giovedì, ottobre 11, 2007

La vera rivoluzione arancione

– Ho deciso che mi dipingo i capelli di rosso.
– Guarda che bisogna accettare l'età che avanza!
– Qui c'è scritto che va via dopo 28 shampoo.
– Perché, guarda caso, corrisponde al ciclo lunare?
– Non ci provare.
– Mumble mumble...
– Smettila!
– Loro sanno che li lavi ogni giorno?
– Mmmmmh.
– Bizzarra coincidenza.
– Ma mi starà bene, non è proprio rosso rosso. Qui c'è scritto ambra.
– Quindi arancione.
– Vai a vedere qui.
– A te non starà mai così.
– Meglio, a me così non piace.
– E comunque non è ambra, è... è...
– Ma no, certo che no.
– Non so cosa sia.
– È brutto?
– È arancione.
– Scusami, il color pigna non c'era.
– Hai la pelle troppo scura.
– Non è più scura, sto tornando normale!
– Più scura della tizia lì. Non hai l'aria irlandese, sai.
– Ma sono diversa, ho anche gli occhi castani.
– Certo, la gente dirà: guarda quella rossa! Se non avesse gli occhi castani sarebbe un disastro!
– Piantala.
– Perché farsi dire dai goriziani, gente semplice, guarda come si è conciata la matta.
– ...
– Ora è arancio-mattone. Sgomma e tira la prima per chilometri.

Nessun commento: