lunedì, agosto 18, 2008

VVP, Ivanov e Mišiko

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio da primo ministro e guardava alla televisione il presidente della Georgia Michail Nikolaevič Saakašvili che si mangiava la cravatta.
A un tratto le imponenti porte dello studio di spalancarono e il primo vice primo ministro Sergej Borisovič Ivanov entrò con un gran sorriso.
- Cia', bratello, - disse Sergej Borisovič, - Mi chiamavi?
- Lavori male, - disse Vladimir Vladimirovič ™ senza voltarsi, - I militari si lamentano. Quel tuo GLONASS non funziona. Armi moderne niente. E dove sono le famose nanotecnologie, eh?
E Vladimir Vladimirovič™ si voltò di scatto, puntando lo sguardo accigliato su Sergej Borisovič.
- Ma come, dove? - rispose Sergej Borisovič senza perdere il sorriso, - Eccole.
E il vice primo ministro indicò con gli occhi il televisore.
Vladimir Vladimirovič™ guardò senza capire.
- Nel senso… - Vladimir Vladimirovič™ era confuso, - Non ho capito. Cosa, la cravatta? Ci avete messo il polonio?
- Ma quale cravatta! - Sergej Borisovič scoppiò a ridere, - E quale polonio! Lui!
- Chi? - Vladimir Vladimirovič™ continuava a non capire, - Chi, lui? Mišiko?!
- Ma sì, - annuì Sergej Borisovič, - Ci serviva un nano-Hitler. È la nostra ultima invenzione. Ma guardalo, guardalo lì. Dagli qualche giorno e si spara. In compagnia di qualche ragazzetta.
Vladimir Vladimirovič™ fissava lo schermo con gli occhi spalancati.
Michail Nikolaevič continuava a masticare la cravatta.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: