martedì, settembre 18, 2007

Piccoli suicidi tra amiche

– Guarda, non dire mai più che ho una guida sicura.
– Perché.
– Ho combinato un casino sulla rotatoria dell'Anconetta. Rotatorie maledette, le odio.
– Quanto, casino?
– Ho tagliato la strada a uno e un motociclista è finito a terra.
– Fatto male?
- No, fatto niente. Io che insistevo per dargli dei soldi, un altro che si metteva in mezzo... Lui continuava a dire che aveva fretta e che non c'era problema, che si era rotto solo un robo della moto. Era anche grazioso, tra l'altro.
– E tu?
– Io sconvolta, fuori di me. Non ha neanche voluto il mio numero di telefono.
– Ahahah.
– E lui che voleva andarsene e io che continuavo a ripetergli il mio cognome e "Sull'elenco di Monfalcone sono l'unica con quel cognome!" E niente, è andato via. Mia madre che assisteva in disparte mi ha fatto notare che ha tenuto sempre su il casco.
– Come facevi a sapere che era grazioso?
– Si capiva. Secondo lei la faccenda del casco è poco chiara.
– A casa si sarà tolto il casco e...
– Cosa?!
– Ma sì, sai...
– No, non lo so, cosa!
– La testa che si apre a metà.
– Non guiderò mai più. Voglio uccidermi.
– Ok.
– Voglio buttarmi giù dal Rilke.
– Va bene.
– Solo che come ci vado sul Rilke, se non guido?
– Ti porto io?
– Davvero mi porteresti?
– Se serve.
– Grazie.
– Il gelato con la panna al Bar Bianco lo prendiamo prima o dopo?
– Ma dopo, va'.

Nessun commento: