martedì, ottobre 16, 2007

Make disco, not war

Quale miglior modo per convincere i separatisti filorussi dell'Ossezia del Sud a deporre le armi, a rinunciare una volta per tutte alla secessione e a ricongiungersi pacificamente con i georgiani?
Si prende un villaggio di frontiera, proprio nel mezzo del conflitto, non lontano dalla capitale ribelle Tskhinvali: Tamarašeni, rimasto fedele alla Georgia.
E lì si organizza un concerto dei Boney M*.
Sì.
"Speriamo di riuscire a convincere le persone a uscire dalle trincee, a deporre i Kalašnikov, a venire qui a ballare con gli altri e a capire che niente è più bello della pace, niente è più bello della riconciliazione", ha dichiarato il presidente georgiano Saakašvili. Insomma, Ossezia del Sud: più soldi, più pace, più disco con la Georgia!
Pensavo che l'accoppiata Yanukovič-Verka Serdjučka nella recente campagna elettorale ucraina fosse il Grande Momento Postsovietico del 2007, ma non avevo fatto i conti con la Georgia.
Come scrive Mark McKinnon nel suo blog, "non so decidere se sia paradiso o inferno, ma vorrei esserci comunque".
Per sicurezza, possiamo ibernarmi ancora per qualche anno?

*In realtà si trattava del gruppo della sola Marcia Barrett, perché in circolazione ci sono almeno due band che si fanno chiamare Boney M. L'ex cantante della formazione originale, Liz Mitchell, fa sapere di non aver niente a che fare con il concerto organizzato nell'Ossezia del Sud. C'è anche una controversia legale in corso.
Si fa fatica a far riconciliare i Boney M., rendiamoci conto.

Link

Nessun commento: