venerdì, ottobre 05, 2007

VVP e gli Androidi

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino e si preparava a diventare deputato della Duma.
A un tratto le imponenti porte dell'ufficio presidenziale si spalancarono e fece il suo ingresso con passo deciso il presidente del Consiglio della Federazione Sergej Michajlovič Mironov. Sergej Michajlovič aveva la barba lunga, calzava degli stivaloni di similpelle e portava sulle spalle un voluminoso zaino di tela catramata. Il presidente teneva nella mano destra una grande piccozza.
- Che accade, bratello? - domandò sconcertato Vladimir Vladimirovič™.
- Canaglia, ecco cosa c'è, - gli rispose Sergej Michajlovič agitando la piccozza verso Vladimir Vladimirovič™.
- Ehi, ehi! - Vladimir Vladimirovič™ scattò su dalla poltrona presidenziale, - Chiamo subito le guardie del corpo!
- Me ne frego delle tue guardie del corpo, - rispose Sergej Michajlovič abbassando la piccozza, - Di te, del tuo Consiglio della Federazione, del tuo Cremlino e di tutte queste tue elezioni. Vado nei campi. Sono un geologo, non un androide!
Sergej Michajlovič si voltò e uscì con passo deciso dallo studio.
Vladimir Vladimirovič™ telefonò subito al capo della sua Amministrazione Vladislav Jur'evič Surkov.
- Ascolta, bratello, - disse preoccupato Vladimir Vladimirovič™, - Io te l'avevo detto che il piano "Russia Unita" era pericoloso!
- Cos'è successo? - domandò Vladislav Jur'evič.
- Gli androidi si stanno trasformando in esseri umani! - rispose Vladimir Vladimirovič™, - Mironov è andato nei campi! A fare il geologo!
- Ah, ma non c'è niente di terribile, - spiegò Vladislav Jur'evič, - Vedi, esistono le cosiddette leggi della robotica.
- Questo lo so, - annuì Vladimir Vladimirovič™, - Un androide non può nuocere a un essere umano. E via dicendo.
- Tipo, sì, - rispose Vladislav Jur'evič, - Ma c'è un'altra legge poco conosciuta.
- Quale? - domandò Vladimir Vladimirovič™.
- Questa legge afferma, - disse Vladislav Jur'evič, - Che la quantità di androidi in natura deve restare costante. In altre parole, non devono diventare più numerosi. Altrimenti le macchine si ribellano e l'umanità è kaputt.
- Beh? - domandò con impazienza Vladimir Vladimirovič™, - E allora?
- E allora, - spiegò Vladislav Jur'evič, - Quando un umano si trasforma in androide, un androide si trasforma in umano, e...
- Ma allora chi, chi è diventato un androide al posto di Mironov? - Vladimir Vladimirovič™ interruppe Vladislav Jur'evič.
- Beh... - Vladislav Jur'evič esitò, - Ehn…
Vladimir Vladimirovič™ udì un quieto ronzio e si guardò attorno. Nello studio non c'era nessun altro, oltre a lui.
Vladimir Vladimirovič™ si sentì impallidire.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: