martedì, luglio 17, 2007

La Grande Guerra del Playmobilio

Com'è ormai tristemente noto, il nostro neocon residente Tovarišč J. Fëdor è stato sottoposto a un programma di rieducazione intensiva che mira a trasformarlo in un udarnik di primo livello e che comporta il divieto di accesso al qui presente tunnel dell'ammmore di peluche (lato estate). Fortunatamente, prima di partire per il campo di lavoro YaG-14/10 di Krasnokamensk ci ha lasciato le foto delle sue sorridenti creature alte 7,5 centimetri ma soprattutto La Storia. Siete invitati a partecipare, aggiungere, creare plot e subplot, ipotizzare e soprattutto commentare.
Segue la narrazione di TJF, come l'ho ricevuta (solo lui può cominciare con "siamo nell'anno 859 circa"):

Introduzione
Siamo nell'anno 859 circa dell'era cristiana alternativa di TF (che sarei io)
Lo scenario è quello dello Scontro di Civiltà, anzi tra la Civiltà e la Barbarie, tra l'Ordine e il Caos, tra il Bene e il Male... mi raccomando le maiuscole, come direbbe Miguel.

Il Bene è rappresentato dall'Impero Romano d'Occidente, ridottosi alla sola Italia e Tunisia, dall'Impero Bizantino (Grecia e Turchia, poco più), dal nuovissimo Impero Romano Rus di Kiev (guidato da un vecchio furbone tutto vestito di rosso che accumula titoli in cambio della sua alleanza), insomma le Tre Rome.
Però il vero potere ce l'ha il Re di Francia (Parigi e banlieu, già c'ha la mania di grandezza), col suo grande esercito e i suoi vassalli sparsi per la Gallia e i suoi alleati Angli Azzurrini a Londinium.
Il confine nord è difeso dai valorosi, anzi feroci, cavalieri teutonici guidati da... ops, com'era il nome?
Naturalmente non dimentichiamo il Regno Crociato di Gerusalemme.

Le Forze del Bene, stato civile e composizione
Allora, iniziamo dalle Forze del Bene:

un Imperatore Generale a Roma (single): ben 10 soldati.
Uno Zar a Kiev (moglie e figlio): solo 4 soldati.
Un Basileus a Costantinopoli (sposato con la Regina d'Egitto, una figlia): 5 soldati.
Un Re a Parisium, con moglie e 3 figli, 8 soldati.
I vassalli portano ben 1 cavaliere e 5 soldati (di cui uno con moglie e 4 figli, scena strappalacrime dell'addio).
Burgundi: 3 soldati per il Re di Francia.
Aquitani: idem.
Angli: 1 Cavaliere fortissimo, 1 fighetto di dubbia utilità bellica, 2 soldati, 1 moglie e 2 figli del fighetto, con suora istitutrice (non te la sarai dimenticata!).
Cavalieri Teutonici: 1 Generale, 3 soldati, una moglie e 3 figli.
Crociati: due cavalieri (sospetti sodomiti ma vai a controllare fin là... ).

Come vedi, il vero potere ce l'hanno i franchi e i romani.

I Cattivi: stato civile e composizione
Illiri (tutti neri): la Regina Nera [che sarei io, nota di Miru], un Giovane Pioniere (si mormora figlio di lei che pure è nubile), 2 cavalieri spasimanti, 6 soldati, 2 cavalieri cattivi e basta, un traditore di Roma ex gladiatore.
Cinesi [tonii, n.d.M.]): 2 generali, 8 soldati, 5 cavalieri .... l'esercito del mistero che viene da lontano per rubarci le donne (sennò perché?).
Vichinghi: 1 Re, una moglie e un principino, 8 soldati.
Iberici (neri e rossi): 1 Barone, con moglie e due figli, 8 soldati.
Barbari: 1 Re Cadafero [Manuel, n.d.M.], 2 cavalieri, 5 soldati.
Un pirata (cattivo, per certo).

I Misteri & le Complicazioni
Naturalmente il bello è nella preparazione dello scontro e nei suoi misteri:
- chi ha organizzato l'Alleanza del Male per attaccare la Civiltà da ogni parte?
- che ruolo giocano Nettuno e sua figlia?
- chi è il burattinaio?
Sto tentando di pensare a un sistema di gioco in stile Wargame: Soldati, Generali che guidano i soldati, Cavalieri solitari, spade che danno bonus in attacco e mille inutili complicazioni.

Le Foto



il re dei Franchi, detto Libera e Bella I



gli Illiri lasciano il castello per invadere il Mondo Civilizzato



ragazzini angli con suora istitutrice

e, per finire in bellezza



un oppositore illirico in gattabuia!

Ora, Compagni, vi prego di soffermarvi sulla civiltà con cui noi Illiri trattiamo i prigionieri: dietro le sbarre e guardati a vista, ma lindi nel loro gilet a righe, i capelli puliti e pettinati. Notate la torre, ingentilita da stemmi raffiguranti un leone, un gallinaceo e un ranocchio sorridenti. E poi, è possibile che i due paracarri grigi ai due lati della zolla erbosa siano degli idranti? Siamo o non siamo una grande civiltà? Amo quest'alternanza di linee e curve, i lampioncini pop, gli ammennicoli blu elettrico dal design vagamente Alessi.
Due cose, però:
1. Madre Badessa non me la racconta giusta.
2. Come può la Regina Nera resistere al fascino di quel fricchettone di Libera e Bella I?

[Ho ancora un sacco di foto: devo solo farmi spiegare un po' di cose da TJF, attualmente impegnato in un turno di 15 ore in quella dannata miniera di uranio. Pensandoci, potrei stringere un'alleanza segreta con i Franchi approfittando della sua assenza].

Nessun commento: