martedì, luglio 10, 2007

Impara il russo con il Lipson!/6

Compagni, sento che siete spiritualmente pronti per una nuova puntata del Lipson. Per oggi ci limiteremo a un breve ma denso dialogo tra colui che d'ora in poi chiameremo bambino scemo e sua madre. Argomento: le tigri e i problemi geografico-indentitari del bambino scemo e dei suoi familiari.




- Màma, gde zivùt tìgry?
- Tìgry živùt v Àzii.
- Ja živù v Àzii?
- Net, ty ne živëš' v Àzii.
- A ty i pàpa, vy živëte v Àzii?
- Net, my ne živëm v Àzii.
- Kak tak?
- Tak kak my ne tìgry.

- Mamma, dove vivono le tigri?
- Le tigri vivono in Asia.
- Io vivo in Asia?
- No, tu non vivi in Asia.
- E tu e papà vivete in Asia?
- No, noi non viviamo in Asia.
- E come mai?
- Perché non siamo tigri.

Prima il consueto sconcertante file audio, qui. Se il login vi scoccia, provate qui. Sennò vi telefono a casa.

Il brano non presenta particolari problemi di pronuncia: serve a esercitare soprattutto la vocale tonica ы (y) presente in тигры, вы e мы. Prendete lingua, denti, palato, corde vocali e tutto quello che potrebbe servirvi. Fatto? Fate finta di dover pronunciare una у russa, cioè una "u": parte posterodorsale della lingua indietro e in alto. Però, invece di sporgere e arrotondare le labbra come per la у, voi le lascerete ferme lì. In pratica dovrete ottenere un suono dal timbro basso, una via di mezzo tra la "u" e la "i". Provare.

Per quanto riguarda il bambino scemo, la sua curiosità è più che giustificata, benché la domanda sia posta male. La mamma, dal canto suo, lo ripaga con un sillogismo leghista: la risposta, benché soddisfacente nel breve periodo, lascia aperti alcuni gravi interrogativi. Anche limitandoci all'Unione Sovietica e ammettendo che i cinesi siano tigri, cosa ce ne facciamo dell'Asia Centrale? Uzbekistan, Turkmenistan, Tajikistan e Kyrgyzstan li buttiamo via? E la Siberia? Capo Čeljuskin cos'è, il due di briscola? Ci pare il modo di educare un bambino, per quanto mostruosamente scemo?

E infine veniamo a noi. Intuisco una certa preoccupazione: alla sesta lezione non abbiamo ancora imparato a dire "buongiorno", "buonasera", "grazie", "quanto costa", "cerco un ricambio per Folletto" e "può cortesemente togliere il suo piede dal mio?"
È vero.
Però adesso sapete riconoscere a prima vista un asiatico. Ha gli occhi a fessura, due orecchie minuscole, le zampe sghembe, un pungiglione al posto della coda, il corpo rigato e due denti.
E poi, naturalmente: piace vivere Asia.

Update: ve l'avevo detto che YouTube era l'inevitabile ultima risorsa.

Nessun commento: