venerdì, gennaio 18, 2008

Inverno, buio, gelo, gasdotto

Inverno. Buio. Gelo. La distesa innevata è attraversata da un voluminoso gasdotto. Molto voluminoso. Accanto al gasdotto c'è un falò acceso. Attorno al falò sono seduti Žirik, Zjuganov, Medvedev e Kas'janov.
Didascalia: Siberia. Campagna elettorale dei candidati alla presidenza della Russia.Žirik: - Che freddo! Meno trenta, se l'annunciatore non mente!
Didascalia: Candidato Vladimir Vol'fovič Žirinovskij.
Zjuganov: - Epifania! Vero freddo ortodosso! Piace!
Didascalia: Candidato Gennadij Andreevič Zjuganov.
Kas'janov: - Vergogna! L'infrastruttura va a pezzi e le autorità ce lo nascondono!
Didascalia: Candidato Michail Michajlovič Kas'janov.Žirik: - E perché non l'ha sistemata lei, l'infrastruttura, Michail Michajlovič, quando era al potere, eh?
Kas'janov: - Dovevo pagare i debiti! Non c'erano i soldi, per le infrastrutture!
Zjuganov: - Avete mandato in malora tutto il paese. Ci scaldiamo accanto ai fuochi, come a Pietrogrado nel diciassette. E gli oligarchi ingrassano. Se fossi io il presidente, sbatterei dentro tutti gli oligarchi!
Žirik: - Li metterebbe dentro, e allora? Farebbe più caldo?
Zjuganov: - Forse non farebbe più caldo. Ma almeno non sarebbe così offensivo!
Žirik: - Sì, fa l'offeso lui... ma se è tutto contento che sia come nel diciassette. Romanticismo rivoluzionario!
Zjuganov: - Sì, sono contento! Epifania e rivoluzione, bellissimo! E il popolo russo sopravviverà. Anche al freddo.
Kas'janov: - No, se fossi io il presidente comprerei a tutti i cittadini dei biglietti per i paesi caldi. Tutti gli inverni.
Žirik: - Perché comprarli? E vuole diventare presidente... No, se fossi io il presidente ci bagneremmo già i valenki... pfui, gli stivaletti nell'Oceano Indiano! A Goa! Freddo è freddo... bisognerebbe bere qualcosa, eh?
Kas'janov: - Non c'è niente da bere. La vodka si è congelata. Ma come mai se ne sta zitto, il nostro Dmitrij Anatol'evič? Non ha niente da dire, è così?
Medvedev: - Penso. Concepisco un nuovo progetto nazionale. Lo chiamerò "Calore accessibile". Ce l'abbiamo un piccone? Un'accetta?
Titolo: Candidato Dmitrij Anatol'evič Medvedev.Medvedev prende l'accetta, si alza, si avvicina al gasdotto e ci fa un buco. Dal tubo si alza un'enorme fiammata, tutto si illumina, la neve si scioglie, spunta l'erba, sbocciano i fiori e crescono gli alberi.
Kas'janov: - Dmitrij Anatol'evič, ma che è?! Adesso ci arrivano i corpi speciali! L'OMON! Lo sa, cos'è l'OMON? Lo so io, lo so!
Medvedev: - Non c'è da preoccuparsi, Michail Michajlovič. Questo è un gasdotto. Significa che è NOSTRO!
Žirik (brandendo una bottiglia): - Signori candidati! Guardate qua, la vodka si è scongelata! Possiamo bere!
Dissolvenza al nero. Sullo schermo appare la scritta:


ATTENZIONE!
VOI
A CASA
NON
FATELO!
Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: