.

- Se si spaventa, noi scappiamo più veloci di lei, - ho buttato lì io.

I giornalisti hanno cominciato a suggerire nomi per la tigrotta, tra cui Mašen'ka e Alenka.

- Sì, Mašen'ka, - si è rallegrato il signor Putin. - Ieri mi hanno suggerito proprio questo nome!

Non riusciva a staccarsi da lei e continuava ad accarezzarla e accarezzarla...
In quelle sei ore uno di noi aveva fatto una scommessa e adesso pensava che doveva pagarla, e ha perfino detto che era pronto ad andare fino in fondo.

Gli altri semplicemente guardavano la tigre. Vladimir Putin voleva semplicemente mostrarla al pubblico. Tutto lì. Non c'erano stati grandi sconvolgimenti. Ma avrebbero potuto essercene. Di ogni tipo. E soprattutto nessuno se ne sarebbe meravigliato. L'attuale momento politico ed economico è tale che tutti sono pronti a qualsiasi svolta degli eventi.

Tranne, forse, che a vedere in uno degli uffici di Vladimir Putin una tigre dell'Amur.


Fonte: Kommersant' (RUS)

Originale pubblicato l'11 ottobre 2008

giovedì, ottobre 09, 2008

Lo spelling

Operatore Call Center: "… deve spedire a Tiscali, località Sa Illetta"
Il cliente: "E come si scrive?"
Operatore: "Aspetti, le faccio lo spelling… "

Pochi giorni dopo...



Per Alf: Genova Rovigo Ancona Zara Imola Empoli :-).

mercoledì, ottobre 08, 2008

Però qualcuno può comprarsi a rate la Georgia uffa

Questo articolo di Joshua Kucera tradotto su 2.0 informa che a fine settembre il Congresso degli Stati Uniti ha stanziato un generoso pacchetto di aiuti per la Georgia. Generoso nel senso di un miliardo di dollari nei prossimi due anni.
Insomma, di lì a poco sarebbe stato varato un piano di bailout da 700 miliardi di dollari e gli Stati Uniti stanziavano 365 milioni per la Georgia (con la prospettiva di assegnarle complessivamente un miliardo di qui al 2010)? Viene voglia di saperne di più e di rintracciare questo decreto promosso da Bush e fortemente voluto da entrambi i principali candidati alla presidenza.

In risposta a un post (giustamente) dubbioso e sorpreso di Sean Guillory, l'autore dell'articolo offre ulteriori dettagli: la legge passata è l'HR2638, cioè il Consolidated Security, Disaster Assistance, and Continuing Appropriations Act, 2009, che comprende stanziamenti per FDA, FBI, ministero del Lavoro, ambasciate degli Stati Uniti, ministero degli Interni, affari dei reduci. Ma, classificata con discrezione alla voce Assistenza Economica Bilaterale, ecco la parte che ci interessa (chiedo scusa per la traduzione, sempre goffa quando si tratta di leggi e affini):
[...] Una somma aggiuntiva riservata al 'Finanziamento di Sostegno Economico', $465.000.000 da rendere disponibili fino al 30 settembre 2010, dei quali fino a $5.000.000 possono essere messi a disposizione per spese amministrative dell'Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale, in aggiunta a somme altrimenti rese disponibili a tali scopi: Si stabilisce che dei finanziamenti stanziati sotto questa voce $365.000.000 saranno resi disponibili per l'assistenza alla Georgia e alla regione per aiuti umanitari ed economici, ricostruzione, programmi energetici e attività democratiche, e potranno essere trasferiti e uniti a finanziamenti stanziati alla voce 'Assistenza per gli Stati Indipendenti dell'ex-Unione Sovietica' e 'Assistenza Internazionale ai Disastri', dei quali fino a $8.000.000 possono essere trasferiti e uniti a finanziamenti messi a disposizione per 'Operazioni internazionali di tele e radiodiffusione' per attività di tele e radiodiffusione in Georgia, in Russia e nella regione.
Passato alla Camera dei Rappresentanti (268/150), al Senato (89/4) e il 30 settembre 2008 firmato dal presidente Bush.

Se adesso nei commenti spunta qualcuno che mi dice eh ma guarda che 365 milioni di dollari non sono mica tanto lo mangio.

martedì, ottobre 07, 2008

Adesso uno non può neanche prestare soldi all'Islanda uffa

Da Siberian Light:

"Quando oggi ho sentito che la Russia sta per prestare all'Islanda 5,4 miliardi di dollari (l'equivalente di 1/3 del PIL dell'Islanda) per salvare le banche del paese in affanno finanziario, ho pensato:
'Hmm, stasera quando torno a casa scrivo un bel post ironico in cui mi chiedo quanto bisognerà aspettare perché i media condannino l'accordo ed evochino lo spettro della malvagia Russia che conquista la piccola indifesa Islanda'.
Ero sinceramente convinto che sarebbe stato un post un po' sgangherato che nessuno avrebbe preso sul serio.
Poi ho letto questo editoriale, pubblicato sul giornale britannico The Daily Telegraph:

'[Il prestito] creerebbe tumulti strategici. L'Islanda è un membro della NATO, ma la Russia vorrebbe qualcosa in cambio di un prestito che corrisponde a quasi un terzo del PIL del piccolo stato. Gli Stati Uniti sarebbero irritati e contrariati dall'idea che ciò possa significare una presenza militare russa nel Nord Atlantico'.
Sigh".

Doppio sigh.
Eccone qui un'altra, che stasera voleva fare la spiritosa su un blog.

Sed magis amica veritas: a due anni dalla morte di Anna Politkovskaja

[file Word qui]

È possibile smascherare una bugia, ma quando ce ne sono milioni, quando vengono scelte e ricombinate anno dopo anno, decennio dopo decennio, quando milioni di persone abilmente addestrate partecipano a questa falsificazione con l'impiego di enormi risorse e tecnologie sofisticate e miliardi di persone subiscono un lavaggio del cervello ideologico generazione dopo generazione, non c'è alcuna possibilità di scavalcare quella serie ininterrotta di bugie e ristabilire la verità. Non è improbabile che secoli dopo si possa scoprire un barlume di quella verità, ma quale differenza potrà mai fare? Sarà solo un debole e distorto riflesso della storia.

Aleksandr Zinov'ev, Global'noe Sverchobščestvo i Rossija, Mosca, Labirint, 2000.


Il russo ha due parole per dire verità: pravda e istina. La prima fa parte di un gruppo di vocaboli che ha per radice “vero”, “giusto” ed è anche “franchezza”, verso se stessi e verso gli altri; la giustizia per esempio è pravosudie, il processo con cui si cerca e si trova la verità. La seconda è la Verità con la V maiuscola, l'unica, quella che rende liberi e con la quale è meglio non scherzare.

Io qui sarò semplicemente sincera. Nei giorni successivi alla morte di Anna Politkovskaja, che conoscevo grazie al libro La Russia di Putin pubblicato in Italia da Adelphi e ad alcuni articoli letti in rete, ho deciso di mettermi a tradurre dal russo un po' di materiale scritto da lei e su di lei: articoli, ricordi, commenti, reazioni, dinamica dell'omicidio, primi passi delle indagini. Il motivo è semplice: mi interessava. Per anni avevo continuato a seguire le vicende russe, senza mai scriverne e con un certo distacco. Però l'omicidio Politkovskaja per me ha rappresentato una svolta, e non nel senso più immaginabile o prevedibile: basti qui dire che mi sono resa conto quanto fosse drammatica la differenza di percezione tra Russia e Occidente e quanto bisognasse lavorare per spiegare, distinguere, mediare, contestualizzare, mettendoci di volta in volta e a seconda dei casi serietà, ironia, pedanteria, leggerezza.
Mai la differenza tra il punto di vista russo e le proiezioni occidentali mi era sembrata più grande e più difficile da gestire come in quell'ottobre 2006: di qui la scelta a un certo punto di smettere di scriverne e di occuparmi più seriamente della Russia e soprattutto di quello che la Russia non è.

Oggi, a due anni di distanza, è il momento di riparlarne. Credo che l'omicidio Politkovskaja sia stato capace di tirar fuori il peggio di ciascuno, di innescare isteriche reazioni a catena di malintesi, generalizzazioni e approssimazioni. È stata una gara di dilettantismo, opportunismo, insensibilità, mancanza di tatto, meschine vendette, cialtroneria, ipocrisia, sentimentalismo, pelosa compassione.

Da una parte, la Russia. Putin che fece quello che fa di solito quando viene messo sotto pressione e si infastidisce per le domande sbagliate: invece di strapparsi i pochi capelli superstiti e spargere lacrime di coccodrillo uscì dal protocollo e offrì a tutti noi occidentali quello che volevamo vedere, il demone meschino con un passato nei Servizi, KGB a Dresda. Ricordate? Cosa è successo al Kursk? È affondato. E Anna Politkovskaja? La sua influenza nella vita politica del paese era minima, no?

Forma sbagliata, contenuti tecnicamente corretti.
Come è stato spiegato da giornalisti e addetti ai lavori che non possono in alcun modo essere sospettati di connivenza con il Cremlino, non credo di fare un torto ad Anna Politkovskaja confermando che non era molto letta né molto conosciuta nel suo paese. Ma non perché particolarmente scomoda: semplicemente perché l'informazione russa, fuori e dentro la rete, è complessa, stratificata e dispersiva, con numeri, proporzioni, livello di interattività e capacità di influire sulla situazione del paese molto diversi da quelli a cui siamo abituati.

E forse anche perché scriveva per un bisettimanale, la Novaja Gazeta, che non è un faro della libera informazione e del giornalismo investigativo in un paese altrimenti barbaro: è un giornale politicamente orientato in senso “liberale” al quale, come ha ben ricordato John Laughland, [1] collaborano e hanno collaborato commentatori filo-americani vicini alla Jamestown Foundation, il centro studi neo-conservatore interessato alla democratizzazione (o “destabilizzazione”, dipende dai punti di vista) dei paesi dell'ex-blocco comunista. Dal 2006 il 49% della Novaja Gazeta è nelle mani di Michail Gorbačëv (10%) e di Aleksandr Lebedev (39%), politico e uomo d'affari milionario nonché ex funzionario del KGB e poi dell'SVD (i servizi segreti internazionali russi). Incidentalmente, i due hanno appena deciso di fondare un nuovo partito, il Partito Democratico Indipendente. [2] Sia chiaro: non è che Gorbačëv stia proprio simpatico a tutti, in Russia.
Infine, tanto per farci un'idea delle proporzioni, una circolazione di 250.000 copie in un paese di 145 milioni di persone non è molto.

Potremmo anche aggiungere a tutto questo il fatto che alla Politkovskaja non veniva perdonato di essersi associata a Boris Berezovskij nel comune interesse per il Caucaso Settentrionale e la causa dei profughi ceceni, che in quegli anni riceveva l'attenzione dei media occidentali e i soldi delle cosiddette fondazioni umanitarie e delle organizzazioni non governative. Intendiamoci: non c'è niente di male nell'abbinare al giornalismo la difesa dei diritti umani, a patto che non si considerino alcuni più umani di altri.

Come reagì l'opinione pubblica russa alla morte di Anna Politkovskaja? Con un misto di pena e indifferenza. In rete le cose stavano diversamente: opinioni tendenzialmente molto critiche e distaccate, con picchi di livore nei confronti della giornalista e del suo lavoro, e quei primi sintomi di rabbia e delusione nei confronti dell'opinione pubblica e dei media occidentali destinati a esasperarsi negli anni successivi.

Come reagì l'Occidente? Ma figuriamoci, il cadavere della povera Politkovskaja era il grande sogno trasversale: ci si buttarono tutti, giornalisti, politici, opinionisti, difensori della libertà di stampa, associazioni per la difesa dei diritti umani, sindaci, assessori, poeti, cantanti, registi, comitati di signore bene. E poi i premi, i premi: postumi, intitolati alla defunta, inutili. Che momenti.

Naturalmente parte di questi singoli e organizzazioni era in perfetta buona fede, e non lo dico solo perché l'ultima cosa che vorrei è un picchetto di signore sotto casa che protesta contro gli abusi in Russia. Ma di fatto i media occidentali (i nostri sulla scia di quelli britannici e statunitensi) avevano consacrato e diffuso una versione unica: in Russia era stata assassinata una giornalista coraggiosa che si opponeva a Putin; se ne deduceva che Putin doveva avere commissionato l'omicidio.

La vecchia sindrome del rosso sotto il letto è dura a morire, e l'avrebbe dimostrato di lì a poco l'opera buffa mediatica rappresentata dalla morte di Aleksandr Litvinenko (a proposito del quale, lo ammetto, mi sono fatta meno scrupoli: ma lui non era né giornalista, né donna, e del resto neanche tanto coraggioso).

Il Financial Times sottolineava che Putin era responsabile della creazione di un clima politico e sociale che rendeva possibili omicidi come questo. Anne Applebaum sul Washington Post attribuiva direttamente a Putin gli omicidi di giornalisti avvenuti in Russia dopo il 2000 (non che prima non ce ne fossero stati, solo che prima c'era El'cin). Olga Craig sul Sunday Telegraph titolava un suo articolo “Incrocia Putin e muori”, nel quale raccontava la fantasmatica storia di un povero giornalista russo perseguitato dai servizi segreti assassini. L'Economist ne approfittava per evocare le ombre del Reich e osservava che “a volte la Russia sembra orientarsi verso il fascismo”. [3]

La demonizzazione della Russia a questo punto era completa, potevamo rilassarci in questa certezza che non aveva bisogno di ulteriori conferme e dimenticarci della vera Politkovskaja. Tanto la vera Politkovskaja non esisteva già più: esisteva invece il fantasma di “una delle giornaliste più brillanti e coraggiose” (The Guardian), “una delle poche voci che osassero contraddire la linea di partito” (The Daily Telegraph), “scomoda in nome della libertà” (The Independent), “la più famosa giornalista investigativa russa” (The Times), “una delle giornaliste più coraggiose” (The New York Times), “vittima di raro coraggio” (The Washington Post). [4]

Anna Politkovskaja svolgeva il proprio lavoro in una posizione di estrema vulnerabilità, con i suoi reportage dal Caucaso ha documentato e testimoniato sofferenze, torture e abusi ed è stata vicina a tante vittime della guerra, anche se solo di una parte coinvolta in quella guerra. Per farlo e per combattere contro quello che considerava un sistema spietato ha scelto di schierarsi, e questo non l'ha resa più amata (basti leggere la testimonianza di uno degli ostaggi dell'assedio al Teatro Nord-Ost: non contiene parole di perdono o di riconciliazione ma accuse feroci e dolorose che non è difficile comprendere). [5] Ha corso rischi intollerabili e si è fatta molti nemici, ma forse non per le storie che scriveva (come ricordò il giornalista e commentatore politico Oleg Kašin in un bell'articolo su Vzgljad, più che una giornalista era una newsmaker: tendeva a stare davanti e non dietro alle telecamere, a fare notizia più che a scriverne). [6] Tra questi nemici c'erano persone capaci di farla uccidere praticamente alla luce del sole, o almeno nell'ingresso di un tranquillo condominio, vicino all'ascensore, un pomeriggio di ottobre: quattro colpi di Makarov, compreso quello finale “di controllo” (kontrol'nyj), che serve a verificare che la vittima sia morta ed è considerato indizio di un assassinio su commissione.

Per concludere: non so se Anna Politkovskaja sia stata in qualche modo strumentalizzata quando era in vita, e se ne fosse consapevole. So però che lo è stata, e molto, dopo la sua morte.

Ma veniamo al punto sulle indagini, che sono ora giunte a una svolta.

Inizialmente circolano varie ipotesi, tutte più o meno collegate all'attività professionale della Politkovskaja: vendetta di poliziotti corrotti che erano finiti nei guai per i suoi articoli; vendetta di militanti ceceni; azione dei nazionalisti russi (il suo nome era sulla lista di morte di vari gruppi neonazisti); provocazione politica per screditare le autorità russe e cecene o innescare conflitti nel Caucaso.

Poi la Procura Generale chiede il silenzio stampa, che viene rispettato. La Novaja Gazeta annuncia che avvierà una propria indagine e collaborerà con gli inquirenti; Aleksandr Lebedev offre una ricompensa pari a 1 milione di dollari a chi contribuirà alla soluzione del caso.
Segue dunque un silenzio stampa che dura dieci mesi.

Il 28 agosto 2007 il Procuratore Generale Jurij Čajka annuncia in una conferenza stampa l'arresto di dieci sospetti in relazione all'omicidio. Tra questi, un ufficiale di polizia, un colonnello dell'FSB (Servizio di sicurezza federale, i servizi segreti russi) e tre ex poliziotti; gli altri cinque sono ceceni, uno di loro avvocato a Mosca, e farebbero parte di una banda specializzata in omicidi su commissione. Gli inquirenti pensano che i ceceni possano avere a che fare anche con gli omicidi del vice presidente della Banca Centrale russa Kozlov e del giornalista di Forbes Russia Paul Klebnikov.

La Novaja Gazeta, impegnata nella sua indagine parallela, scrive che gli arresti sono stati fatti dal 15 al 23 agosto. Il direttore del giornale definisce le conclusioni degli inquirenti “convincenti”, il figlio della Politkovskaja, Il'ja, si dice “non sorpreso”.
“I nostri nomi coincidono con quelli dell'indagine ufficiale”, dice il vice direttore del giornale, Sergej Sokolov. “Ma l'identità del mandante non coincide”.

Nella sua conferenza stampa il Procuratore Generale fa anche una dichiarazione politica, puntando il dito contro le “forze esterne” di putiniana memoria che mirano a offuscare la reputazione internazionale della Russia e a destabilizzare la situazione interna del paese, e aggiunge che i responsabili vogliono “un ritorno al vecchio sistema di governo nel quale erano i soldi e gli oligarchi a decidere tutto”. Non si fanno nomi, ma tutti colgono il riferimento agli oligarchi in esilio (rispettivamente nel Regno Unito e in Israele) Berezovskij e Nevzlin; non a caso nel corso della conferenza stampa Čajka ribadisce che la Russia continuerà a chiedere l'estradizione di Berezovskij, ricercato per reati finanziari.

Nel frattempo anche l'FSB tiene una conferenza stampa in cui comunica che un suo ufficiale, Pavel Rjaguzov, è tra gli arrestati.

Gli altri nomi non si sanno, ma appaiono sulla stampa il giorno successivo, completi di foto e generalità dei sospettati: Aleksej Berkin, Dmitrij Lebedev, Tamerlan Machmudov, Džabrail Machmudov, Oleg Alimov, Achmed Isaev, Sergej Chadžikurbanov, Dmitrij Gračev, Pavel Rjaguzov. Il Moskovskij Komsomolec aggiunge un bel po' di dettagli. [7] Si sa così che Rjaguzov, il colonnello dell'FSB, ha 37 anni ed era già tenuto d'occhio da tempo per presunti collegamenti con il crimine organizzato. Rjaguzov è specializzato in compiti di sorveglianza, dunque potrebbe avere messo sotto controllo il telefono della Politkovskaja. Dmitrij Lebedev, Dmitrij Gračev, Oleg Alimov e Aleksej Berkin sono ex poliziotti: alcuni hanno lasciato il servizio tra i 5 e gli 8 anni fa. Avrebbero avuto l'incarico di sorvegliare la Politkovskaja quando usciva di casa. Sergej Chadžikurbanov, ufficiale di polizia, 40 anni, quattro anni prima ha organizzato una trappola che ha portato alla cattura di Frank Alcapone (alias Fizuli Mamedov), arrestato per il possesso di un chilo di eroina. Secondo le guardie del corpo del boss l'eroina gli era stata messa addosso dai poliziotti. Alcapone viene rimesso in libertà e i poliziotti accusati di abuso d'ufficio.

Poi ci sono i tre fratelli Machmudov, di origine cecena: Tamerlan, 36 anni, Džabrail, 49, e Ibrahim, 25. Tamerlan e Ibrahim risiedono a Mosca, Džabrail a Zarajsk, nel distretto di Mosca. Secondo le autorità questi tre non avevano rancori personali nei confronti della giornalista, e hanno partecipato all'omicidio in cambio di un'ingente somma di denaro.

Infine ci sarebbe l'autista, Achmed Isaev: avrebbe portato i fratelli Machmudov sul luogo del crimine e li avrebbe aiutati a ottenere la documentazione per acquistare la macchina.

Forse anche a causa di questa fuga di notizie, nei giorni successivi le prove contro alcuni degli accusati cadono una dopo l'altra. Viene rilasciato per insufficienza di prove Berkin (gli inquirenti pensavano facesse parte della banda di criminali ceceni chiamata “Lasagna”, dal nome di un ristorante in cui erano soliti incontrarsi, e ritenuta responsabile dell'omicidio); e viene rilasciato anche Chadžikurbanov, perché il giorno dell'assassinio era in carcere (quello che si dice un alibi di ferro). [8] Poi è la volta di Alimov, mentre emerge che Rjaguzov è accusato di abuso di potere per un caso che risale al 2002. [9]

A una settimana dagli arresti, un altro colpo di scena: la Procura Generale toglie il caso alla squadra di inquirenti che se ne era occupata fino a quel momento e al suo capo Pëtr Garibjan. [10] Il direttore della Novaja Gazeta Muratov dice in un'intervista a Echo Moskvy che la decisione è frutto di pressioni dei siloviki (uomini dei servizi) per sabotare le indagini. La Procura Generale nega l'accusa dicendo che la squadra è stata invece rafforzata con l'aggiunta di nuovi elementi. La Novaja Gazeta fa sapere che continuerà a lavorare con Garibjan, che sono in corso nuovi arresti e che l'indagine si è fatta estremamente complicata.

La Procura apre un'indagine sulla fuga di notizie.

A metà settembre viene arrestato Šamil Buraev, ex capo del distretto ceceno di Ačhoj-Martanov, accusato di aver ottenuto l'indirizzo della giornalista da Rjaguzov e di averlo passato agli assassini.
Una notizia RIA Novosti del 24 ottobre conferma che Buraev rimane in arresto e che i detenuti al momento sono nove, compresi i fratelli Machmudov. [11]

Nell'intervista a Time del dicembre 2007 Putin dice che le autorità faranno il possibile per risolvere il caso, ma che ci sono dei “problemi con le prove”. [12]

Alla fine di marzo 2008 la Procura Generale fa sapere che il killer è stato identificato ed è attualmente ricercato. Gli accusati in quel momento sono nove, compreso l'ufficiale dell'FSB. [13]

Agli inizi di aprile un investigatore capo incaricato delle indagini, Dmitrij Dovgij, rilascia un'intervista a Izvestija nella quale afferma che Boris Berezovskij è il mandante dell'omicidio. Dovgy è stato sospeso per corruzione (avrebbe preso tangenti per 4 milioni e mezzo di dollari), ma secondo Izvestija l'intervista è stata fatta quando era ancora in servizio. [14] Dovgij non ha in mano prove concrete, ma si dice convinto che l'omicidio sia stato ordinato da Boris Berezovskij attraverso Chož-Achmed Nuchaev, il criminale ceceno fuggiasco ufficialmente sospettato dell'omicidio di Paul Klebnikov. Appare abbastanza evidente che Dovgij, che pochi mesi prima in un'intervista alla Rossijskaja Gazeta era stato estremamente cauto, ha tentato una mossa disperata dimostrando la sua lealtà e accreditando una pista politica che poteva supporre molto gradita ai suoi superiori.

Il 16 aprile altra fuga di notizie: il sito russo Life.ru pubblica la foto di Rustam Machmudov, sospettato di essere l'esecutore materiale dell'omicidio. [15]

Il 12 maggio viene rilasciato un altro sospetto, Magomed Dimelchanov. Gli arrestati scendono a sette. Contro Rustam Machmudov è stato emesso un mandato di cattura internazionale.
Agli inizi di giugno viene rilasciato anche Buraev, in attesa di processo.

Il 18 giugno gli inquirenti russi dichiarano di avere concluso l'indagine e di avere formalizzato le accuse contro quattro sospetti: tre per coinvolgimento nell'omicidio e uno per abuso d'ufficio. [16] Un'indagine distinta è stata avviata nei confronti dell'esecutore materiale dell'omicidio, Rustam Machmudov, latitante. Le accuse contro Buraev sono invece cadute per insufficienza di prove.
Agli inizi di luglio fonti della Procura Generale dichiarano di sapere in quale paese dell'Europa Occidentale si nasconda Machmudov. [17]

Arriviamo infine al 2 ottobre 2008, quando la Procura Generale della Federazione Russa comunica di avere rinviato a giudizio per l'omicidio di Anna Politkovskaja tre persone: Sergej Chadžikurbanov e i fratelli Džabrail e Ibrahim Machmudov. L'ex ufficiale dei servizi Pavel Rjaguzov è accusato di abuso di ufficio. Un distinto procedimento penale è stato avviato a carico di Rustam Machmudov. [18]

Il figlio della giornalista, Il'ja Politkovskij, ha sostenuto in una conferenza stampa che il caso è stato trasferito non a un tribunale civile, ma a un tribunale militare, in quanto uno degli imputati è un agente dei servizi. “Vorrei sottolineare che non accuso dell'organizzazione diretta di questo omicidio le autorità, perché niente fa pensare a questo. All'omicidio hanno preso parte elementi isolati dei servizi segreti e loro agenti”, ha aggiunto il figlio della giornalista. [19]

Dunque si va al processo, probabilmente in tempi brevi. Mancano il killer, il mandante e il movente.

La ricompensa da un milione di dollari non è stata incassata da nessuno.

È una storia fatta di voci e fughe di notizie, di avvertimenti, di “io so”, di sassi lanciati e mani nascoste, di rivelazioni frettolose e premature, di gang Lasagna e soldi, di criminalità, connivenze e coperture, probabilmente non di massimi poteri, o folli regali di compleanno, o premier ceceni capricciosi, o maligni oligarchi con l'hobby del colpo di stato. Ma chi può dirlo con certezza.

Quando è stata diffusa la notizia del rinvio a giudizio la stampa occidentale e quella russa hanno reagito pigramente. La ricerca su Google e Yandex dà pochi e ripetitivi risultati, le discussioni sui blog si limitano a rilanciare la notizia (che è stata riportata già a settembre [20] e non fa che confermare fatti noti già a giugno), nessun commento sui giornali.
Forse si aspetta il 7 ottobre per far scattare i riti del ricordo, più appaganti della ricerca di un tenue e distorto riflesso di verità.

Note
[1] “Who killed Anna Politkovskaya?”, John Laughland, Sanders Research Associates, 19 ottobre 2006
[2] “Russia: Gorbaciov- Lebedev, partito”, ANSA, 30 settembre 2008
[3] “Where is America's Politkovskaya?”, Mark Ames, The eXile, 20 ottobre 2006
[4] John Laughland, op. cit.
[5] СВИНСТВО!!!, http://al-stal.livejournal.com/, 20 ottobre 2006
[6] “Kto ubil Annu Politkovskuju?”, Oleg Kašin, Vzgljad, 9 ottobre 2006
[7] “Sodejstvujuščie lica i ispolniteli – V spiske ubijc Politkovskoj – torgovcy ryboj, čekisty i milicionery”, Moskovskij Komsomolec, 29 agosto 2007
[8] “Mera Otsečenija”, Kommersant', 30 agosto 2007
[9] “Genprokuror sdaet po delu”, Kommersant', 31 agosto 2007
[10] “Investigator out in Politkovskaya case”, The Moscow Times, 5 ottobre 2007
[11] “Court remands Politkovskaya murder suspect Burayev in custody”, RIA Novosti, 24 ottobre 2007
[12] “Putin promises to complete probe into Politkovskaya's murder”, RIA Novosti, 19 dicembre 2007
[13] “Politkovskaya's killer identified, being sought - top prosecutors”, RIA Novosti, 28 marzo 2008
[14] “Načalnik Glavnogo sledstvennogo upravlenija Dmitrij Dovgij: 'Čeloveku dolžno byt' vygodno ne brat' vzjatok'”, Izvestija, 3 aprile 2008
[15] “Ubijstvo izvestnoj žurnalistki. Killer sbežal iz Rossii”, Life.ru, 15 aprile 2008
[16] “Russian prosecutors finish probe into Politkovskaya murder”, RIA Novosti, 18 giugno 2008
[17] “Russian reporter Politkovskaya's killer hiding in Western Europe”, RIA Novosti, 1° luglio 2008
[18] “Russian prosecutors refer Politkovskaya murder case to court”, RIA Novosti, 2 ottobre 2008
[19] “Delo ob ubijstve Politkovskoj peredano v voennyj sud”, RIA Novosti, 2 ottobre 2008
[20] “Delo Politkovskoj v Genprokurature”, Rossijskaja Gazeta, 20 settembre 2008


La traduzione francese, a cura di Fausto Giudice, è a questo indirizzo.

lunedì, ottobre 06, 2008

Da piazza Kadyrov sempre dritto poi magari chiedi

Ah, a Bush hanno intitolato la via per l'aeroporto a Tbilisi?
Da ieri Putin c'ha il Prospekt Putina a Groznyj. Mica vicolo Corto o vicolo Stretto, no: hanno tipo cambiato nome al ricostruito corso della Vittoria (Prospekt Pobedy).
Quel Ramzan soffre di turbe psichiche mascherate da incontenibile affetto*, ve lo dico io.


Foto © Reuters.

*Questa ha il copyright, e non è neanche mio.

Apdeit:
Putin chiede che per favore non gli vengano dedicate altre vie (ma neanche monumenti, né ritratti da appendere nelle aule scolastiche), grazie.

Avverbialmente

I'm glad you like adverbs — I adore them;
they are the only qualifications I really much respect.

Henry James, The Letters of Henry James, 1912


- I nostri settori energetici prima dei negoziati hanno lavorato energicamente, - ha aggiunto Vladimir Putin, - hanno lavorato anche a livello corporativo (cioè le corporazioni hanno lavorato corporativamente).


Ai due premier non restava che mettersi a lavorare premieralmente.

Dal servizio di Andrej Kolesnikov sull'incontro Timošenko-Putin, Kommersant'.

venerdì, ottobre 03, 2008

VVP, Medvedev e il sistema americano

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin, il Presidente della Federazione Russa Dmitrij Anatol'evič Medvedev e il Primo vice capo della sua Amministrazione Vladislav Jur'evič Surkov sedevano in uno studio all'interno del Cremlino e guardavano alla televisione i dibattiti pre-elettorali dei candidati alla Presidenza degli Stati Uniti d'America.
- Bratellos, - disse Dmitrij Anatol'evič. - Guardate come sono organizzati bene. Ecco un candidato, ed ecco un secondo candidato. E nessun altro. Ecco i democratici, ed ecco i repubblicani. Ordine, civiltà... Magari così fosse anche da noi.
- Lo sarà, - disse convinto Vladislav Jur'evič.
- E quando? - domandò con interesse Vladimir Vladimirovič™.
- Alle prossime elezioni, - disse Vladislav Jur'evič, - Ecco un candidato.
E Vladislav Jur'evič indicò Vladimir Vladimirovič™.
- E il secondo? - domandò Dmitrij Anatol'evič, - Ancora Zjuganov?
- Perché Ziuganov? - si strinse nelle spalle Vladislav Jur'evič, - Tu.
- Io?! - esclamò allibito Dmitrij Anatol'evič.
- Lui?! - Vladimir Vladimirovič™ fece quasi un salto sulla poltrona, - E... bratello, siamo già d'accordo, lui se ne va! Io torno!
- E che differenza fa? - sorrise Vladislav Jur'evič, - Che importa chi di voi due vince? L'importante è che le cose da noi vadano come si deve. Due partiti, due candidati. Allora la struttura che ho costruito diventerà sovrana.
- Ma 'scolta… - borbottò Dmitrij Anatol'evič, - Di quale partito sarò, io, se il bratello è già di Russia Unita?
- Russia Unita sono i repubblicani, - spiegò Vladislav Jur'evič, - Vuol dire che tu starai con i democratici.
- E quali democratici? - Dmitrij Anatol'evič non capiva, - Noi non ce li abbiamo, i democratici.
- Li facciamo noi, - disse Vladislav Jur'evič, - Adesso mettiamo insieme Barščevskij e Gozman e ti facciamo il partito democratico.
- Mi fa un po' strano, però… - si strinse nelle spalle Dmitrij Anatol'evič.
- E cosa c'è di strano? - disse Vladislav Jur'evič, - O vuoi stare con i comunisti? O con Russia Giusta? O con i liberal-democratici?
- No no, - scosse il capo Dmitrij Anatol'evič, - A questo punto meglio con i democratici.
Vladimir Vladimirovič™ guardò Vladislav Jur'evič con ammirazione.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

mercoledì, ottobre 01, 2008

La festa è finita, gli amici non se ne vanno

"Signore,
immagini una festa sfrenata, una festa molto lunga. Ogni volta che finiscono gli alcolici arriva la banca centrale, così la festa può continuare e la gente diventa sempre più dipendente dai festeggiamenti e dall'alcol. A un certo punto la folla ubriaca distrugge la sala e la festa finisce.

Arrivano Hank e Ben e chiedono chi è stato a fare più danni. John, dice la gente, ha rotto quattro finestre e fatto a pezzi il tavolo. Bene, dice Hank, diamo a John 300 dollari; chi altri ha fatto più danni? Tim, grida la folla, ha spruzzato vernice dappertutto e ha bruciato il divano. Eccellente, dice Hank, Tim prenderà 250 dollari. Chi è il prossimo?

Nel giro di pochi giorni ci sarà un'altra festa, e vorranno esserci tutti. Non solo potranno divertirsi alla grande (mentre gli altri, ovviamente i più scemi, continueranno ad alzarsi presto la mattina per andare al lavoro) e bere gratis, ma intascheranno anche dei bei soldi a festa finita. Che ne dice del piano Paulson?"

Krzysztof Rybinski,
ex vice governatore della Banca Nazionale della Polonia.

Fonte: Financial Times

Io comunque il dottor Rybinski ce lo inviterei, a una festa.

Spevpeviamo gli Ultimi Euvi/U a iu tu fachin lekcia mi?©



Proposte per una futbòločka su Advertka.ru.

Antefatto.

Strascichi (conferenza stampa dell'assistente segretario di stato americano Daniel Fried per l'Europa e l'Eurasia, dopo un incontro con Lavov):
FRIED: Sì, ho sentito questa storia... non so se è vera, ma ho sentito questa storia della conversazione tra i ministri Miliband e Lavrov. Ma la conversazione di oggi è stata educata, perfettamente professionale. Non c'è stato niente di... niente di tutto questo.
DOMANDA:
Niente parolacce?
FRIED: È stata una conversazione perfettamente professionale dall'inizio alla fine.

L'idea di questo ministro alfa che si aggira furibondo e pronto a insultare qualsiasi segretario o sottosegretario degli esteri atlantista gli capiti a tiro è ampiamente distorta ed esagerata.
Però.
Se volete spevpevave gli ultimi euvi dalle parti di Cafepress, su advertka ci sono anche i link ai formati vettoriali.