martedì, giugno 26, 2007

VVP e il salto qualitativo

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva alla nanoscrivania nel suo nanostudio all'interno del Nanocremlino e nanolavorava ad alcuni nanodocumenti.
A un tratto la nanoimponente nanoporta del nanostudio si spalancò per lasciar entrare con passo nanorapido il Nanopresidente della Nanoduma, il nanoandroide Boris Gryzlov.
- Nano alla Russia! - il nanoandroide salutò Vladimir Vladimirovič™, - Abbiamo una nanoproposta di nanolegge.
- Nanointeressante, - rispose Vladimir Vladimirovič™ senza distogliere lo sguardo dai suoi nanodocumenti.
- Nanoascolta, - disse il Nanopresidente avvicinandosi alla nanopresidenziale nanoscrivania, - Noi intendiamo proporre il prossimo nanosalto di nanoqualità del nostro nanostato.
- Noi chi? - domandò Vladimir Vladimirovič™.
- Nanonoi, - rispose il Nanopresidente, - Nanorussia Unita!
- E cosa sarebbe questo nanosalto di nanoqualità? - domandò Vladimir Vladimirovič™.
- Le picotecnologie, - spiegò il nanoandroide, - Di fatto abbiamo un intero nanoprogramma. Picotecnologie, femtotecnologie, attotecnologie, zeptotecnologie e yoctotecnologie.
- Yoctotecnologie? - Vladimir Vladimirovič™ non capiva.
- Yocto, - annuì il Nanopresidente, - È come due volte nano e anche un po' nanomeno…
- Meno!? - esclamò Vladimir Vladimirovič™, - Ma andate a quel paese con le vostre tecnologie!... Guardati attorno: si è rimpicciolito tutto! La nanoscrivania... i nanodocumenti! Il nanostudio! Il Nanocremlino!
- E il Nanopresidente, - annuì il nanoandroide, - Ciò va nanobene.
- Nanopresto scompariremo, - replicò Vladimir Vladimirovič™ nanotristemente.
- Bratello, - ronzò il nanoandroide, - Sarà nanomeglio per tutti. Nanocredimi.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Filed in:

Nessun commento: