giovedì, luglio 17, 2008

Casa e Chiesa

Qualche giorno fa a Monfalcone assisto a una conversazione con Giulietto Chiesa su media e informazione. Si parla del prezzo del petrolio e delle guerre degli Stati Uniti, del surriscaldamento globale, del fatto che i telegiornali e la stampa a grande diffusione non ne parlano, che l'industria automobilistica continua a produrre auto che tra cinque-sei anni saremo costretti a lasciare in garage. Di quanti kilowatt consumiamo girando la chiavetta dell'accensione e facendo questo e quello.
Manca l'informazione.
E d'accordo, con qualche piccola riserva firmo pure io - come la maggioranza dei presenti, quel genere di pubblico accorto e preoccupato che fa domande intelligenti - per il progetto di Pandora.tv. Intanto penso distrattamente ai miei che in quel momento si stanno guardando qualche soap bavarese e combattono il surriscaldamento globale con il climatizzatore che ronza in modalità "I feel good".

Il giorno dopo.
Origlio familiare, al largo di Duino.
- Lina, godiamoci tutto questo.
- Domani piove?
- No, tra cinque anni non ci potremo permettere neanche il carburante per il motore della barca.
- Perché saremo poveri?
- Perché il prezzo del petrolio sale, mica scende più.
- Sale, sale.
- Poi questi attaccano l'Iran. Israele, Stati Uniti. Comunque attaccano.
- Ma Ahmadinejad ha già detto che in caso di attacco lui affonda tutte le petroliere nello Stretto di Hormuz.
- E fa bene, fa.
- ...
- ...
- Scusate, ma queste cose dove le avete sentite?
- Come. Telegiornali, giornali.
- Mica ce le leggiamo su internèt, noi.

Note a me stessa:
1. rivedere il concetto di informazione dal basso;
2. prepararsi ad attacco contro Iran;
3. più soap bavaresi nella mia vita.

Filed in:

Nessun commento: