lunedì, marzo 03, 2008

Post Poolparty, in aggiornamento

[Avvertimento del 5 marzo 2008: sarà colpa dell'eyeliner stregapupe di Bogdanov, della maledetta primavera, della bora scura, della momentanea regressione nel ventre molle degli anni Novanta, ma al momento non voglio uscire da questo post].

[7 marzo 2008: non ne usciamo neanche oggi, mi sa. Continua, in fondo trovate alcuni esempi di compilazione creativa di scheda elettorale].

Sapevatelo
Intanto Andrej Bogdanov starà festeggiando il suo dignitosissimo 1,3% 1,29% (il coinvolgimento della nonna deve aver giocato un ruolo importante). Nelle previsioni ci era andato vicino, però: si era solo dimenticato di dividere per due e di spostare la virgola. Una cavolata che faccio spesso anch'io.
Comunque sono 958.868 voti. Sul suo blog medita:
"Quasi un milione di persone: è poco o tanto? Per me, una persona che partecipa per la prima volta alle elezioni più importanti del paese, senza l'appoggio del potere, senza 'lanci' televisivi, è una cifra sbalorditiva".
Due milioni di firme, Bogdanov, ma allora vedi che avevo ragione io?
La descrizione definitiva del nostro, invece, è su Exile.ru: "ha sempre l'aria di uno che ha appena aperto un locale notturno a Staten Island". Di meglio per il momento non saprei dire.

Robe erotiche
Žirik (9,37%) ha commentato: "le congratulazioni le dovete fare a me", e ha detto che al suo partito non si festeggerà un bel niente, "né con l'alcol, né con il tabacco, né con robe erotiche". E che comunque lui la prossima volta si ripresenta. Tra trent'anni, ha aggiunto misteriosamente, si voterà con il cellulare. Un po' di rispetto per colui che in momento di lucidità ha espresso il desiderio di ammazzare Bogdanov.

Ritrattistica
Lo sapete a quanto va via un ritratto di Medvedev (che ormai aveva già cominciato a vendere quanto e più di Putin)? Su vRamke.ru, dice il Moscow Times, un Medvedev alto 1,2 m sono 20.000 rubli (800 dollari). 2000 rubli per il ritratto piccolo, con benevolo sorriso d'ordinanza.

Medv-edvi Mevd-iiii oh, whatever
Antonio ha ragione (e Hillary Clinton sarebbe d'accordo): dobbiamo trovare un soprannome per il Tizio Nuovo. Non mi dispiace Venus in Furs (nelle ipotesi sul successore di Putin lui era Venus, Ivanov Marte, ma mi sa che questo lo sappiamo tipo in tre perché abbiamo letto lo stesso articolo), che mette insieme Venere, pelliccia d'orso, quella traccia inconfondibile di Sacher-Masoch che mi piace indovinare nei rapporti con il predecessore e un po' di Velvet e Nico. Pare però che al Cremlino lo chiamino Vizir', Visir. E anche questo mi piace.
È anche noto con il soprannome "
манная каша", mannaja kaša, cioè pappa di semola. Ma facciamo prima a chiamarlo Medwhatever, e non giurerei sulla sua natura di semolino. Nel suo famoso acquario quello ci tiene le murene, secondo me.
Altre proposte: Dima, Meddo.

Alle 2.23, ora di Mosca
... belli capelli stava avvinghiato all'1,2948% come un bradipo al suo ramo. Ho scoperto che aveva lanciato un concorso anche lui, tanto che oggi ha dichiarato i vincitori. La notizia non è questa. La notizia è che mi sono messa a leggere il suo blog.

Strappar spalline
- pensa, žirik ha detto che comincerà la sua giornata lavorativa da presidente strappando le spalline ai generali.
- gran pensata!
- aha.
7.00 si alza
7.30 si lava
8.00 strappa spalline
8.30 fa colazione
- 9.00 si sveglia e si ricorda che il presidente è medvedev.
(bash.org)

No pain no brain
Proprio mentre stavo considerando l'ipotesi di chiudere questo post poolparty ho trovato via webpark.ru alcuni poster elettorali del 1996.
Cliccate per ingrandire.

Cominciamo con un classico: sorriso da ubriacone di Boris, sguardo perso nel nulla, dichiarazione vagamente allarmante: "Ja vos'mu tvoj golos", "Prenderò il tuo voto" (ma, visto che golos è anche voce, io tendo a interpretarlo come "ti toglierò la voce"). Ché l'uomo di Butka non chiede, prende. Poi però non si ricorda dove ha messo quello che aveva preso.



Formula Putin - dostojnaja žizn'. La formula di Putin, una vita dignitosa.
Segue lungo testo in cui si spiega che la vera sfida dei tempi è la qualità della vita, non l'ideologia. Pragmatico lo è sempre stato, il nostro Vova.
Notate che all'epoca lui non aveva ancora il Piano, solo una Formula.
Del resto, non era neanche candidato.








Chi era questo brizzolatone che affermava "Sarò presidente!"?
Ma Bryncalov Vladimir, che domande.
Espulso dal Partito Comunista dell'URSS per tendenze borghesi (si era costruito una casa di tre piani, il sibarita), aveva poi fatto i soldi con gli alveari, i medicinali e soprattutto gli alcolici.
Nel 1996 aveva appena messo su il Partito Socialista.
Nel mese di marzo il gruppo che proponeva la sua candidatura presentò meno di 1.500.000 firme: Bryncalov disse che in realtà ne avevano raccolte quasi tre milioni, ma che non voleva oberare di lavoro la Commissione Elettorale Centrale. Ok. Parecchie risultarono false. Ci fu una causa. Lui la vinse. Cose così. Qualcuno arrivò a chiamarlo il Ross Perot della Russia (ecco un altro di cui non sento parlare dal '96 senza che la mia vita ne abbia risentito).
Poi però ha fatto soprattutto l'oligarca. La sua azienda farmaceutica negli ultimi anni si è messa nei guai con la legge. Medicinali contraffatti. Il Partito Comunista de noantri, forse, ci aveva visto giusto fin dall'inizio.

Javlinskij, partito Jabloko. Slogan: "Sono qui per darvi la libertà".
La sua squadra aveva un asso nella manica: aveva scoperto gli effetti e i filtri di Photoshop.
Arrivò quarto.





Gennadij Zjuganov 1, paura: sguardo torvo, evidente e apprezzabile richiamo alla gloriosa grafica sovietica, monito apocalittico "Compra il cibo per l'ultima volta". Perché? Perché domani è finito? Perché da domani me lo regala il Partito Comunista?








Gennadij Zjuganov 2: allegria. Sempre lui, anche se si stenta a riconoscerlo tanto l'atmosfera è diversa. Gennadij in mezzo ai giovani, sorridente. Se non ci fosse quel San Basilio sullo sfondo sembrerebbe il poster della Festa dell'Unità di Selz.
"La gioventù sceglie Zjuganov".
Venerdì liscio con orchestra dal vivo. Scherzo.
(Ma quanto ci è andato vicino, quella volta lì. Ricordatevi che l'ho scritto qui: è per Zjuganov che voterei, anche se nel '96 con il cibo l'aveva messa giù un po' dura).



Perché star lì a perdere tempo quando posso farmi un autoscatto in casa appena sceso dalla cyclette? Vladimir Žirinovskij, maglietta a mezza manica metallona con scritta "No brain, no pain", "Niente cervello, niente dolore".
Claim: "Io sono proprio come voi".
Emerse che proprio come lui era solo il 5,7% dei votanti.







Era il 1996, brutto anno. El'cin fregò Gennadij al ballottaggio, ben 386 persone votarono per Tuleev che si era ritirato dalla campagna elettorale, e il voto contro tutti prese l'1,5, cioè in pratica fece meglio di Bogdanov.

5 marzo
55 anni dalla morte di Stalin. Compito del giorno, esibire accento georgiano rigorosamente di fantasia.

- Compagno Stalin, cosa facciamo con Sinjavskij?
- Chi, il cronista sportivo?
- No, lo scrittore.
- Si può sapere per quale motivo ne abbiamo DUE, di Sinjavskij?

Il maresciallo Žukov esce da una riunione con Stalin mormorando a bassa voce "Porco schifoso".
Poskrebyšev lo sente e riferisce a Stalin, che fa richiamare Žukov:
- Compagno Žukov, chi aveva in mente quando ha detto "Porco schifoso"?
- Hitler, compagno Stalin.
- E lei chi aveva in mente, compagno Poskrebyšev?

Tre prigionieri in un gulag raccontano come sono finiti lì: "Io arrivavo sempre al lavoro con cinque minuti di ritardo, e mi hanno accusato di sabotaggio", dice il primo. "Io invece arrivavo sempre cinque minuti prima, e mi hanno accusato di spionaggio", dice il secondo.
"Io invece arrivavo tutti i giorni puntuale", dice il terzo, "e mi hanno accusato di possedere un orologio occidentale".

Lenin, Budapest, panico
"Scusate il ritardo, ma ieri abbiamo avuto un problema di panico per l'improvvisa apparizione di un Vladimir Lenin Cloverfield-size nel cuore di Budapest. O, almeno, così dice la stampa estera, basandosi su un lancio Reuters a proposito di una statua di polistirolo espanso del sanguinario bolscevico che è stata vista risalire il Danubio, probabilmente diretta verso il set di un film. Giuro! Andate sul sito da cui abbiamo rubato quest'immagine [ninemsn.com.au], passateci sopra il mouse e leggerete: 'Statua del leader comunista Lenin alta 12 metri semina il panico a Budapest'. Sinceramente non ci ricordiamo attacchi di panico. Ma, se lo dice la Reuters, chi siamo noi per contraddirla. E allora: Aaaaargh! Lenin gigante! Aiuto! Scappate sulle colline!"
da Pestiside.hu

Zigmund Frejd aveva ragione


"Sarò breve. Buona sera!"


"Per Konni" (il cane di Putin).


"Chi è tutta questa gente?"


Esempio di riutilizzo intelligente.


Bogdanov-clown, Žirinovskij-clown, Zjuganov-clown, Medvedev-orso.


"Non bisogna credere che siamo idioti"


"Cthulhu"


"Per tutti i candidati si rende necessaria una perizia psichiatrica!". Voto "Contro tutti! Per la libera scelta!". Aggiunta: "Sigmund Freud ('Zigmund Frejd') aveva ragione!"


"Io non ho votato"


"Chuck Norris".

[Forse continua]

Filed in:

Nessun commento: