giovedì, agosto 14, 2008

Blood Simple

- Oh, la Manu.
- Ciao. Che fa papà?
- Che fa, tutto fa: nuoto, canoa, si è riguardato la Pellegrini per l'undicesima volta. Eccola lì sul divano, la salma.
- Ciao.
- Guarda, guarda cosa si è fatto alla gamba.
- Lina, un piccolo diversivo.
- Papà, ma sei caduto?
- Ma no, questo scemo va in cantina a fare non so cosa.
- Lavoretti miei.
- Lavoretti suoi e non torna più.
- Si è fatto male.
- Ma no, mi è sfuggita di mano una tavola di legno e l'ho fermata con la gamba.
- Certo, l'ha fermata per non rovinare il pavimento della cantina.
- Un po' di sangue.
- Fiumi di sangue. Torna su fischiettando e mi dice: "Posso avere un po' di acetone?" Che io ho pensato, eccolo che si è sporcato di vernice la maglietta.
- Volevo dire disinfettante. Al limite acqua ossigenata.
- Ma è scemo, è?
- Graffietto. Zi-iic. Qui.
- Ma quale graffietto, c'era sangue dappertutto.
- Manu, io lo faccio per lei.
- Nel senso?
- Nel senso che sviene per niente, si impressiona. Devo abituarla, un po' alla volta, al sangue.
- Manu.
- Così non sviene più.
- Manu, ti volevamo chiedere: chi ha attaccato per prima? La Georgia o la Russia?
- La Georgia.
- Ah.
- Toh.
- Chi ha vinto?
- Lui.

Filed in:

Nessun commento: