martedì, novembre 04, 2008

The Borneo Experiment/In aggiornamento

[Apdeit: è il 7 novembre, sono ancora incolume, in tre giorni ho rimpicciolito solo tre teste e resterei chiusa qua dentro ancora per un po'. Aggiornamenti in fondo al post].

Allora. Io da questo momento avvio un esperimento.
Non voglio sapere niente di elezioni USA.
Ho gli ultimi due libri di Bolaño, la Russia, scorte di latte, contatti umani non ostili, un gatto autistico, un mucchio di traduzioni, le dispense di sloveno, un amico che vuole sapere tutto di Boriška il bambino di Marte, nomi di fiori, lettere indecifrabili di architetti morti, una vecchia registrazione sovietica con i versi degli uccelli dell'Ussuri.
Posso farcela.

Voi nei commenti potete parlare di tutto, fare scommesse, passarmi informazioni fuorvianti oppure ignorarmi per una settimana.
Io aggiornerò.

[continua]

Dormito bene, sognato autostrade, Alpi, minareti, una cattedrale di San Michele visitabile solo a patto di liberarsi da ogni residuo granello di polvere (almeno così diceva in un francese confuso la voce femminile che usciva dal citofono al pianterreno). Così prima di salire ci si ripuliva minuziosamente in un vestibolo dai soffitti altissimi immerso in una luce verde molto densa (sembrava di stare sul fondo di una bottiglia, tra filamenti di deposito).
A. chiedeva "Cosa sono i cirri?". Qualcuno rispondeva (sbrigativamente) "Montagne. Un tipo di montagne".

Le elezioni USA sono una specie di Festival di Sanremo. Fai di tutto per evitarlo, poi ti ritrovi a canticchiare con una certa convinzione strofe sconosciute che - a dirla tutta - ti fanno vergognare un po'.

[continua]

Serve un po' di rumore bianco?
Ecco le voci degli uccelli della taiga dell'Ussuri, prima parte (5 Mb):

gluchaja kukuška - cuculus saturatus
obyknovennaja kukuška - cuculus canorus
širokokrylaja kukuška - hierococcyx fugax
širokorot - eurystomus orientalis
sinechvostka - tarsiger cyanurus
dikuša - falcipennis falcipennis (maschio)
dikuša - falcipennis falcipennis (femmina)
čërnyj žuravl' - grus monacha
bol'šekljuvaja vorona - corvus macrorhynchos
taežnaja ovsjanka - emberiza tristrami
tolstokljuvaja penočka - phylloscopus schwarzii
korol'kovaja penočka - phylloscopus proregulus
seryj ličinkoed - pericrocotus divaricatus
mucholovka-mugimaki - muscicapa mugimaki
korotkochvostka - urosphena squameiceps
sinjaja mucholovka - muscicapa cyanomelana
bol'šoj černogolovnyj dubonos - eophona personata
solovej-svistun - pseudaedon sibilans
sinij solovej - larvivora cyane
sizyj drozd - turdus hortulorumcuculus saturatus

Poi mi ringraziate con calma.

[continua]

Per il suo primo discorso sullo stato della nazione alla Duma Dmitrij Medvedev ha scelto proprio oggi. Visto che lo seguiamo in cinque poteva invitarci a pranzo e spiegarci due cose tra l'antipasto e il secondo. "Ah, e poi gnam, mfh, chiederò l'estensione del mandato presidenziale a sei anni", "Apperò'" "Sì, e a cinque di quello mfh gn parlamentare" "Va bene, basta che fai bocconi piccoli e che non ti metti subito davanti al computer dopo mangiato".

[continua]

Roba che filtra: Gasparri, Obama & Alcaida (sms a tradimento di Bracciodestro, commenti adocchiati su Faccialibro). Obama avrebbe detto che quando Gasparri parla tutta Tora Bora ride. Credo, non sono sicura.

[continua]

Altre due ore trascorse in beata impermeabilità a parlare con il subcomandante F. di zapatisti, anarchici, Bosnia, differenze tra il portoghese di Portogallo e portoghese do Brasiu, pittrici russe, poeti del Mozambico, sciure tedesche, celebrità sparagnine, neonazisti pentiti riparati in Svezia, basi NATO, il femminile di auteur e i caratteri unicode. Il signor G. dorme, il Lenino sorride accigliato, io so solo che ha vinto il tizio giovane: un altro mondo è dunque possibile. Dovrebbero farle più spesso, queste elezioni americane.

[continua]

Sbirciando nei commenti leggo che a Washington Obama ha il 93%: devo crederci? Cos'è, come Russia Unita in Cecenia? L'ultima volta che si è votato in Cecenia Kadyrov ha detto che si aspettava un'affluenza del 100% "e anche più". La Commissione Elettorale, chiamata in causa, ha riconosciuto che l'affermazione era tecnicamente corretta. Al-Obama ha dunque un consenso kadyroviano?
Comunque i link-trappola con US nell'indirizzo non li clicco, sappiatelo.

[continua]

Tanto io la penso come il subcom. (Come mi è veltronico dentro, il Joffrin).

[continua]

04.11 22:18 Американские дети проголосовали за Обаму
04.11 21:42
Голый ковбой
проголосовал за Джона Маккейна

04.11 22:18 I bambini americani hanno votato per Obama.
04.11 21:42 Il cowboy nudo ha votato per John McCain.

[continua]

Liberi di non crederci, ma: ancora immune.
Se mi mandate link sospetti io ricambio con la seconda parte degli uccelli della taiga e poi interrogo.

[continua]

1. Sono immune.
2. Non voglio uscire da questo post.
3. Hanno incoronato il nuovo re del Bhutan, soprannominato "il principe affascinante" per il suo bel fisico (cito; grazie toni_i!).
4. Adesso cerco una foto del nuovo re del Bhutan e vi so dire.
5. Cercando.
6. Cliccando.
7. Guardando.
8. È molto bello.

[continua]

Да сдравствует революция. Prosto tak, così.

[continua]

Sogno. Sto cucinando. Improvvisamente il contenitore del sale fino scompare sotto i miei occhi: un momento prima è lì, poi non c'è più. Un'altra volta la stessa storia, dice mia madre. Lo sai che tuo zio va a raccontarlo in giro. Capisco così che non è la prima volta che capita, e che zio Pepi lo spaccia in giro come il miracolo della sparizione del sale.
Telefona M. Ma stella, ti è scomparso di nuovo il sale? Chi te l'ha detto, domando? Le voci girano, dice. Io minimizzo. Te l'ho sempre detto che usi i contenitori sbagliati, dice lui.

[continua]

Zò, comunque non penserete mica che qua stiamo a pettinare la testina di Lenino?
"Russia contro Europa: la solita vecchia storia", di John Laughland

[continua]

Papà e mamma di signore abbronzato si sono conosciuti a un corso di russo? Dice il Times.

[Ritorno pilotato alla realtà, con moltissima calma; continua]

Va bene, usciamo di qui.

Nessun commento: