venerdì, settembre 07, 2007

The Playmobil Days of Our Lives

Oggi Playmobil di famiglia: addii, partenze, ricongiungimenti, spavalde foto di gruppo e prigionie.



"Addio, mia amata". Niente baci, niente
abbracci, solo una virile stretta di mano. Lei bella
come una tennista russa, ma a lui il giallo non dona.
(Osservate bene la zona della foto in alto a destra).



Papà torna. Speriamo che il tetto tenga.
Ma soprattutto: confrontate con la foto precedente.
Eh? Papà torna. Siamo autorizzati a dedurre che l'uomo
in giallo non fosse papà?



Anche il pony è una femmina, il che contribuisce a spiegare
la propensione a lunghe spedizioni militari
lontano da casa (Fonte: Atti del Demiurgo JTF).



La famiglia teutonica aspetta gli invasori con il sorriso
sulle labbra (notate che il bambino è spaventosamente esposto,
visibilmente privo di elmo e coperto solo da una felpa.
Di morbidissimo pile, questo sì).



Questi non sono bambini, sono scudi umani.
Il gatto, invece, è astutamente mimetico.



L'ultima foto del prigioniero con moglie e figlia,
poi uscì per andare a una riunione politica dell'opposizione.
(Mi stupisce sempre la competenza con cui il Demiurgo
sa distinguere il sesso dei Playmobilij).



Noi in effetti ce lo ricordavamo così, nel rispetto
delle Convenzioni di Ginevra e a un passo dalla
Sindrome di Stoccolma.

Nessun commento: