martedì, luglio 17, 2007

VVP e gli inglesi

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino e leggeva lieto le previsioni contenute in un rapporto delle compagnie petrolifere americane, secondo le quali il prezzo del petrolio sarebbe salito a 150 dollari al barile.
A un tratto l'imponente porta dello studio presidenziale si aprì e nella stanza entrò con discrezione il ministro degli esteri Sergej Viktorovič Lavrov.
- Bratello, - disse preoccupato Sergej Viktorovič, - La Gran Bretagna ha comunicato l'espulsione di quattro diplomatici russi. Urge una nostra reazione. Propongo di espellere sei diplomatici inglesi e il console. Tanto più che si appresta a parlare di non so cosa con i nostri blogger russi.
- Con i blogger? - si stupì Vladimir Vladimirovič™, - E perché?
- Non lo so, - il ministro si strinse nelle spalle, - Ma personalmente tutto questo non mi piace affatto. Bisogna espellere forse anche otto...
- Non serve espellerne otto, - disse Vladimir Vladimirovič™, - Bisogna espellerne uno, e neanche dalla Russia, ma da Londra.
- Come, da Londra? - Sergej Viktorovič non capiva, - E chi è che dobbiamo espellere?!
- Segnati questo nome, - disse Vladimir Vladimirovič™, - Abramovič Roman Arkad'evič. E stiamo a vedere come cambiano idea.
Il ministro degli affari esteri guardò Vladimir Vladimirovič™ con grande rispetto.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: