sabato, gennaio 12, 2008

VVP e le vacanze invernali

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino. Davanti a Vladimir Vladimirovič™ sedeva il vice capo della sua Amministrazione Vladislav Jur'evič Surkov. Tra Vladimir Vladimirovič™ e Vladislav Jur'evič, sul grande tavolo presidenziale, c'erano: una bottiglia di vodka "Glavspirtrest", due bottiglie di birra "Baltika" numero tre, un vasetto aperto di cetriolini bulgari e mezza pagnotta di borodinskij. Su un foglio di carta intestata per i decreti presidenziali c'era una vobla essiccata privata della testa.
- E che, niente caviale? - domandò sorpreso Vladislav Jur'evič, mandando giù un sorso di vodka seguito da un sorso di birra.
- Eccolo, - rispose Vladimir Vladimirovič™, prendendo la bottiglia di vodka dalle mani di Vladislav Jur'evič e mandandone giù un sorso, - Bisogna pulirla.
- Pulirla? - si stupì nuovamente Vladislav Jur'evič, addentando la pagnotta, - Pulire cosa?
- La vobla, - Vladimir Vladimirovič™ indicò con gli occhi il pesce, - Eccolo lì, il caviale.
- Ma io parlavo di quello nero, - Vladislav Jur'evič era perfino un po' offeso.
- Ma quale nero, bratello! - sorrise penosamente Vladimir Vladimirovič™, - Siamo sbronzi da due settimane! Non ce n'è più... E poi lo scorso anno abbiamo decretato che non si poteva più mangiare il caviale nero...
- Sul serio? - si stupì nuovamente Vladislav Jur'evič, - Non ricordo... Non ricordo nulla...
- Bisogna fare qualcosa con queste vacanze, - brontolò Vladimir Vladimirovič™ sorseggiando la birra, - Il paese va a rotoli...
- Lascia che adesso ci pensi Dima, - rispose Vladislav Jur'evič, - Magari lui è sobrio...
- Ma quando mai, - Vladimir Vladimirovič™ agitò una mano, - Ancora in dicembre gli ho detto: bevi, Dima, bevi come se fosse l'ultima volta. Perché poi per i prossimi otto anni non ne avrai il tempo.
A un tratto le imponenti porte si spalancarono e nello studio presidenziale entrò incespicando il primo vice primo ministro Dmitrij Anatol'evič Medvedev con una bottiglia di champagne Cristal tra le mani tremolanti. Dmitrij Anatol'evič indossava una barba finta di ovatta bianca e il copricapo del Patriarca di Tutta la Russia con i serafini dalle sei ali sulla fronte.
- Bratellos! - esclamò Dmitrij Anatol'evič, - Pensavo una cosa, pensavo...
- Cosa pensavi? - domandò Vladimir Vladimirovič™, - Come abrogare le vacanze invernali?
- Ma quali vacanze! - Dmitrij Anatol'evič agitò la bottiglia. Dal collo dorato uscì un getto di champagne che finì sibilando e schiumando sul presidenziale tappeto, - Pensavo e non riesco proprio a decidermi su cosa sia meglio: una femmina o un nero?
Vladimir Vladimirovič™ e Vladislav Jur'evič fissarono allibiti Dmitrij Anatol'evič.
- Ma... - bofonchiò Vladislav Jur'evič, - In che senso, cos'è meglio?... Meglio per cosa?...
- Ma come, per cosa? - si imbarazzò Dmitrij Anatol'evič, - Per i... come cavolo... per i rapporti...
Vladislav Jur'evič fu lì lì per strozzarsi.
- Per quali rapporti, Dima? - sussurrò con orrore Vladimir Vladimirovič™.
- Ma chiaro, per quali, - Dmitrij Anatol'evič si strinse nelle spalle - Per quelli internazionali. Devo vedermela io con loro ai summit...
Vladimir Vladimirovič™ fece un sospiro di sollievo.
Vladislav Jur'evič mandò giù un altro bel sorso di vodka.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: