martedì, gennaio 01, 2008

VVP e il discorso di fine anno

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin stava in piedi davanti all'Edificio del Senato. In mano aveva un calice di champagne.
- Ecco che ci troviamo ancora una volta a dare il benvenuto al Nuovo Anno, - disse Vladimir Vladimirovič™, - Un anno di grandi cambiamenti per il vertice del potere esecutivo russo. Un anno di nuove speranze e nuove realizzazioni. E oggi voglio esprimere aluni auspici. Innanzitutto, ricordiamoci che il potere della Russia non deve far paura. Esso ci appartiene, e possiamo usarlo secondo la nostra discrezione. L'abbiamo scelto e siamo noi a esercitarlo.
Vladimir Vladimirovič™ sorrise, ammiccò e proseguì.
- In secondo luogo, è bene non dimenticare la responsabilità personale, - disse Vladimir Vladimirovič™, - La Russia è nostra. Le dobbiamo la nostra prosperità. Se lavoreremo bene insieme, anche la Russia starà bene. Ma se ci scorderemo della Russia non ci sarà alcuna Russia. In terzo luogo, mi auguro un comportamento responsabile nelle elezioni di marzo. Solo da quello dipenderà il futuro.
Capito tutto, Dmitrij Anatol'evič?
E Vladimir Vladimirovič™ ancora una volta ammiccò.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

[Qui un montaggio dei discorsi di fine anno di Brežnev, Gorbačëv, Elc'in e Putin. Lo sguardo ciucco e le pause di Elc'in varrebbero da soli la visione].

Nessun commento: