giovedì, luglio 19, 2007

VVP, Berezovskij e il Bambino

[Contesto, l'ultima di Berezovskij: "Tre mesi fa degli amici russi che hanno contatti con i servizi segreti dell'Fsb mi avevano messo in guardia contro un piano. 'Attento, manderanno uno che conosci e che ti proporrà un incontro in una stanza dell'Hilton a Park Lane. Niente veleno come per Litvinenko questa volta, ma un colpo di pistola alla testa. Poi si farà arrestare e dirà che ha ucciso per rivalità in affari. La giustizia inglese gli darà vent'anni; ne sconterà dieci grazie alla buona condotta, e quando uscirà si troverà un gran bel conto in banca'. Non ho preso la storia molto sul serio, ma ho informato la polizia. E tre settimane fa Scotland Yard mi ha avvertito di aver individuato il killer e mi ha suggerito di andare all'estero per un po'. Ora sono tornato e accuso l'uomo dietro questo piano: il criminale Vladimir Putin".
I giornali inglesi parlano anche del coinvolgimento di un misterioso bambino.
Così, nel mondo di VVP...]

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino e seguiva sullo schermo del televisore presidenziale la diretta del colloquio tra l'oligarca-dissidente Boris Abramovič Berezovskij e la polizia britannica.
- Mister Berezovskij, - disse a Boris Abramovič uno dei poliziotti, - Abbiamo ricevuto l'informazione che l'FSB sta per mettere in atto un piano per ucciderla.
- Sciocchezze, - Boris Abramovič scoppiò a ridere, - Hanno le braccia troppo corte. E poi come lo spiegherebbero?
- E invece, - continuò imperturbabile il poliziotto, - Abbiamo ricevuto un'informazione affidabile secondo la quale l'assassino si trova già a Londra. Si prepara a incontrarla e a ucciderla con un colpo di pistola. Poi non si nasconderà. Spiegherà che tra voi c'erano stati dei problemi per questioni d'affari, e che per questo aveva deciso di ucciderla.
- Allora finirà dentro, - sorrise Boris Abramovič, - Mi sembra una sciocchezza. Chi può crederci?
- Certo che finirà dentro, - annuì il poliziotto. - Gli daranno vent'anni. Ne sconterà dieci, poi verrà scarcerato, riceverà un mucchio di soldi e diventerà Eroe della Russia. Come Ramzan Kadyrov.
- Ma non è una cosa seria, - commentò Boris Abramovič, - Conosco bene l'FSB, cari signori. Ho passato tanti anni con Litvinenko che lo conosco bene. Sono tutte sciocchezze. Vi stanno prendendo in giro.
- L'assassino è già a Londra, - ripeté il poliziotto, - È sceso all'hotel Hilton, su Park Lane.
- Hilton? - disse allegro Boris Abramovič, estraendo dalla tasca il cellulare, - Faccio subito una telefonata a Paris!
- Con lui in quella stanza d'albergo si trova anche un bambino, - aggiunse il poliziotto.
Boris Abramovič impallidì.
- Un bambino? - domandò confuso al poliziotto, rigirando nervosamente il telefono tra le mani tremanti, - Avete visto personalmente quel bambino?
- Un bambino piccolo, - annuì il poliziotto, - Pensiamo che serva da copertura.
- Un bambino... - mormorò Boris Abramovič, che si alzò dalla poltrona barcollando.
La fronte di Boris Abramovič si imperlò di gocce di sudore. I suoi occhi esprimevano una paura primitiva.
Vladimir Vladimirovič™ ridacchiò.

[Sibillino? No, se capite a cosa hanno pensato tutti, leggendo del 'bambino misterioso' del racconto di Berezovskij: ricordate il piccolo Nikita che ricevette il famoso bacio sul pancino di Vlad il sanguinario? Quale migliore agente di lui].



Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: