giovedì, luglio 26, 2007

VVP e i Cervelli

[Continua la guerra circoscritta a colpi di espulsioni e rappresaglie tra Russia e Gran Bretagna (che chiede l'estradizione di Lugovoj per l'affare Litvinenko nonostante la costituzione russa non la preveda, rifiutandosi da tempo di concedere l'estradizione di Berezovskij). Ieri Putin, durante un incontro con i movimenti giovanili filocremliniani, ha accusato la Gran Bretagna di residui di neocolonialismo. Frase memorabile (ultimamente Vlad è tutto una frase memorabile): "Bisogna cambiare i loro cervelli, non la nostra costituzione". Link in russo.
Nel frattempo, VVP...]

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin entrò nel laboratorio del vice capo della sua amministrazione Vladislav Jur'evič Surkov. Vladislav Jur'evič, in camice bianco, stava in piedi accanto a un androide mezzo smontato disteso su un tavolo operatorio e gli frugava dentro la testa con un grande saldatore simile a un'ascia.
- Ascolta, bratello, - disse Vladimir Vladimirovič™, guardandosi attorno, - Allora cosa facciamo con il terzo mandato?
- Non possiamo fare niente, - disse Vladislav Jur'evič, - Non capirebbero.
Vladimir Vladimirovič™ si avvicinò al grande cannone psicotronico che si trovava accanto alla finestra del laboratorio.
- Siamo sempre lì, - disse Vladislav Jur'evič, - Bisogna cambiare la costituzione. E allora al diavolo la costituzione: cambiamola. Ma come lo spieghiamo alla gente?
- Bisogna cambiare i loro cervelli, mica la costituzione, - borbottò Vladimir Vladimirovič™, facendo amorevolmente scorrere la presidenziale mano sulla liscia canna d'acciaio del cannone psicotronico.
Vladislav Jur'evič non rispose.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: