mercoledì, settembre 26, 2007

I Dolori del Giovane Stinnicchiatore/2

– Ciao Stinni, come va?
– Sento freddo.
– Io ho appena riposto a malincuore la mia collezione di zeppe estive.
– Freddo dentro.
– ...
– Ieri sera sono andato al cinema da solo.
– Eh.
– 7 euro per una dormita.
– ...
– Ero giù.
– Questo non si chiama "ero giù", si chiama "sonno arretrato".
– Oggi è pure il suo compleanno.
– E noi ci si fa una pizza.
– Sì! In un luogo caldo?
– Perché avete tutti paura che vi porti in Siberia, io non lo capisco.
– Alle otto?
– Ti passo a prendere io, davanti al bar Principe, quello con il biliardo.
– Porto anche Jack e Frankie?
– Ok, ma niente pupe.
– E vaffanculo A.
– All'incirca.
– Posso portare il maglioncino?
– Puoi portare anche la coperta di pile.
– Va bene.
– Resta inteso che se all'ultimo ti chiama A., tu prima fai il prezioso e poi ci esci.
– Eh se succedesse! Sai il regalo che ti farei, tessorro!
– Regalino?
– Eh!
– Sentiamo un po'.
– Ti regalerei...
– Sì?
[con autentico entusiasmo] - Le catene da neve per la Panda!
– Stinni.
– Che?
– Ma vavattenne, va'!

Nessun commento: