martedì, luglio 03, 2007

Le carte di Putin

Ho già fatto autocritica costruttiva e ammesso il mio debole per gli articoli di Andrej Kolesnikov, inviato speciale del Kommersant al seguito di Putin. Ecco una piccola selezione dal pezzo uscito oggi sull'incontro con Bush:

"La residenza del presidente degli Stati Uniti non regge il confronto con le case dei milionari russi. Sulla piccola piscina di 12 per 4 metri sventola una bandiera russa. Su uno dei vialetti asfaltati spicca l'insegna: 'Attenzione, presidente in bicicletta. Rallentare'".

---

"- Abbiamo discusso molto bene, - ha detto Bush junior, - ci siamo trovati d'accordo su alcune questioni e in disaccordo su altre. Ma la cosa importante è quello che vedo in Vladimir: è una persona trasparente, onesta.

E io ho pensato che George Bush ripete queste stesse parole circa ogni due anni, con una specie di insistenza maniacale che forse meriterebbe un impiego migliore".

---

"- Vogliamo dire agli iraniani che non siamo contro di loro. Abbiamo dei problemi con il loro governo. E ho capito che possiamo mandare un chiaro messaggio comune all'Iran... Sì, e Vladimir Putin ha proposto un approccio regionale alla questione della difesa missilistica, e a me piace quest'idea! Le nostre strutture devono lavorarci su...

Anche se a dire il vero non era molto chiaro quale fosse l'idea che era tanto piaciuta al presidente degli Stati Uniti. Ma la cosa importante è che lo sapesse lui.

- Appoggiamo l'idea di consolidare le nostre forze in merito alla stazione radar di Gabala, - ha aggiunto Putin, - E per farlo serve il Consiglio Russia-NATO. Noi proponiamo di creare un centro per lo scambio di informazioni a Mosca... Un altro potrebbe essere realizzato in una delle capitali europee, come Bruxelles. Si tratterebbe di un sistema unico in grado di operare in tempo reale... In questo caso non sarebbe necessario posizionare altre strutture in Europa, e mi riferisco a quelle nella Repubblica Ceca e in Polonia. E se serve siamo pronti a modernizzare la stazione radio di Gabala. Se questo non è ancora abbastanza, siamo pronti a includere nel sistema anche una nuova stazione radar, un sistema di preallerta nel sud della Russia.

Le sensazionali proposte sono uscite dalle labbra di Vladimir Putin come dal corno dell'abbondanza. Il signor Bush lo ha guardato meravigliato e ha perfino smesso di sorridere (sorrideva da 15 minuti, cioè dall'inizio della conferenza stampa). A quanto pare il signor Putin non gli aveva esposto nessuna di queste proposte. E adesso il presidente degli Stati Uniti stava nuovamente perdendo terreno".

---

"Chiaramente Vladimir Putin aveva preparato in anticipo la frase conclusiva di questa conferenza stampa:
- Le carte sono state distribuite, possiamo cominciare a giocare. E io vorrei tanto che giocassimo allo stesso gioco".

In russo
In inglese

[Avete osservato il portamento di Putin, soprattutto il movimento delle braccia? Come mi fece notare un amico anni fa, "Sembra sempre che si stia dirigendo sul podio a ritirare l'oro olimpico". Quando si comincia a farci caso diventa una dipendenza. Certo, la seguente domanda è ammessa: "que drus'jà tienes, miro?" La risposta sarà sempre: "moì amigos son todos locos like Vadik the pony, kanyeshna"].

Nessun commento: